QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Testimone: Anche dopo il fischio dell’arbitro, sono continuati gli scontri tra Vertonghen e de Conde: Ricostruire una vetta in ascesa |  Jupiler Pro League

Testimone: Anche dopo il fischio dell’arbitro, sono continuati gli scontri tra Vertonghen e de Conde: Ricostruire una vetta in ascesa | Jupiler Pro League

Battaglia sul calcio. La partita tra Genk e Anderlecht è stata segnata da scontri, discussioni e tante pratiche burocratiche. Come un (molto) precoce cartellino rosso ha portato alla rissa nel tunnel dei giocatori tra Jan Vertonghen e Dimitri De Conde.

Dopo soli 9 minuti l’arbitro Van Driesch perde il controllo della partita tra Genk e Anderlecht.

Jan Vertonghen voleva la palla, ma Christopher Bonsu Baah l’ha presa. È così che le bambole hanno iniziato a ballare per la prima volta, e certamente non l’ultima.

“Non volevo essere antisportivo, volevo solo togliere la palla al ragazzo che ce l’aveva”, ha spiegato Vertonghen dopo la partita. “Volevo solo giocare veloce”, ha continuato il nazionale dell’Anderlecht.

I due hanno subito ricevuto un cartellino giallo. “Era molto presto”, ha detto l’allenatore dell’Anderlecht Brian Reimer.

Ha spiegato: “Questo ha creato immediatamente un’atmosfera stressante durante la partita. Successivamente sono state pescate molte carte”.

Nessuna esagerazione da parte di Rimmer. Appena 6 minuti dopo il suo primo gol, Bonsu Bah ha già ricevuto il suo secondo cartellino giallo. Questa volta perché era in ritardo per Delaney. Quindici minuti dopo Genk era già in piedi con dieci di loro.

Fu l’inizio di una vera battaglia. Dieci contro undici. duro contro morbido. La partita 21 verrà nuovamente interrotta a causa di un fallo. Con un totale di nove carte estratte.

“È diventata una vera guerra sul campo”, ha detto Brian Heinen. “A volte si può fare molto con un avvertimento – ha detto il capitano Genk – Tutto è iniziato con quei primi cartellini”.

READ  Il Club Brugge incontrerà il Lipsia in crisi entro 10 giorni? | Campionato tedesco 2021/2022

“La partita ha preso fuoco dopo”, poiché Ludwig Augustinsson in visita è rimasto sbalordito dalla battaglia tra le linee.

In effetti, sta diventando sempre più personale, più personale. Anche entrambi i capitani si sono lasciati risucchiare dalla battaglia nervosa. Alla fine, Heinen ha servito un calcio potente e deliberato a Ndiaye, e Vertonghen era un ospite fisso nei giochi verbali tra i giocatori.

“Voglio vincere tutto: a ping-pong, a carte, in campo. Farò sempre tutto il possibile per ottenere una vera vittoria”, ha lanciato uno sguardo penetrante alla sua rabbia. Lo sento alla mia età. Quando non mi sentirò più, smetterò di giocare a calcio”.

“Voglio vedere lo stesso anche dai miei compagni di squadra. Se vedo qualcuno che non fa di tutto per vincere, mi assicurerò che non giochi mai più per l’Anderlecht”.

Se vedo qualcuno che non fa di tutto per vincere, mi assicurerò che non giochi mai più per l’Anderlecht.

Jan Vertonghen

Con lo slogan “il fine giustifica i mezzi”, ha provato a sfigurare il suo avversario con un cartellino rosso al 90′ con una caduta ordinata dopo un tiro di Cuesta – dopo aver gridato qualcosa lui stesso.

Non odiare il gioco, odia il gioco: Buoni amici dopo il fischio?

Senza contare Dimitri de Conde. Dopo la partita, il responsabile del settore calcio del Genk è andato a raccogliere l’emozionante storia di Vertonghen nel tunnel dei giocatori. Vertonghen rispose con una spinta. Per l’ultima volta le bambole iniziarono a ballare.

Un finale simbolico per la vetta in ascesa.

Guarda la reazione di Vertonghen:

Controlla anche il calcio e la reazione di Heinen: