QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Il Belgio acquista dalla Commissione europea 23 edifici amministrativi per un miliardo di euro

Il Belgio acquista dalla Commissione europea 23 edifici amministrativi per un miliardo di euro

Si tratta di un enorme accordo in due fasi. In primo luogo, la Commissione europea ha venduto 23 edifici alla SFPIM per circa un miliardo di euro. La SFPIM venderà poi immediatamente 21 edifici nell'area europea a Cityforward, il fondo della Federal Investment Corporation, “trasformandoli in un'area sostenibile e dinamica”, si legge in un comunicato stampa diffuso lunedì.

I restanti due edifici si trovano fuori dal quartiere europeo e sono stati venduti a Vicinity e al promotore del quartiere Matexi, che li trasformerà in “appartamenti sostenibili e convenienti in affitto e acquisto”.

Sulla scia della crisi del Corona, la Commissione Europea ha deciso di dimezzare il numero di edifici gestiti entro il 2030. Si tratta di 350.000 metri quadrati di uffici in posizioni privilegiate nella regione di Leopold, con un risparmio di diverse centinaia di milioni di euro. Le linee generali del piano della SFPIM per l'acquisto delle proprietà furono annunciate un anno fa, ma ora sono definitive.

Cityforward è un fondo creato dalla stessa SFPIM e dalla compagnia assicurativa Ethias, con il sostegno finanziario, tra gli altri, delle quattro grandi banche (BNP Paribas Fortis, KBC, ING e Belfius). Il loro partner a Bruxelles e Anversa, Whitewood, gestirà il fondo.

Poiché oltre a SFPIM, anche Ethias e Belfius sono di proprietà del governo, ciò significa che il governo finanzierà in gran parte la riqualificazione.

Trasformazione della regione europea

La Commissione Europea, SFPIM e Cityforward hanno concordato un prezzo di mercato di circa 880 milioni di euro per i 21 edifici nel quartiere europeo – che coprono un’area di 300.000 metri quadrati. L’ambizione è quella di trasformare gli edifici in uffici sostenibili al 70% e in negozi al 30%, strutture pubbliche e soprattutto abitazioni. Whitewood stima che ciò richiederà un altro miliardo di euro.

READ  La Germania si oppone al "Green Label" europeo del nucleare

“Con questa trasformazione, stiamo rafforzando la posizione della nostra capitale come cuore dell'Europa. Allo stesso tempo, stiamo anche rispondendo alla forte domanda di diversificazione e di ulteriori alloggi nel quadrante europeo”, ha affermato Laurence Bovey, presidente del consiglio di amministrazione di Direttori della SFPIM. , nella situazione attuale. Ha un PS caratteristico ed è nota ai residenti di Bruxelles come CEO di Vivaqua.

“Queste unità residenziali aggiuntive finiranno per raddoppiare il numero di famiglie nel cuore della regione europea. I primi nuovi residenti e impiegati potranno trasferirsi qui a partire dal 2028”.

I primi permessi dovrebbero essere ottenuti nel 2026 e i primi appartamenti e uffici dovrebbero essere consegnati nel 2028.