QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Anche se ci sono buone notizie riguardo al vaccino contro l’influenza aviaria, l’interesse non dovrebbe essere smorzato  commento

Anche se ci sono buone notizie riguardo al vaccino contro l’influenza aviaria, l’interesse non dovrebbe essere smorzato commento

Buone notizie dal settore dell’allevamento: la sperimentazione di un vaccino contro il virus dell’influenza aviaria è promettente. Ma è necessaria la massima vigilanza perché i rischi restano elevati.

La scorsa settimana il ministro dell’Agricoltura Adema ha annunciato alla Camera dei Rappresentanti la calma sul fronte dell’influenza aviaria. Buone notizie, avrebbe voluto dire. Tanto per cominciare, dall’inizio di dicembre non si sono registrati nuovi focolai tra il pollame, dopodiché in gran parte dei Paesi Bassi è stato consentito di produrre nuovamente volatili. Poi la situazione è rimasta calma e circa un mese fa l’obbligo di residenza sul posto è stato revocato in tutti i Paesi Bassi.

La seconda buona notizia Aggiornamento Adima Presentati al Parlamento i risultati della sperimentazione vaccinale: sono promettenti. Naturalmente un simile giro di test è sempre emozionante, perché i paesi circostanti guardano con sospetto e non si accontentano di importare carne piena di vaccini. Questi interessi commerciali sono attentamente tutelati: i nostri paesi esportatori sono strettamente coinvolti nell’intero processo e ne rimangono informati.

È difendibile che ciò accada, ma non dovrebbe fermare lo sviluppo e l’introduzione di un tale vaccino. Un buon vaccino è l’unica cura contro le esecuzioni di massa finora necessarie per contenere l’epidemia. Questi abbattimenti rappresentano un fatto eclatante nella più grande epidemia di influenza aviaria degli ultimi vent’anni. Nei Paesi Bassi tra gennaio 2021 e maggio 2023 circa Furono uccisi sette milioni di pollame Per prevenire la diffusione del virus H5N1.

volubile

L’Autorità olandese per la sicurezza alimentare e dei prodotti di consumo (che coordina gli abbattimenti) sta quindi quasi raggiungendo i limiti delle sue capacità. Ma il pericolo del virus stesso è molto maggiore. I virus dell’influenza sono fenomeni irregolari che mutano facilmente. Negli ultimi anni sono state colpite anche altre specie animali.

READ  La relazione tra vaccinazione e variabili corona? Gli esperti dicono di no

La diffusione del virus nelle vacche da latte negli Stati Uniti è preoccupante. Lì il bestiame non è monitorato così attentamente come nell’UE; Il numero di mucche infette potrebbe essere maggiore di quanto noto. In ogni caso tracce del virus sono già state trovate nel latte e nella carne. Anche alcune persone si sono infettate.

Sebbene ciò non abbia portato a casi potenzialmente letali, una volta che il virus raggiunge i mammiferi, può più facilmente mutare in una variante pericolosa per l’uomo. Soprattutto quando i maiali vengono infettati, i virus dell’influenza aviaria possono trasformare i virus dell’influenza umana e suina, ad esempio, in una variante che può far ammalare le persone o, peggio, causare una pandemia.

Non zero

Gli esperti sottolineano che le probabilità non sono grandi, ma dicono subito che le probabilità non sono zero. Considerate le gravi conseguenze che il Coronavirus ha avuto in tutto il mondo solo pochi anni fa, e le conseguenze che molte persone stanno sperimentando ancora oggi, questo dovrebbe essere un motivo sufficiente per fare tutto il possibile per limitarne la diffusione. Con abbattimenti se necessari e vaccinazioni il più rapidamente possibile.

mainredactie@frieschdagblad.nl