QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

3 modi per spostare qualcuno con demenza

3 modi per spostare qualcuno con demenza

Le tecniche di comunicazione del mondo della pubblicità che possono convincere le persone ad acquistare un prodotto funzionano bene anche per le persone con demenza. Ad esempio, per incoraggiarli a muoversi o mangiare. Lo studioso di comunicazione Kasper Bormans descrive queste tecniche nel suo recente libro, Making Time for People with Dementia, e ne evidenzia tre.

Il tocco di Mida crea un legame. Foto: fizkes/Getty Images/iStock
  1. tocco di Re Mida: “Questo è un concetto popolare nel mondo del commercio, che i venditori usano molto. Con il tocco di Mida, il venditore tocca delicatamente il cliente, ad esempio sulla spalla o sull’avambraccio. A causa di questo tocco, il cervello produce la sostanza felice ossitocina. È difficile smettere, succede e basta. Questa sostanza assicura che una persona si senta immediatamente più sicura. Puoi usare questa tecnica se sei a rischio di perdere il contatto con un cliente affetto da demenza. Quindi, se tocchi sottilmente qualcuno con demenza, ad esempio, se suggerisci di fare una passeggiata in giardino, c’è una maggiore possibilità che il cliente lo faccia. Visualizza la soglia come meno alta. Prova a farlo, poiché si fida di più di te, grazie al tocco di Mida.
  2. si stanzaLa ricerca mostra che quando qualcuno dice “sì” a una domanda più volte, c’è una maggiore possibilità che dica “sì” anche a una domanda successiva. Mettiamo qualcuno in una stanza del sì, per così dire. Ad esempio, quando splende il sole: “Il sole splende, lo senti?” , SÌ. “Senti anche gli uccelli cinguettare così?” SÌ. “Vogliamo uscire un attimo?” SÌ. Perché? Dire sempre di sì ci mette in una mentalità positiva, quindi continui a dire di sì automaticamente. Suggerimento bonus: se fai una domanda e annuisci di sì, quindi aggiungi informazioni non verbali, è ancora più probabile che anche l’altra persona dica di sì. Utile, ad esempio, se qualcuno si rifiuta di prendere le sue medicine.
  3. Avvolgi la domanda come un’affermazioneLe persone con demenza sono spesso più sensibili al modo in cui dici qualcosa: intonazione, voce e con quanta sicurezza dici qualcosa. Quando fai una domanda a qualcuno, il tuo tono probabilmente si alzerà alla fine. Questo tono alto tradisce l’incertezza, aumentando la possibilità che un cliente con demenza prenda le distanze. Mentre la frase monotona suona come una verità assoluta. Quindi potrebbe essere un’idea attenuare il suono incerto della tua domanda, in modo che suoni più come un’affermazione in termini di tono.
READ  I Paesi Bassi lottano con l'epidemia di influenza, ma "l'impatto è difficile da prevedere"

Leggi altri suggerimenti e tecniche qui in un’ampia intervista con Kasper Bormans >>



Dai un’occhiata al libro di Kasper Bormans >>