QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Ciò che gli scienziati temono da anni: la formica rossa di fuoco mette piede in Italia

Ciò che gli scienziati temono da anni: la formica rossa di fuoco mette piede in Italia

Nel Sud Italia sono state scoperte colonie di formiche rosse, una specie invasiva particolarmente dannosa e dalla puntura estremamente dolorosa. È la prima volta che una formica mette piede in Europa.

Il suo nome è la formica rossa del fuoco (Solenopsis invicta) A causa del suo lato aggressivo e del morso particolarmente doloroso. La formica inietta veleno che in alcuni casi può causare shock anafilattico. Ma non è tutto: le formiche rosse sono anche una delle specie più invasive al mondo, causando danni ai raccolti, agli edifici e persino alle apparecchiature elettriche. La formica ha le sue origini in America Latina e si è rapidamente diffusa in Australia, Cina, Caraibi, Stati Uniti e altri.

L’Europa è stata a lungo risparmiata, ma ora un gruppo di esperti di formiche ha descritto dozzine di nidi nell’Italia meridionale sulla rivista Current Biology – il primo avvistamento ufficiale di formiche in Europa.

Sicilia

Dopo aver visto le foto di quelle che sembravano essere formiche rosse in Sicilia, i ricercatori si sono recati nella zona per confermare l’identità della specie. Hanno trovato un totale di 88 nidi in un’area di 4,7 ettari vicino al fiume, alcuni dei quali ospitavano già molte migliaia di formiche operaie. La gente del posto segnala morsi estremamente dolorosi dal 2019, quindi è possibile che le formiche siano lì da un po’.

Gli scienziati temono che la formica possa ora diffondersi molto rapidamente in tutta Europa.

‘S. Invicta è una delle specie invasive peggiori e può diffondersi con una velocità allarmante, afferma l’autore principale Mattia Menchetti Dall’Istituto di Biologia Evoluzionistica in Spagna. “La scoperta in Italia è stata una grande sorpresa, ma sapevamo anche che un giorno questo giorno sarebbe arrivato. Un gran numero di specie di formiche non autoctone si stanno attualmente insediando in Europa e l’assenza di questa specie è stata un sollievo. Per decenni, gli scienziati temevano che ciò potesse accadere.

READ  Perché non dovresti comprare un Apple Watch Series 3 nel 2021

Le città sono particolarmente vulnerabili

Gli scienziati temono che la formica possa ora diffondersi molto rapidamente in tutta Europa. I loro modelli mostrano che circa il 7% del continente europeo è adatto alle formiche, e le città in particolare sembrano essere a rischio: la metà delle città europee sembra già essere a rischio, e questa quota potrebbe aumentare a causa dei cambiamenti climatici.

Leggi anche

Wikipedia/James Gathany, CDC (dominio pubblico)

“Ciò è particolarmente preoccupante perché molte città, tra cui Londra, Amsterdam e Roma, hanno grandi porti marittimi, che consentono alle formiche di diffondersi rapidamente in più paesi e continenti”, afferma. Ruggero Villa Dall’Istituto di Biologia Evoluzionistica in Spagna.

Aiuto dai residenti

Gli scienziati stanno ora pianificando una campagna per contenere l’invasione e, nella migliore delle ipotesi, sradicare la specie. La Nuova Zelanda è l’unico paese al mondo che finora ci è riuscito. I ricercatori intendono basare il loro metodo su ciò che ha funzionato lì: screening sistematico delle aree ed eliminazione dei nidi.

“Abbiamo bisogno di un’azione coordinata e ne abbiamo bisogno adesso”.

Aiutare i residenti è fondamentale. Il team spera di organizzare programmi di scienza dei cittadini in cui le persone cercano S. Invicta e scattano foto quando pensano di aver trovato le formiche.

“I cittadini possono svolgere un ruolo molto importante”, afferma Menchetty. “Speriamo che con il loro aiuto possiamo coprire un’area più ampia e monitorare tutti i potenziali habitat. È necessario che ci sia maggiore consapevolezza su questo problema perché sta già accadendo in Europa. Abbiamo bisogno di un’azione coordinata, e ne abbiamo bisogno adesso.”

423 miliardi

Proprio la settimana scorsa Lo afferma un rapporto delle Nazioni Unite L’avanzata delle specie invasive rappresenta una minaccia crescente – ed è più costosa. Il rapporto ora stima che il costo annuale a livello mondiale sia pari a 423 miliardi di dollari all’anno.

READ  L'anello di Elden è il gioco dell'anno, ma quali giochi i nostri recensori hanno ritenuto degno di essere provato nel 2022?

In tutto il mondo, si stima che circa 37.000 specie siano già state introdotte in nuovi ecosistemi dall’uomo, e questo numero sta crescendo rapidamente. Di queste, 3.500 specie sono classificate come “dannose”: rappresentano una grave minaccia per la natura, i servizi che fornisce o la qualità della vita umana. Le nuove specie vengono spesso ignorate finché non è troppo tardi.