QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Un nonno olandese ha intentato una causa contro una società di gioco d'azzardo belga dopo che suo nipote di 17 anni ha giocato più di mezzo milione di euro |  Notizie VTM di Instagram

Un nonno olandese ha intentato una causa contro una società di gioco d'azzardo belga dopo che suo nipote di 17 anni ha giocato più di mezzo milione di euro | Notizie VTM di Instagram

Un uomo olandese di 77 anni ha citato in giudizio la società di gioco d'azzardo belga Bingoal perché suo nipote di 17 anni ha scommesso più di 162.000 euro dal suo conto di risparmio in due mesi. Nonostante la minoranza del nipote, la società di gioco d'azzardo non è intervenuta, provocando perdite totali di oltre mezzo milione di euro presso diciotto diversi fornitori.

Il nonno ritiene che Bingoal sia responsabile della maggior parte delle perdite perché è lì che è finita la maggior parte del denaro e il nipote ha aperto lì uno dei suoi primi conti. Afferma che la società di gioco d'azzardo ha agito poco per diversi mesi, causando problemi finanziari alla famiglia.

compenso

Secondo l'avvocato del nonno, Andrej Bussink, questo potrebbe essere il primo caso dopo la legalizzazione del mercato del gioco d'azzardo online in cui un giudice deve decidere se la società deve rimborsare i fondi perduti.

Bussink ha dichiarato che Bingoal ha gravemente mancato al suo dovere legale di diligenza, che impone ai fornitori di servizi di sospendere un conto di gioco se vi è il ragionevole sospetto di dipendenza dal gioco.

Oltre a pagare la somma di 162.500 euro, il nonno chiede un risarcimento per le centinaia di migliaia di euro che il nipote ha perso con altri fornitori di servizi. Bussink sostiene che la maggior parte di questi danni avrebbero potuto essere evitati se Bingol fosse intervenuto prima.

Frode d'identità

Il nipote può accedere facilmente al conto del nonno inviando una copia del passaporto del padre, che gestiva gli affari bancari digitali del nonno. Sebbene la legge non consenta ai minori di giocare d'azzardo, la verifica dell'identità e dell'età si è rivelata limitata nella pratica.

READ  Il tribunale aziendale di Anversa dichiara 17 fallimenti

Bingol ha risposto sporgendo denuncia contro il nipote per frode d'identità. In una risposta scritta, la società ha dichiarato che il caso era stato segnalato alla Gaming Authority e alla polizia l'anno scorso. Bingoal sottolinea la complessità del caso e i forti sospetti di frode d'identità come ragioni per non fornire risposte più sostanziali in questo momento. La causa contro Bingol non è ancora stata fissata.