QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Calano i dati sull’immigrazione in Italia: il ‘Metodo Meloni’ è un successo?

Calano i dati sull’immigrazione in Italia: il ‘Metodo Meloni’ è un successo?

Il primo ministro italiano Meloni durante una manifestazione elettorale

Nei primi mesi di quest’anno gli immigrati in Italia sono diminuiti sensibilmente rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. Buone notizie per il premier Georgia Meloni, che dice che è una vittoria in vista delle elezioni europee. Gli esperti confermano che i numeri sono in calo, ma indicano anche un lato oscuro.

Dall’inizio di quest’anno, attraverso il Mar Mediterraneo, sono arrivati ​​in Italia quasi 19.500 migranti. Nello stesso periodo dell’anno scorso, quel numero era di oltre 47.700. Si tratta di una diminuzione di quasi il 60%. Sempre meno migranti arrivano in Italia dalla Tunisia.

Maloney e il suo Partito conservatore di destra attribuiscono, tra le altre cose, il successo del “Metodo Meloney”: fare quello che possono per ridurre la migrazione. L’estate scorsa, la Meloni, la presidente della Commissione Ursula von der Leyen e il primo ministro Mark Rutte si sono recati in Tunisia e hanno avuto incontri con il presidente tunisino Saied. Nell’accordo con la Tunisia, Syed ha ricevuto centinaia di milioni di euro in cambio del blocco dell’immigrazione nel suo paese.

In Italia arrivano quindi meno barche, ma è ancora troppo presto per trarre conclusioni: l’estate non è ancora iniziata. Andrew Geddes, professore all’Università Europea e direttore del Migration Policy Center di Firenze, sottolinea che le statistiche non raccontano tutta la storia. “Sì, i dati sull’immigrazione sono in calo, per questo le autorità italiane definiscono questo accordo un successo. Ma sentiamo anche notizie allarmanti sulla repressione dei migranti in Tunisia: situazioni che non corrispondono ai valori dell’Unione Europea. In questo senso , puoi mettere in dubbio quella storia di successo.

READ  'Trasferimento speciale' Rainers presto al Milan; Centrocampista dell'AZ in Italia per il completamento

La corrispondente dall’UE Saskia Deckers ha visitato la Tunisia l’anno scorso, prima che l’accordo fosse concluso:

Meno persone che viaggiano verso l’Europa attraverso la Tunisia non significa meno migranti, insiste Geddes. “Ora sono costretti a restare in un altro luogo, vale a dire in Tunisia. Allora è importante osservare da vicino la situazione dei diritti umani lì”.

Coloni del deserto

Poco dopo la conclusione dell’accordo, lo scorso luglio, sono emerse notizie di migranti morti nel deserto libico, oltre il confine tunisino. Tutto indicava che le forze di sicurezza tunisine avevano portato con la forza i migranti oltre il confine e li avevano lasciati nel deserto senza acqua né cibo. Pochi mesi dopo, Said rifiutò di accogliere la commissione parlamentare europea, mettendo a repentaglio l’accordo.

Immagini di migranti abbandonati nel deserto

Geddes aggiunge un altro avvertimento a questo tipo di accordi: danno troppo potere al paese partner, compresi i regimi autoritari come quello di Syed. “Si può chiamarla ‘immigrazione come arma’. I paesi possono utilizzare la migrazione come mezzo di pressione per il proprio tornaconto, ad esempio per ottenere ulteriori aiuti finanziari. Hanno questo potere perché gli Stati membri dell’UE sono sensibili alla questione della migrazione. . “

Anche il popolo tunisino adesso è agitato. La protesta si è svolta all’inizio di questo mese Centinaia di tunisini Nella città di Jebeniana sono bloccati altrettanti migranti provenienti dall’Africa sub-sahariana. Gli olivicoltori, tra gli altri, affermano di essere disturbati dai migranti che soggiornano in campi improvvisati nei loro frutteti.

Elezioni

Tuttavia, con le elezioni europee a soli otto giorni di distanza, i dati sull’immigrazione italiana sono forti per Meloni e il mulino del suo partito. Con lo slogan della campagna ‘L’Italia sta cambiando l’Europa’, Meloni vuole dimostrare che quello che fa in Italia lo può fare anche al Parlamento europeo. Il messaggio sembra arrivare: sia i politici moderati che quelli di estrema destra al Parlamento europeo sono ansiosi di lavorare con lui.

READ  Gli attivisti per il clima italiani protestano nella Cappella degli Scrovegni di Padova

Ma anche all’interno dei confini italiani, le organizzazioni umanitarie affermano che le promesse della Meloni non sono pienamente soddisfatte dalla pratica. I migranti che raggiungono l’Italia ma non hanno i requisiti per l’asilo devono essere rimpatriati nel paese di origine il più presto possibile per via aerea. Ma per la maggior parte ciò non accade: l’anno scorso solo il 14% dei richiedenti asilo respinti è stato messo su un aereo. Gli altri vagano per l’Italia, alla ricerca di lavoro sommerso, o continuano il loro viaggio verso paesi dell’Europa occidentale come la Francia. Belgio e Paesi Bassi.

“Non sono stati arrestati né detenuti”, ha detto Sylvia Carozzo, vice capo della polizia dell’immigrazione. “Viene detto loro di lasciare il Paese, ma ovviamente non sempre rispettano tale obbligo.”