QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Analisi: La Nations League è stata un valore aggiunto per le Fiamme Rosse: “Hanno dimostrato contro le grandi che è possibile” |  Fiamme rosse

Analisi: La Nations League è stata un valore aggiunto per le Fiamme Rosse: “Hanno dimostrato contro le grandi che è possibile” | Fiamme rosse

Con 8 punti nel Girone della Morte, le Fiamme Rosse possono guardare con orgoglio alla prima edizione della UEFA Nations League. Ottimista per il futuro? Il commentatore Hermien Vanbeveren risponde a tre domande scottanti su questo argomento.

1. Cosa ha imparato la campagna?

La stagione delle Fiamme Rosse si è conclusa un po’ male, con una sconfitta casalinga per 1-1 contro la Scozia e poi una sconfitta senza speranza per 4-0 in Olanda. Tuttavia, i Flames hanno giocato molto velocemente contro l’Olanda.

La fase a gironi ha dimostrato che i belgi sono in grado di affrontare le grandi squadre, ma poi dovranno avere un po’ di fortuna. E anche in termini di tempistica, perché a fine settembre, ad esempio, l’Olanda era ancora in difficoltà ai Mondiali quando le Fiamme Rosse vinsero 2-1. Allora le cose andavano bene.

Contro i campioni d’Europa dell’Inghilterra (3-2) hanno dimostrato che se la qualità è al massimo e finiscono la partita quasi al 100%, è possibile. Anche se dovesse essere un po’ meno, come nella finale contro l’Olanda, sarebbe comunque difficile.

Tuttavia, possiamo concludere che questa campagna ha dimostrato che è possibile farlo contro le grandi potenze e ciò darebbe fiducia per il futuro.

Sono stati compiuti notevoli progressi nelle fasi stazionarie. Le fiamme rosse divennero molto più pericolose. Inoltre, subiscono molti meno gol sui calci piazzati.

C’è più verticalità nel gioco. Se hanno la palla e riescono a mantenerla in squadra, avanzano più velocemente e con attacchi piacevoli e ben organizzati. Per l’Olanda questo valore è stato leggermente inferiore, ma c’erano comunque due buone occasioni.

Non è necessario evidenziare un vero fuoriclasse delle Fiamme Rosse, perché gli 8 punti ottenuti nel Gruppo della Morte sono stati un risultato di squadra.

Hermine vanbeveren

Non è necessario evidenziare un vero giocatore di spicco delle Fiamme Rosse, perché gli 8 punti ottenuti nel Gruppo della Morte sono stati un risultato di squadra.

Tessa Woolart rimane molto importante per questo gruppo. Può giocare molto bene con la 19enne Marie Detroyer ed è un’ottima opzione per il futuro. Se riesce a continuare a crescere e ad acquisire più corpo, può raggiungere la vetta.

Jasina Bloom sembra essersi pienamente integrata nella squadra. Torna anche Cassandra Mesebo, che gioca un ruolo importante a centrocampo come giocatrice.

Tuttavia, è importante sottolineare i risultati collettivi. Ciò generalmente crea più concorrenza incrociata e anche più opzioni di scambio

Maria Distruttore.

2. La difesa a cinque è una buona opzione?

Il tecnico della nazionale Yves Sernels ha sempre optato per una difesa a cinque. Questa è stata la chiave per la vittoria di misura sull’Inghilterra.

Ma ha anche degli svantaggi. In casa contro la Scozia, il centrocampo ha faticato ed era a corto di una pedina. Quindi puoi ritirare un po’ Mary Detroyer, ma la formula deve ancora essere modificata.

Contro un Paese come la Scozia, dove devi giocare di più, serve più flessibilità tattica. I giocatori devono ancora crescere in questo.

Ciò ora dovrebbe diventare chiaro anche nelle qualificazioni alla UEFA Nations League, dove le Fiamme Rosse affronteranno Serbia, Croazia, Ungheria o Bosnia. Poi dovranno rendere il gioco molto di più. Sarà una sfida tattica.

Quei passi saranno molto importanti. Per i Flames è importante restare nel girone A. Poi potranno continuare a giocare partite ad alto livello, cosa importante in vista dell’Europeo.

3. La Nations League aggiunge valore?

La prima edizione della UEFA Nations League si è rivelata un valore aggiunto per le Fiamme Rosse, ma sicuramente anche in generale.

È più vivace e diversa da quella maschile, perché nella Final Four c’è in palio il biglietto olimpico. Questa è una ricompensa tangibile per cui giocare.

È una buona innovazione da parte della UEFA. Il rovescio della medaglia: garantire che Inghilterra, Galles, Scozia e Irlanda del Nord non possano più essere nello stesso girone. Speriamo che lo capiscano adesso.

È stato anche un valore aggiunto per i Flames. Niente più partite contro perdenti, come il 19-0 contro l’Armenia. Partita contro i migliori paesi o ottimi avversari. In questo modo il fuoco viene più sfidato e anche questo è un valore aggiunto per il Belgio.

Hermine vanbeveren

READ  Mirage: “Van der Boyle non ha commesso un errore tattico nella diaspora” | Mountain bike WB