QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Attaccare l’Italia rafforza la posizione ombra

L’inizio del Campionato Europeo ha fornito uno scenario immediato. La squadra italiana ha sollevato le aspirazioni degli amanti dell’ombra con un calcio esagerato e ha annegato la Turchia. L’autogol dei turchi ha portato alla vittoria. Immobile e Insine hanno registrato un punteggio finale di 0-3.

Cerimonia di apertura con l’esibizione richiesta. 16.000 spettatori portano sulle guance pazzi cappelli, parrucche e bandiere italiane, urlando a squarciagola. Italiani e turchi cantano ad alta voce il loro inno nazionale. L’auto telecomandata che ha portato la palla prima del calcio d’inizio. Chiunque non sia mai stato in modalità Campionato Europeo è stato indubbiamente interessato dopo le scene di cui sopra alle 21:00 di ieri sera. Così come gli italiani che hanno dato il via al sedicesimo Campionato Europeo della storia.

Gli azzurri avevano il fuoco, la Turchia invece giocava con il fuoco. L’Italia è considerata un favorito ombra in questo Campionato Europeo e vuole essere all’altezza di tale aspettativa. Gli italiani lanciarono subito una massiccia offensiva, mentre i turchi sembravano soffrire di paura del palcoscenico. Non è raro che le truppe del Ct della nazionale Cenol Cannes siano più giovani in questo Campionato Europeo. In media, solo due giocatori hanno meno di 25 anni e più di 27 anni.

Foto: AFP

All’inizio la giovane guardia non sapeva dove correre, ci sono state molte incomprensioni, è stato difficile tenere palla in squadra e molte occasioni sono state ammesse. Un paio di minuti tra Ferrard e Insine hanno causato il primo grave incidente circa quindici minuti dopo. Pochi minuti dopo, l’Italia lo ha multato dopo che il colpo dell’immobile era finito. Un difensore turco ha effettivamente preso la palla contro la mano, ma era contro il suo corpo. Molto basso per le multe. Dopo entrambe le curve l’Italia era doppiamente pericolosa. Sielini ha minacciato con un titolo particolarmente difficile, ma Gagir si è offerto di consegnare l’esecuzione con una parata. Gli italiani poi chiesero invano un’altra condanna.

READ  L'Italia vuole combattere il gelato scadente: "Va tutelato il logo gastronomico"

Da dove venivano questi problemi per i turchi? L’Italia ha escogitato la ricetta collaudata e ha giocato sulla carta con quattro difensori, ma in realtà erano solo tre. Spinassola avanzò a sinistra quando Insine entrò. Così i turchi erano sconvolti.

L’allenatore della nazionale Cenol Cannes ha ordinato alle sue truppe di provare in Svizzera, ma gli italiani sono sempre tornati in posizione molto rapidamente. Dopo mezz’ora Yilmas non ha ottenuto una palla che potesse essere utilizzata. Le nostre parole erano appena scritte, ma se riuscivi a leggere insieme ai turchi, i turchi erano improvvisamente lì. Yilmas si fece spazio sulla sinistra ed entrò. Tuttavia, Yassi è stato sopraffatto da Donorumma.

Poco prima dell’intervallo, gli italiani hanno nuovamente aumentato la pressione. Per la terza volta, l’Italia ha chiesto la condanna a mano. Celik colpì nettamente la croce di Spinozola con la mano, questa volta quella mano non era contro il corpo. Questa volta il VAR ha rinviato senza indugio l’esecuzione. A metà, finisce lo spirito offensivo italiano: quattordici tiri, di cui tre in porta e il 68% fuori palla. La Turchia non si è opposta, ma i giocatori hanno potuto sospirare quando hanno visto il tabellone mentre entravano. Lì è ancora 0-0. Sono fortunati che le opinioni degli attaccanti italiani non siano ancora nitide.

Attaccare l'Italia rafforza la posizione favorita ombra e affonda la Turchia
Foto: EPA-EFE

All’inizio della ripresa Keynes lascia Yassis negli spogliatoi e porta Ünder in vantaggio. Ha firmato verso il primo gol dei turchi, ma la rinascita turca non è andata oltre.

Anche la Turchia ha dato una mano agli attaccanti italiani. Umud si è concesso le sedici suonerie che la Ferrari poteva inseguire. Demirel ha provato a liberare la palla con il petto, ma la pelle è volata dritta verso la propria porta. 1-0 per la squadra di casa. Il difensore turco si è unito volontariamente a Dimitri Boyd, Robert Lewandowski, Vaklov Svergos, Giorgios Caragaunis, Bart Gore e Alan Shearer. Giocatori che hanno segnato il primo gol del torneo nei precedenti sei Campionati Europei.

READ  L'Italia riapre ai vacanzieri americani che volano con Delta

L’Italia ha continuato ad attaccare, improvvisamente con più Grinda che mai. “Improvvisamente funziona senza intoppi in Italia”, ha detto il commentatore televisivo Philippe Juice. Lui aveva ragione. Ancora una volta Spinozallo fu la fonte della minaccia italiana. Il difensore di sinistra Kagir ha messo alla prova i suoi riflessi con un tiro duro. Ha salvato la prima istanza e l’immobile si è semplicemente riattivato. La Turchia era in custodia e Insine lo convertì 3-0. Il vitello sarebbe stato immerso nell’acqua molto tempo fa. L’Italia, ad esempio, crede fermamente nel da farsi in una squadra difficile.