QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Carenza del vaccino antirabbico nazionale

Carenza del vaccino antirabbico nazionale

UTRECHT (ANP) – Attualmente c’è una carenza nazionale di vaccino contro la rabbia. Ciò è dovuto a problemi di fornitura presso entrambi i produttori di vaccini, secondo GGD Reisvaccinaties. L’organizzazione nazionale presume che un vaccino adeguato non sarà nuovamente disponibile fino a gennaio 2024. Anche il sindacato dei farmacisti KPMG segnala la carenza sul proprio sito web.

La carenza significa che le persone non possono ottenere un vaccino preventivo se si recano in un paese in cui la rabbia è comune. Questi sono principalmente paesi in Africa, Europa orientale, Sud America e Sud-est asiatico. Gatti, cani, pipistrelli e scimmie in particolare infettati dal virus trasmettono la malattia all’uomo mordendo, graffiando o leccando una ferita. La rabbia porta a un’infezione cerebrale molto grave e spesso fatale. In tutto il mondo, circa 60.000 persone muoiono di rabbia ogni anno, secondo il GGD. La rabbia non si verifica tra gli animali nei Paesi Bassi.

A causa della carenza, i gruppi GGD nel paese stanno vaccinando solo le persone che hanno avuto un incidente durante il loro viaggio. Le persone che hanno già iniziato il trattamento potrebbero essere ancora in grado di terminarlo, ma dovrebbero verificare con il loro GGD se ciò è ancora possibile. GGD consiglia vivamente ai viaggiatori di non toccare animali vivi o morti all’esterno. Chiunque subisca una ferita da un animale dovrebbe pulire accuratamente la ferita con acqua, sapone, betadine o alcol al 70% e contattare immediatamente il centro di emergenza della propria compagnia di assicurazione sanitaria.

Il GGD dice che il trattamento completo contro la rabbia (due inchieste) salva la vita. La vaccinazione è solitamente sufficientemente efficace sette giorni dopo la prima iniezione.

READ  Gli avvocati mediano regolarmente con i genitori che litigano per il vaccino contro il coronavirus di un bambino

Fonte: © 2023 ANP Tutti i diritti riservati