QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Ricerca sull’uso responsabile degli antibiotici

Ricerca sull’uso responsabile degli antibiotici

In qualità di professore di malattie infettive, in particolare la politica della resistenza antimicrobica e agli antibiotici, Mark de Boer vuole indagare su come la medicina moderna dovrebbe prevedere l’aumento globale della resistenza agli antibiotici. Di recente ha spiegato la direzione della ricerca per questo nel suo discorso inaugurale Resistenza agli antibiotici e ricerca di confini tra trattamento eccessivo e trattamento insufficiente degli antibiotici.

Per molti anni, le persone hanno avvertito del problema della resistenza agli antibiotici. Tuttavia, c’è ancora un aumento nell’uso di importanti gruppi di antibiotici, osserva De Boer. Nella sua conferenza introduttiva discute due modi per affrontare la situazione attuale. Il primo è un approccio di bypass del sistema sanitario e il secondo riguarda il ruolo di medici e scienziati nella clinica.

Cominciamo dalla prima: De Boer fa riferimento al concetto “One Health” dell’Organizzazione mondiale della sanità, che fornisce uno schema mentale per questo approccio trascendentale al sistema sanitario. Questo è universalmente applicato nella pratica? “L’unica risposta onesta è sì e no”, dice de Boer. Il primo passo è sviluppare un piano concettuale per implementare questo approccio. L’importante è che i settori siano collegati tra loro, come l’agricoltura, l’industria e la sanità. Nei paesi europei puoi vedere che questo viene implementato attraverso programmi di ricerca con sussidi corrispondenti. Ma sospetto che ciò potrebbe essere fatto meglio, e ci sono anche molti paesi in cui ciò non viene attuato o non viene realizzato a sufficienza. Lavorare su una buona gestione dei sistemi idrici e fognari, ad esempio, è un passo importante nella giusta direzione. Ma proprio nei Paesi dove ce n’è più bisogno spesso manca l’approccio di fondo. Cose come la politica, la guerra o la povertà possono avere un grande impatto su questo”.

vola via

Nessun approccio in ogni Paese potrà mai portare a un risultato perfetto, perché la resistenza a batteri e antibiotici non rispetta i confini. “Viaggiamo molto”, dice de Boer, “e vediamo esempi di meccanismi di resistenza agli antibiotici che si diffondono nell’aria. Lo abbiamo visto chiaramente alcuni anni fa con la diffusione di un aumento di un particolare meccanismo di resistenza agli antibiotici, NDM-1, che circola da India. Era chiaro che questo è legato ai movimenti di volo e al comportamento di viaggio delle persone”.

READ  Il pediatra chiede la vaccinazione obbligatoria dei bambini in cura pediatrica

Le Nazioni Unite hanno 17 obiettivi di sviluppo sostenibile È designato come parte dell’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile. “Può essere prezioso se lascia spazio alla coerenza tra diversi obiettivi”, afferma de Boer. “Questo non è sempre chiaro. L’allevamento intensivo di bestiame, ad esempio, può svolgere un ruolo nella lotta alla fame. Ma tale allevamento richiede un uso diffuso di antibiotici, che a sua volta ha un impatto negativo sul problema della resistenza agli antibiotici”.

Esperienza riconosciuta

Poi il turno di medici e scienziati. Nella sua conferenza inaugurale, De Boer descrive che gli antibiotici possono essere stati scelti correttamente, ma non portano comunque al risultato desiderato, perché è necessario un trattamento aggiuntivo, come drenaggio o intervento chirurgico, o perché ci sono altri processi patologici in corso che influenzano il decorso della malattia. Malattie infettive. “È eminentemente dominio dell’internista determinare, in parte sulla base di tutti i tipi di fattori specifici del paziente, se il decorso della malattia è commisurato a ciò che ci si può aspettare dal trattamento con antibiotici, e se uno dei suddetti condizioni è già persistente, in modo che possano essere intraprese le azioni appropriate.

Alla domanda se altre discipline coinvolte nel trattamento dei pazienti lo vedono abbastanza, de Boer afferma: “Sta diventando davvero chiaro – a causa della crescente resistenza agli antimicrobici e dell’incidenza di infezioni complesse – che la scienza delle infezioni è una professione a sé stante. Non è più il classico Per i chirurghi che dicono “possiamo sempre curare le infezioni da soli con gli antibiotici” è appropriato.Certamente negli ultimi 10 anni è stata riconosciuta l’importanza di coinvolgere il microbiologo e l’internista.Ma non nel senso che prenderanno il sopravvento ovviamente. L’esperienza del professionista rimane altrettanto importante.Fortunatamente, vediamo che in un numero sempre maggiore di ospedali si tengono riunioni multidisciplinari una volta alla settimana per discutere di complicanze infettive.endocardite con un cardiologo, per esempio, o infezione di una protesi con un chirurgo ortopedico o plastico .Il fatto che vi parliate porta anche a una migliore cooperazione al di fuori di quelle consultazioni.”

READ  1. Materia grigia? Bene, sì!

linee di ricerca

È sempre più evidente che la tolleranza agli antibiotici contribuisce in diversi modi allo sviluppo della resistenza antimicrobica. De Boer afferma che sono necessarie nuove ricerche per rendere questo fenomeno più riconoscibile nella pratica. “È un argomento complicato”, dice. Ma il succo è chiaro: se i batteri muoiono meno rapidamente a causa degli antibiotici, ovviamente i batteri sopravvivranno quando l’antibiotico svanisce. Ci sono indicazioni che questo sia un problema ed è chiaro, ma vogliamo capirlo meglio e vogliamo sapere se possiamo misurarlo clinicamente. Questo non sta accadendo ora. Puoi iniziare con infezioni che continuano a ripetersi nei pazienti. Il punto di partenza ora è il trattamento antibiotico per un periodo di tempo più breve, ma forse il risultato di tale ricerca è che in alcuni casi è meglio farlo per un periodo più lungo. In breve: più specifico per il paziente”. Per De Boer, questo è uno degli obiettivi della sua ricerca. Un’altra area di ricerca riguarda le infezioni associate al biofilm. “Il problema con questo è che è quasi impossibile da risolvere senza rimuovere tutto il tessuto infetto attorno all’arto “, spiega. Nella fase iniziale dell’infezione, insieme a un lungo ciclo di antibiotici. Funziona nel 75-85% dei casi, il che significa che in altri casi è necessario un trattamento più aggressivo. Quindi vogliamo sapere se possiamo ottenere l’effetto desiderato anche con un trattamento farmacologico più mirato e un’operazione meno radicale”.

Sfrutta le opportunità

Una dichiarazione speciale della conferenza inaugurale di De Boer è: “Le opportunità per migliorare la politica sugli antibiotici si stanno già presentando proprio sotto il nostro naso”. “Lo intendevo in modo un po’ provocatorio”, dice. “Volevo sottolineare che non è successo ancora abbastanza, ma anche che questo è un campo che offre infinite opportunità. Ma voglio anche dire: se indaghiamo bene su alcune cose, possiamo usare le conoscenze che abbiamo accumulato per il futuro . È così che lo faccio anche nella Mia ricerca.”

READ  Sostegno alla ricerca sul dolore cronico

Perché le opportunità che esistono “sotto il nostro naso” sono ancora sottoutilizzate? “Il medico impara a praticare la medicina moderna in un certo modo e gli antibiotici svolgono un ruolo importante in questo”, afferma de Boer. È così da molto tempo e non possiamo e non vogliamo fermarlo, ma possiamo migliorarlo e quindi rallentare lo sviluppo della resistenza antimicrobica. Ad un certo punto – se lo guardi per ogni antibiotico – ovviamente perderemo la battaglia contro lo sviluppo della resistenza antimicrobica. Questo è il motivo per cui dobbiamo esaminare da vicino come applichiamo effettivamente la terapia antimicrobica nella pratica. Per la ricerca è necessario utilizzare i dati dei pazienti. È frustrante che la legislazione (e l’interpretazione) del GDPR lo renda quasi impossibile. La disponibilità e l’intercambiabilità dei dati medici tra le istituzioni e l’accessibilità per i ricercatori clinici sono essenziali”.

Lezione introduttiva: resistenza agli antibiotici e ricerca del confine tra trattamento insufficiente e trattamento eccessivo | Pubblicazioni accademiche (universiteitleiden.nl)