QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

18 anni di carcere per lo “stupratore di Tinder” Salim Barrada

18 anni di carcere per lo “stupratore di Tinder” Salim Barrada

30 marzo 2024 – 14:00 – Il mondo

©

Slim Berrada, un ex fotografo marocchino di 38 anni, noto come lo “stupratore di Tinder”, è stato condannato a 18 anni di prigione dal tribunale penale di Parigi. Questa sentenza è arrivata dopo due settimane di intenso processo, durante il quale Berrada è stato condannato per aver commesso dodici reati di stupro e tre aggressioni sessuali su 17 capi d'imputazione. Il tribunale gli ha inoltre imposto il divieto permanente di entrare nel territorio francese.

I crimini per i quali Barrada è stato condannato sono avvenuti tra il 2014 e il 2016 durante sessioni fotografiche nel suo studio nel 20° arrondissement di Parigi. Nonostante la sua negazione dei fatti, la corte ha ritenuto che la punizione inflittagli fosse necessaria e proporzionata, data la gravità dei crimini e il loro impatto sulle vittime. La decisione si basava in parte sulla “dipendenza sessuale” di Barrada identificata dagli esperti, nonché sul modo organizzato e metodico da lui seguito, che secondo quanto riferito la corte considerava particolarmente preoccupante. Le Parisien.

Leggi anche: Lo stupratore di Tinder Salim Barrada in tribunale

Nel determinare la pena, il tribunale ha tenuto conto del grave danno morale a cui erano esposte le due giovani. Nella sentenza hanno avuto un ruolo anche il rischio di recidiva e il rischio penale di archiviazione. Il Pubblico Ministero ha descritto Berrada come un “mostro freddo” che ha insistito nel negare e fronteggiato un “muro di accuse”.

Leggi anche: Cinque anni di carcere per il “truffatore Tinder” belga-marocchino.

La difesa ha affermato che Barrada non ha agito secondo un piano deliberato per drogare e violentare le donne. Hanno chiesto alla corte di non mettere in dubbio la sincerità delle dichiarazioni di Barrada. Prima della sentenza, lo stesso Berrada ha parlato alla corte e alle presunte vittime, esprimendo rimorso per le sofferenze che potrebbe aver causato e sottolineando che non ha mai avuto intenzione di umiliare nessuno.

READ  Il ministro degli Esteri russo vuole fissare una data per contattare gli americani