QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

C’è un ruolo per l’Autorità Palestinese a Gaza?

C’è un ruolo per l’Autorità Palestinese a Gaza?

Gli Stati Uniti vedono un ruolo centrale per l’Autorità Palestinese a Gaza dopo la guerra. È realistico? Di cosa può beneficiare il presidente palestinese Abbas?

Pietro Jessen E Monique van Hoogstraten

Ha aggiunto: “Gli Stati Uniti o l’Unione Europea non hanno il diritto di esercitare pressioni su di noi. Stanno con Israele e sostengono l’aggressione israeliana. Non devono dirci nulla”. Ahmed Majdalani, ministro degli Affari sociali dell’Autorità palestinese, lascia poco spazio a malintesi al telefono. Da Ramallah Secondo lui, la proposta americana di dare all’Autorità Palestinese un ruolo nel governo della Striscia di Gaza dopo la guerra non ha alcuna possibilità finché non verrà accolta la richiesta palestinese di fondare un proprio Stato sul serio.

Ora che circa 10.000 persone sono state uccise e gran parte di Gaza è in rovina, la domanda sempre più crescente è cosa dovrebbe accadere quando la guerra finirà. Chi governerà la Striscia di Gaza e i suoi 2,2 milioni di abitanti dopo la sconfitta di Hamas? Il segretario di Stato americano Antony Blinken ha espresso preoccupazione per la mancanza di una strategia di uscita da parte di Israele durante la sua visita con il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu a Gerusalemme lo scorso fine settimana. A venti chilometri di distanza, a Ramallah, nella Cisgiordania occupata, ha detto al presidente palestinese Mahmoud Abbas che l’Autorità Palestinese potrebbe svolgere un ruolo centrale nella governance dopo la guerra.

“Non so se piangere o ridere quando sento gli americani parlare di un ruolo per l’Autorità Palestinese a Gaza dopo la guerra”, dice Ghassan Al-Khatib al telefono da Ramallah. Al-Khatib insegna all’Università di Birzeit, in precedenza è stato Ministro del Lavoro presso l’Autorità Palestinese e ha partecipato ai negoziati di pace a Madrid e Washington. “Gli americani hanno chiuso un occhio sull’estremismo in Israele per anni, non facendo nulla contro l’espansione degli insediamenti e l’indebolimento dell’Autorità Palestinese, e ora improvvisamente arrivano a questa soluzione”.

Il segretario americano Blinken e il presidente palestinese Abbas, 5 novembre.Foto Reuters

Al-Khatib dice che Israele dovrebbe avere un proprio piano. “Sta distruggendo Gaza e rimuovendo Hamas. E cosa arriva il giorno dopo? Israele non vuole restare permanentemente a Gaza, questo è chiaro. Ma l’Autorità Palestinese e altri paesi arabi, soprattutto Egitto e Giordania, non sono disposti a prendere il controllo del paese se Israele lo richiedesse. Ciò è assolutamente moralmente inaccettabile. Inoltre, guardate come Israele tratta l’Autorità Palestinese in Cisgiordania. Non abbiamo nemmeno una vera autorità qui.

READ  Migliaia di turisti bloccati in Perù sono stati evacuati

Accordi di Oslo

L’Autorità Palestinese è un prodotto degli Accordi di Oslo degli anni ’90, quando israeliani e palestinesi sembravano più vicini che mai alla pace. Si è concordato che l’Autorità Palestinese governerà il 18% della Cisgiordania, in particolare le principali città. Un altro 22% è anch’esso sotto il controllo civile dell’Autorità Palestinese, ma l’esercito israeliano controlla la sicurezza e può liberamente fare irruzione e arrestare. La maggior parte della Cisgiordania è interamente sotto il controllo dell’esercito israeliano.

Questa forma molto limitata di autonomia sarebbe l’inizio di uno Stato palestinese. Ma non è successo nulla per quanto riguarda la continuazione del processo di pace tra Israele e palestinesi. È stato vandalizzato dagli estremisti israeliani di destra e dal movimento estremista islamico Hamas. Da allora, l’edilizia illegale è continuata Gli insediamenti ebraici in Cisgiordania e uno Stato palestinese – su un territorio continuo e vitale – sono sempre più esclusi dal quadro. I palestinesi non apprezzano il fatto che l’Occidente abbia assistito a tutto ciò quasi senza critiche. Ora che il treno è partito da tempo, Biden e Blinken ricominciano improvvisamente a parlare di una soluzione a due Stati. “È troppo tardi”, ha detto Al-Khatib.

Un atteggiamento ingrato

L’Autorità Palestinese si trova ora in una posizione molto ingrata. Sebbene non possa offrire ai suoi residenti la possibilità di fondare un proprio Stato o proteggerli dallo sviluppo di insediamenti, collabora con Israele. Secondo gli accordi di Oslo, l’Autorità Palestinese è corresponsabile della sicurezza nei territori occupati. L’idea era che se i palestinesi avessero dimostrato di non rappresentare più una minaccia per Israele, la creazione di un proprio Stato palestinese sarebbe stata loro più vicina. L’Autorità Palestinese annulla regolarmente questa cooperazione in tempi di crisi – se non altro per evitare di inimicarsi ulteriormente il popolo palestinese – ma la riprende sempre. Anche la stessa Autorità Palestinese trae vantaggio da Israele, con l’aiuto dell’Autorità Palestinese, smantellando i gruppi palestinesi violenti che rappresentano anche una minaccia per la stessa Autorità Palestinese.

Il presidente palestinese Mahmoud Abbas (al centro) e i membri del comitato esecutivo dell'OLP arrivano prima dell'inizio del loro incontro il 28 ottobre.  Foto dell'Agenzia France-Presse

Il presidente palestinese Mahmoud Abbas (al centro) e i membri del comitato esecutivo dell’OLP arrivano prima dell’inizio del loro incontro il 28 ottobre.Foto dell’Agenzia France-Presse

Di conseguenza, l’autorità dell’Autorità Palestinese è stata notevolmente ridotta. Molti cittadini palestinesi ora vedono l’Autorità Palestinese come una collaboratrice con Israele e non un passo avanti verso il sogno di uno Stato palestinese. Secondo molti palestinesi, Israele non ha mai dato all’Autorità Palestinese un’equa possibilità di diventare il cuore di un futuro Stato palestinese.

Nepotismo

Ma la colpa può essere attribuita anche alla stessa leadership palestinese, dicono i critici. Fin dall’inizio, l’Autorità Palestinese ha perso credibilità a causa della corruzione, del nepotismo e del nepotismo. “Prima che l’Autorità Palestinese possa svolgere un ruolo nella Gaza del dopoguerra, devono aver luogo riforme profonde”, ha affermato Gershon Baskin, editorialista israeliano di sinistra e forte sostenitore di uno stato separato per i palestinesi. Il governo di Abbas è corrotto e non ha più alcuna legittimità. Innanzitutto, le elezioni dovrebbero svolgersi qualche tempo dopo la guerra. Abbas dovrà poi cedere il potere al parlamento e al governo eletti.

Mahmoud Abbas è stato eletto presidente dell’Autorità Palestinese nel 2005. Successivamente non si sono svolte altre elezioni per paura di una sconfitta. Le ultime elezioni per il Parlamento palestinese si sono svolte nel 2006. La delusione per i risultati dell’Autorità Palestinese ha portato alla vittoria del movimento di opposizione Hamas. A Gaza, i risultati elettorali hanno provocato una violenta disputa fraterna, che ha portato all’espulsione di Fatah, il movimento di Abbas, da Gaza. Da allora, Hamas è l’unico sovrano della Striscia di Gaza, mentre Fatah controlla la Cisgiordania. Non c’è più democrazia nei territori palestinesi.

Tuttavia, la comunità internazionale considera l’Autorità Palestinese come l’unico legittimo rappresentante del popolo palestinese, il che è molto meglio di Hamas e di altri gruppi estremisti. Per evitare che accada il peggio, l’Autorità Palestinese riceve sostegno finanziario dall’Unione Europea e dagli Stati Uniti. L’Unione Europea è considerata il più grande donatore dei territori palestinesi, con il suo contributo pari a tre miliardi di euro all’anno. Gli Stati Uniti hanno trasferito più di 500 milioni di dollari dal 2021. In assenza di qualcosa di meglio, l’Autorità Palestinese viene ora proposta come l’organizzazione che governerà la Striscia di Gaza una volta che Israele finirà la sua guerra contro Hamas.

L’“altro” Israele.

Ma l’Autorità Palestinese è riluttante ad accettare questa sfida senza impegni più stringenti. Il ministro dell’Autorità Palestinese Ahmed Majdalani ha dichiarato: “Non c’è nulla da dire finché non ci sarà un cessate il fuoco e Israele non fermerà la sua aggressione”.

Secondo l’ex ministro Al-Khatib, l’Autorità Palestinese parteciperà solo se ci sarà un accordo politico e se controllerà tutte le aree palestinesi come concordato nei precedenti accordi di pace. In altre parole: Cisgiordania, Gaza e Gerusalemme Est.

È improbabile che l’attuale governo israeliano di destra sia d’accordo su questo. In effetti, ministri estremisti come Bezalel Smotrich e Itamar Ben Gvir preferiscono vedere il crollo dell’Autorità Palestinese e l’annessione della Cisgiordania. Anche Al-Khatib non vede ragioni sufficienti per essere ottimista: “Questo Israele è completamente diverso da quello che conosciamo da quando abbiamo negoziato la pace”. L’Israele di Bibi Netanyahu non è l’Israele di Rabin e Peres. Oggi non c’è più una minoranza in Israele disposta a parlare di cessione di un pezzo di terra. Americani, francesi, britannici e tedeschi osservarono la radicalizzazione di Israele. Pertanto, i palestinesi non sono interessati alle loro proposte”.