QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Bad Eyes of Games: mito o realtà?

Oltre al mio lavoro di editore di GameQuarter, insegno anche in classe. Nella scuola primaria guido i bambini in gruppi di 6/7/8 nel processo di apprendimento, presentando tutto il materiale didattico e permettendo loro di svilupparsi socialmente ed emotivamente in modo tale da essere pronti per la società dopo l’istruzione primaria. I monitor dei computer sono apparsi nelle aule per decenni. In fondo alla stanza c’erano due o tre computer che venivano usati per studente per quindici minuti al giorno. I Chromebook sono ora parte integrante dell’istruzione elementare e dovresti fare del tuo meglio per non rimanere bloccato nel carrello dei Chromebook.

L’introduzione potrebbe suggerire che sono contrario all’uso delle TIC nell’istruzione primaria. Al contrario: penso che le TIC siano un’aggiunta molto preziosa alla nostra istruzione. I programmi per computer vengono creati in modo intelligente. Ad esempio, sempre più programmi sono adattabili: la crescita del bambino viene monitorata e gli esercizi vengono adattati al livello del bambino. Inoltre, si parla sempre più di gamification: le tecniche di gioco vengono utilizzate per rendere gli esercizi più coinvolgenti. Nel mio gruppo, abbiamo recentemente iniziato a lavorare con Taalblobs, dove i bambini imparano nuove parole attraverso i giochi. Per parlare di successo, dovremo aspettare i risultati a lungo termine. I bambini sono decisamente entusiasti!

Tuttavia, coloro che guardano oltre il vantaggio immediato di quegli schermi e sono preoccupati per la salute dei propri studenti dovrebbero tenere presente che i Chromebook prolungano ulteriormente il tempo sullo schermo dei bambini. Nell’ultimo anno delle elementari in particolare molti ragazzini vanno già in giro con lo smartphone, quasi tutti i maschi giocano e sempre più donne giocano, secondo la mia esperienza. Pertanto, il tempo quotidiano che i bambini trascorrono davanti agli schermi aumenta in modo esponenziale. Non dovremmo preoccuparci di questo? Cosa dice la scienza al riguardo adesso?

READ  Il computer ibrido combina cellule cerebrali e chip di computer

Mi è sempre stato detto che avrei avuto gli occhi squadrati e alla fine sarei diventato cieco se avessi continuato a suonare stoicamente. È possibile? La semplice risposta è sì, puoi diventare cieco giocando. Gli esperti di occhi ne parlano da molto tempo. Sicuramente lascerà il segno nella vita successiva. Sebbene la percentuale di persone non vedenti sia molto piccola, è possibile. I nostri occhi preferiscono guardare più lontano da vicino, cosa che lo schermo non stimola affatto. Il bambino è ancora in via di sviluppo e anche gli occhi sono coinvolti. Guardare gli schermi in giovane età non favorisce questo sviluppo. Gli oculisti avvertono che un ventenne su due è miope. Si tratta di una persona su tre di 40 anni e una persona su quattro di 60 anni. Il tempo sullo schermo sembra essere un fattore importante in questo.

Gli oftalmologi sostengono una semplice regola: 20, 20, 2. Se giochi per venti minuti, concentrati su qualcosa in lontananza per venti secondi. Questo mantiene i muscoli oculari vigili. I due sono due ore di esercizio, preferibilmente all’aperto. Non solo benefico per gli occhi, ma anche per i muscoli e il corpo umano in generale.

Naturalmente, anche i giochi hanno molti vantaggi, anche se spesso sono più mentali che fisici. La coordinazione occhio-mano è uno dei cavalli dei giocatori. La capacità di risolvere ed essere creativi sono anche i benefici mentali che i giochi possono portare. Se siamo molto onesti, allora possiamo usare lo stesso motto per i giochi come un bicchiere di alcol: divertiti, ma gioca con moderazione.