QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Autorità: ispezionare mensilmente le carcasse per la presenza di influenza aviaria dopo la vaccinazione contro l'influenza aviaria  Pluimveeweb.nl

Autorità: ispezionare mensilmente le carcasse per la presenza di influenza aviaria dopo la vaccinazione contro l'influenza aviaria Pluimveeweb.nl

Ispezionare mensilmente le carcasse per garantire la presenza di influenza aviaria dopo aver vaccinato il pollame contro il virus. Lo comunica l'Autorità europea per la sicurezza alimentare (EFSA) dopo che il piano originale – controlli settimanali – ha ricevuto molte critiche.

Dopo aver vaccinato il pollame contro l'influenza aviaria, esiste il rischio di contrarre un'influenza aviaria altamente contagiosa. Se la vaccinazione non è sufficientemente efficace, è possibile che questo virus si riproduca inosservato negli animali. Non mostrano alcun sintomo dovuto alla vaccinazione.

Ciò significa che esiste ancora il rischio che il virus dell'influenza aviaria si diffonda ad altri volatili, ad altri animali o all'uomo. Pertanto è necessario monitorare il pollame vaccinato per la possibile presenza del virus dell'influenza aviaria.

I requisiti iniziali imposti dall’Unione Europea su tale monitoraggio erano elevati e inapplicabili. Ad esempio, l’esame settimanale degli animali deceduti è diventato obbligatorio. Il secondo requisito è quello di condurre un esame clinico mensile e prelevare campioni di sangue da un veterinario da ciascun allevamento vaccinato. Ci sono pochissimi veterinari disponibili per questo e ciò comporterà costi enormi.

Quindici animali in ciascuna stalla

Sulla base delle critiche è stato richiesto un nuovo parere agli esperti dell'EFSA. Il nuovo consiglio della Commissione per la salute e il benessere degli animali è di raccogliere non più di quindici animali al mese in ciascuna stalla che siano morti nelle ultime 48 ore e di sottoporli a screening per l'influenza aviaria utilizzando i test PRC.

Combinato con la sorveglianza passiva dell'influenza aviaria nel pollame sia vaccinato che non vaccinato, ciò fornisce una certezza del 99% che non vi sia infezione da influenza aviaria sottocutanea. Secondo l'autorità.

READ  Gli ospedali possono fare grandi progressi nelle cure mediche nel 2021