QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Un’indagine sul trattamento ascellare specifico del cancro al seno con metastasi linfonodali


KWF concede un sostegno alla ricerca di € 538.000

Se il cancro al seno si è diffuso ai linfonodi sotto l’ascella, prima della rimozione chirurgica vengono eseguiti studi di imaging approfonditi e la caratterizzazione del tumore. L’obiettivo della ricerca condotta presso l’UMC+ di Maastricht è chiarire fino a che punto si possa fare un’affermazione accurata sulla potenziale risposta alla chemioterapia preoperatoria. Di conseguenza, potrebbe non essere sempre necessario in futuro un ampio intervento chirurgico ascellare. KWF concede un sostegno alla ricerca di € 538.000.

Nei Paesi Bassi, a una donna su sette verrà diagnosticata una qualche forma di cancro al seno durante la sua vita. La presenza di una metastasi linfonodale ascellare al momento della diagnosi ha conseguenze sia per il trattamento che per la prognosi del paziente. Attualmente, in caso di metastasi linfonodali ascellari, il trattamento consiste nella chemioterapia seguita da un intervento chirurgico. Precedenti ricerche hanno dimostrato che un paziente su tre non ha più metastasi ascellari dopo la chemioterapia e che i linfonodi vengono rimossi chirurgicamente “inutilmente”. Il problema è che la resezione non necessaria della ghiandola può essere rilevata solo in laboratorio.

toilette per oxling
Fino a poco tempo, l’operazione ascellare consisteva in un’ampia rimozione di tutti i linfonodi sotto l’ascella (WC ascellare). Questo processo è accompagnato da molti altri disturbi, come il linfedema, che porta all’accumulo di liquidi nel braccio coinvolto e alla limitazione dei movimenti. Le nuove procedure chirurgiche consentono interventi chirurgici più selettivi, ma al momento non è possibile fare un’affermazione precisa sulla possibile risposta delle metastasi linfonodali alla chemioterapia precedente a questo intervento. La ricerca mira a diagnosticare con precisione la condizione dei linfonodi prima dell’intervento chirurgico.

Borsa di studio
Il progetto di ricerca, per il quale KWF ha assegnato 538.000 euro a sostegno, mira a scoprire se gli studi di imaging (ecografia, risonanza magnetica e PET) e le caratteristiche del tumore preoperatorio possono essere utilizzati per fare una dichiarazione più accurata sul linfonodo di un paziente. Tumore. Secondo il leader della ricerca e radiologo nucleare, il dottor Thiemo van Nijnatten, ciò renderà più facile determinare se e in quale misura la chirurgia ascellare dovrebbe essere eseguita su questi pazienti. “In quanto tale, questo progetto di ricerca contribuisce al miglioramento della terapia delle ascelle su misura per i futuri pazienti”.


Informazioni aggiuntive…

Consultare la fonte e/o il fornitore per ulteriori informazioni su questa lettera. Le notizie possono cambiare e includere errori o imprecisioni. Leggi anche disclaimer in un Trasferimento Si prega di inviare messaggi, commenti e/o foto che sono in conflitto con Requisiti.

Fai clic sui tag sottostanti per i post correlati, se presenti…

Nome dell’autore e/o editore di: Maastricht UMC +
Fotografo o agenzia fotografica: INGImages
La fonte di questo articolo: Maastricht UMC +
Qual è l’URL di questa risorsa?: https://www.mumc.nl/actueel/nieuws/onderzoek-naar-gepersonaliseerde-okselbehandeling-van-borstkanker-met
titolo originale: Ricerca sulla terapia ascellare personalizzata per il cancro al seno con metastasi linfonodali
il pubblico di destinazione: Professionisti sanitari
Data: 2022-01-13

READ  L'allenamento a piedi previene la chirurgia per la malattia vascolare delle "gambe del negozio"