QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Un’azienda suinicola danese fallisce in Cina

Un’azienda suinicola danese fallisce in Cina

Una grande azienda di suini di proprietà di investitori danesi, la Scandinavia Farms Invest in China, è stata dichiarata fallita. Nonostante le eccellenti prestazioni dell’azienda, un’epidemia di peste suina africana, l’aumento dei prezzi dei mangimi e il calo dei prezzi della carne hanno decimato l’azienda.

La stalla a più piani conteneva 15.000 maiali. Secondo quanto riferito, ogni anno producevano 60.000 animali da riproduzione e 360.000 maiali da ingrasso. poesia.be. Dopo aver perso quasi 76 milioni di euro, il proprietario danese ha dichiarato fallita l’azienda, ha riferito il quotidiano danese Nordjyske.

Secondo il giornale, gli investitori potrebbero aver sbagliato i calcoli su molti fattori. Ad esempio, le condizioni di mercato sono state difficili negli ultimi anni, con i prezzi dei mangimi animali in forte aumento, mentre il prezzo della carne di maiale è diminuito. Anche la pandemia di Corona ha avuto un impatto sulla redditività dell’azienda, così come l’epidemia di peste suina africana.

In realtà ho perso l’anno scorso

L’anno scorso, molte grandi aziende cinesi di suini hanno già subito perdite significative a causa del calo dei prezzi dei suini e dell’aumento dei prezzi dei mangimi. Il governo cinese aveva già deciso di prendere di mira non 51 milioni di suini, ma 49 milioni di suini. Sembra che ciò abbia avuto effetto, ma è arrivato troppo tardi per gli investitori danesi.

L’azienda è stata fondata nel 2012 con l’obiettivo di esplorare il mercato cinese della carne suina, il più grande del mondo. Non è stato possibile trovare un nuovo proprietario per l’azienda. Gli investitori hanno perso almeno mezzo miliardo di corone danesi, ovvero più di 67 milioni di euro, in pochi anni.

READ  Panico nelle grandi aziende: "Fermare la produzione o traslocare, non è più da escludere"