QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Tadej Pogacar avverte del “fantastico” campione del mondo a Liegi: “Anche se mi manca Evenepoel nella lista di partenza”

Tadej Pogacar avverte del “fantastico” campione del mondo a Liegi: “Anche se mi manca Evenepoel nella lista di partenza”

Quando parla il candidato preferito, i grandi media ascoltano con grande piacere. Tadej Pogacar sembra a suo agio nella Liegi-Bastogne-Liegi. Una partita che non gli ha portato molta fortuna. Teme ancora il suo rivale Mathieu van der Poel? “Non è mai divertente correre contro di lui, perché è fortissimo”, ride lo sloveno, che avrebbe voluto vedere Remco Evenpoel al via.

Comodo, allegro, con il viso leggermente abbronzato. No, Tadej Pogacar chiaramente non ha dovuto affrontare le condizioni infernali del Vallone di Flesch.

“Sono felice di aver potuto allenarmi al sole”, ha detto lo sloveno. “C'erano 20 gradi lì. È stato terribile vedere i ragazzi soffrire così in televisione. Anche se penso che la preparazione non farebbe molta differenza”.

Perché alla capra arrampicatrice non manca la solidità del percorso.

“La forma è buona per domenica, anche se l'attenzione è già sul Giro e sul Tour”, ammette Pogacar.

“La mia preparazione prevede molte lunghe fasi di allenamento e sono fiducioso, anche se voglio sempre partecipare a gare come la Freccia Vallone, guardarle in TV mi incoraggia a gareggiare di nuovo”.

Motivazione sufficiente, soprattutto perché la Liegi-Bastogne-Liegi è la sua classica preferita.

Speravo di poter finalmente duellare con Evenpool.

Tadej Pogacar

A Liegi, Pogacar incontra Mathieu van der Poel. L'olandese non ha possibilità solo in termini di forma fisica, ma l'uomo che parla resta cauto.

“Ovviamente il percorso è più adatto ai veri scalatori, ma sappiamo tutti che può fare tutto. Quello che fa ogni anno è straordinario. Fa girare la testa con la maglia di campione del mondo.”

READ  Un ritorno soft, ma presto sarà un dilemma difficile? Uno sguardo all'entusiasmante ritorno di Thibaut Courtois

“Matteo sceglie le sue gare e poi si comporta in modo incredibile. È un pilota davvero eccezionale. Non è mai divertente correre contro di lui, perché è così forte”, dice ridendo lo sloveno.

Si aspetta una partita aperta con molti attacchi iniziali. Anche se c'è ancora uno svantaggio: l'assenza di Remco Evenepoel.

“Gli ho parlato brevemente dopo che è caduto. Mi mancherà sicuramente nel roster principale. Speravo di poter finalmente duellare, ma A volte pessimo ciclismo“.

“Quando ci sono tutti i migliori giocatori e vinci, ti senti più soddisfatto, ma i concorrenti sono ancora tanti”, ha concluso Pogacar.

I ciclisti sono responsabili della caduta

Si è discusso anche del motivo dell'assenza di Evenpoel: una grave caduta al Giro dei Paesi Baschi.

“Quest'anno ho assistito a due delle cadute più orribili dalla sedia”, lamenta Pogacar. “Quando i ciclisti si muovono a malapena a terra, speri solo che gli aiuti arrivino rapidamente e che stiano bene.”

“Le chiamate accadono. Farai parte di questo sport importante anche in futuro. Andiamo sempre più veloci ogni anno. Stiamo testando i limiti, mentre non possiamo esplorare tutte le fasi.”

“Naturalmente è anche responsabilità dei corridori stessi. Poi danno la colpa agli organizzatori, ma loro stessi stanno andando troppo veloci.”

Imparentato: