QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Tanto di cappello al belga Finn Lamertine che ha vinto il premio…

© nifin.be

Provalo: guida Koppenberg 133 volte di fila. Finn Lammertain può parlare da solo. Il mountain biker fiammingo occidentale ha percorso almeno 8.962 metri di dislivello durante l’Eversting Challenge.

Vincent van Gensten

L’obiettivo è superare 8848 altimetri. Sul famigerato Monte Everest, cioè. Ma salendo un pendio. ancora e ancora.

Lamertine non era pronto per il test. Hai già superato la “Everesting Challenge” sui rulli Kluisberg e Miniera di scorie a Beringen. Ora è il turno di Koppenberg. È in bici da almeno 18 ore e ha scalato i ciottoli della famosa rampa di gara 133 volte.

Ecco il contenuto elencato da una rete di social media che si desidera scrivere o leggere i cookie. Non hai dato il permesso per questo.

“cerchio tondo”

“Come si sentono le mie gambe adesso? Sono così belle”, ride al telefono vegetariano delle Fiandre occidentali. “È già passato un anno, ma non sono mai uscito veramente dalla mia zona di comfort all’Eversting. Non mi rattristo mai e sono sempre vicino a una frequenza cardiaca di 120 o giù di lì. Le mie ginocchia hanno iniziato a giocare un po’, ma Ecco. Beh, ci sono stati dei momenti difficili. Ma preferisco cadere dalla bici piuttosto che fermarmi”.

Lamertine ha fatto una breve pausa ogni 1.000 metri. “Per sciogliere un po’ il mio corpo. Atterrare su quei ciottoli in quel modo, è davvero difficile. Inoltre, ho dovuto caricare il mio GPS a intervalli regolari. Volevo essere pronto prima del buio, ma alla fine ho bussato.” E ho iniziato a svenire un po’. Non è andata oltre. Per fortuna avevo JELEX Con la caffeina, ti mette le ali quando stai attraversando un momento difficile (ride).”

Nonostante il tempismo, la prestazione di Lammertyn non ha avuto nulla a che fare con l’attuale Campionato del Mondo su strada UCI.

“Volevo davvero andarci durante la luna piena a giugno perché le notti sono così brevi e vivaci e c’è molta luce. Ma ho avuto una doppia ernia durante la preparazione. A luglio e agosto ho avuto una brutta caduta mentre guidavo un enduro , in modo che tutto girasse di nuovo per permettere al mio corpo di guarire.” A settembre, con la luna piena, finalmente ci riuscì.

E perché proprio Koppenberg? “È nella mia testa da un anno, è fantastico Bergsky. Ora ho fatto anche tutte le superfici: asfalto, fuoristrada, pavé e rulli. Il cerchio è rotondo.

READ  Lo sciatore alpino Armand Marchant è tornato completamente dopo 7 operazioni: "Risultati migliori" | Sci alpino