QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Christophe Vandeghore saluta Mark Cavendish: “Ha aggiunto pepe alla gara” |  Ciclismo

Christophe Vandeghore saluta Mark Cavendish: “Ha aggiunto pepe alla gara” | Ciclismo

Omaggio a Mark Cavendish. Il nostro analista di ciclismo Christophe Vandegoor dà uno sguardo alla carriera dell’esplosivo sprint britannico e delinea la sua controversa personalità. “Era spesso arrabbiato con i giornalisti, ma d’altra parte era molto grato ai suoi compagni di squadra”, suonava.

Il 2023 sarà il mio ultimo anno da ciclistaLo ha detto Mark Cavendish in conferenza stampa nel secondo giorno di riposo del Giro.

Non sorprende che Cavendish abbia annunciato il suo ritiro dal ciclismo. Mi aspettavo che si fermasse dopo il suo secondo anno sotto Patrick Lefebvre.

Alla fine ha concluso un anno in più all’Astana, ma i suoi risultati e la sua forma estenuante erano ancora la scritta sul muro.

Nel Quick-Step, Cavendish ha quasi raggiunto l’impossibile.

Christophe Vandegor

Ciò era in netto contrasto con i primi cinque o sei anni della sua carriera, in cui vinse solo tappe. Cavendish ha vinto sei volte in un singolo Tour de France.

Poi quel treno si è fermato, ma – come accennato in precedenza – QuickStep lo ha ripescato nel 2021. E poi Cavendish ha effettivamente realizzato il quasi impossibile. Nel suo Tour of The Wolfpack, ha effettivamente vinto quattro tappe e quindi ha eguagliato il record di Eddy Merckx.

Ha detto che non stava inseguendo quel record, ma che questi atleti avevano un desiderio inestinguibile di essere immortalati negli albi d’onore.

Nel 2012, Cavendish era già stato nominato miglior velocista nella storia del Tour da L’Équipe, molto prima di raggiungere il record. Questo significa molto.

Mostra il verde Cavendish per Quick-Step.

READ  I sostenitori del KAA Gent accolgono l'uomo di Barrow a braccia aperte: "Dagli ogni possibilità" | Jupiler Pro League

Alla ricerca di “altro” a Milano

Qual è il momento migliore della mia carriera? Non l’ho ancora affrontato. Mi sono divertito come fantino e sono soddisfatto di ciò che ho ottenuto nonostante il mio talento limitatoHa proseguito in conferenza stampa.

Il suo balzo felino verso la vittoria nella Milano-Sanremo (2009) è stato uno dei migliori. Soprattutto perché voleva essere più di un semplice corridore, l’ho notato spesso nelle interviste. Pertanto, la vittoria di un tale monumento era molto importante per lui.

Quindi non voleva solo deviare dal suo ruolo di corridore. Ne ha parlato anche quando ha parlato del suo “talento limitato” in conferenza stampa. Ma nella sua carriera – lo si vede anche al Giro – è stato spesso tra i primi a risolvere salite. Quindi, a questo proposito, ha fatto molto della sua carriera.

Era una persona con un incredibile talento nella corsa, che dava sempre il 200%. È stato un merito per lui e alla fine ha anche portato a un bel sollievo. Non solo ha vinto 34 tappe al Tour, ma ha anche vinto 16 volte al Giro.

saluti.

due facce

Sceso dalla bici, Cavendish a volte era burbero e non sempre cortese con i giornalisti. Se non gli piaceva, rispondeva “sì” o “no”.

Ma lungo la strada ho scoperto che era perché era così concentrato. Allora non poteva immaginare un giornalista che volesse lasciarsi trasportare da una domanda del tipo: come stai?

Voleva che le persone davanti a lui fossero entusiaste e pronte al 300%. Quando ha sentito che non era così, si è semplicemente asciugato i piedi.

Quando gli Sheldeprij hanno perso, il giornalista italiano Quick Step non ha nemmeno osato avvicinarlo.

Christophe Vandegor

Ma verso la fine della sua carriera, ci viene presentato un Cavendish diverso. Quando arrivò alle Sei Giornate di Gand, aveva già iniziato a fare battute sui cuberdon. Poi ho anche sentito dai suoi colleghi che in realtà era un ragazzo molto grato e amichevole.

A volte era arrabbiato con i giornalisti, ma a questo proposito era un vero vincitore.

C’era un’enorme differenza tra Cavendish che aveva appena vinto e Cavendish che era appena stato sconfitto. Quando gli Sheldeprij hanno perso, il giornalista italiano Quick Step non ha nemmeno osato avvicinarlo.

Comunque, aveva personalità. Introduci spezie e condimenti nel corso.

Christophe Vandegor

Daniel Freebie: “Il Cav ha insegnato a una generazione di inglesi a credere in se stessi”

Daniel Freebie, che ha già scritto tre libri su Cavendish, dà un’occhiata Arrivederci Cavendish da una prospettiva britannica.

“Questo addio ha una grande risonanza per il ciclismo in Gran Bretagna”, ha detto il giornalista a The Cycling Podcast. “Cavendish è stata la chiave che ha aperto la porta a così tanti ciclisti britannici”.

“Bradley Wiggins, Geraint Thomas, Sky o Eneos non ci sarebbero stati senza di lui. Ha insegnato a un’intera generazione di ciclisti britannici a credere in se stessi”.