QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Come porti luce nell’oscurità dell’oscurità invernale?

Con le giornate sempre più corte, le cadute sembrano per alcune persone la prima pistola della miseria. La ricerca dell’University Medical Center Groningen (UMCG) mostra spesso che quasi il 3% della popolazione olandese, ovvero più di 500.000 persone, riferisce di aver subito una “depressione stagionale” in autunno. Il disturbo è stato descritto nel DSM-V come una forma di depressione e in termini di sintomi è ampiamente paragonabile a quello della depressione regolare. Un altro 8,5% ha queste caratteristiche in una forma più mite: non la depressione invernale, ma la flessione invernale. Le persone con depressione stagionale vengono diagnosticate anche in altri paesi, in particolare quelli con latitudini più elevate. Quali sono le cause di questa depressione? Perché la luce o la sua mancanza influisce sul nostro umore? E cosa si può fare al riguardo?

I ricercatori sospettano la suscettibilità genetica

1 Cos’è la depressione invernale?

Era uno psichiatra americano Norman Rosenthal ha descritto per la prima volta la depressione stagionale nel 1984. Man mano che i giorni si accorciavano, notò che alcune persone mostravano tutti i tipi di sintomi comuni della depressione “normale” – tristezza, sentimenti di vuoto e disperazione, mancanza di energia e iniziativa – ma poi anno dopo anno più o meno nello stesso periodo nel mondo. generale. Laddove le persone depresse a volte perdono l’appetito o non riescono a dormire, la depressione invernale è spesso caratterizzata da un grande bisogno di cibi dolci e grassi e da molto sonno. Sebbene la depressione stagionale possa verificarsi anche in modo sistematico in estate, l’inverno è la stagione standard. Rosenthal ha definito la situazione che ha descritto disturbo affettivo stagionale, con l’abbreviazione appropriata SAD. Altri ricercatori hanno visto uno schema simile: le persone si sentivano depresse in inverno, specialmente nei paesi lontani dall’equatore. Da allora, il disturbo d’ansia sociale è stato ampiamente studiato.

Nonostante ciò, non esiste un consenso generale sul fatto che la depressione stagionale esista effettivamente. 2008 I ricercatori norvegesi hanno scritto in Epidemiologia e Psicologia Ad esempio, studi sulla popolazione su larga scala in Norvegia non mostrano che le persone hanno maggiori probabilità di sviluppare la depressione in inverno rispetto alle altre stagioni. Anche lo psichiatra Wim Wenthurst, nel 2020 all’UMCG Promozione (Laddove il SAD è stato studiato dagli anni ’80), un’analisi di diversi studi olandesi non ha mostrato differenze evidenti: si è scoperto che le persone con depressione invernale (identificata sulla base di un questionario) non avevano più probabilità di sviluppare depressione. Esordio in autunno o in inverno di pazienti con disturbo depressivo maggiore persistente.

Tuttavia, è troppo miope concludere che la depressione stagionale non esiste, scrive Wenthurst nella sua lettera: ad esempio, i soggetti hanno compilato un questionario solo una volta, anziché tutte le stagioni, e i questionari utilizzati erano basati su “esperienze di più rispetto a pochi anni passati”, il che potrebbe aver influenzato i ricordi.

READ  Influenza aviaria rilevata in una piccola fattoria ad Assendelft | notizia

Allo stesso tempo, ci sono anche studi che sembrano confermare l’esistenza del disturbo d’ansia sociale, a causa delle chiare differenze tra i gruppi di persone. Così era nel 2016 Articolo in Psicofarmacologia e Neurofisiologia ha mostrato che la proteina di segnalazione serotonina mostra una maggiore variazione stagionale nelle persone con disturbo d’ansia sociale rispetto alle persone senza disturbo d’ansia sociale. La serotonina è particolarmente importante per i nostri sentimenti di felicità. e dentro Articolo del 2002 Nel Giornale canadese di psichiatria Si scopre che il SAD è praticamente inesistente nei canadesi con un background islandese, ma si è verificato nei canadesi senza un tale background: i ricercatori sospettavano una suscettibilità genetica basata su questo.

Il paracetamolo aiuta anche a prevenire il mal di testa, ma la sua carenza non è la causa del mal di testa

2 Quali sono le cause della depressione stagionale?

Ci sono tutti i tipi di spiegazioni per la depressione stagionale: freddo, buio, contatti sociali ridotti e diminuzione della produzione di serotonina nei mesi bui. Ma la maggior parte degli studi si concentra sulla relazione tra azzurro e inverno. La psicologa clinica e ricercatrice Ybe Meesters, che ha annunciato il suo ritiro all’inizio di ottobre con un seminario d’addio su Light and Mood, ha trascorso decenni a fare ricerche sul fenomeno all’UMCG. Ha conseguito il dottorato di ricerca nel 1989 sul ruolo della terapia della luce nel disturbo affettivo stagionale e da allora ha curato centinaia di persone con depressione invernale. “Poiché molti pazienti con depressione invernale sembrano riprendersi dalla luce intensa, è nata rapidamente l’idea che la causa fosse la mancanza di luce”, ha detto Meesters durante il simposio.

Tuttavia, ha sottolineato che l’effetto positivo della terapia della luce non significa necessariamente che il colpevole sia effettivamente la mancanza di luce. Oppure, come afferma la sua collega Marijke Gordin, cronologa dell’Università di Groningen, “il paracetamolo aiuta anche a prevenire il mal di testa, ma la sua mancanza non è la causa del mal di testa”.

Sebbene l’esatto meccanismo non sia ancora noto, l’interruzione del nostro orologio biologico interno sensibile alla luce può svolgere un ruolo importante.

Questo orologio biologico garantisce che le persone, come altri esseri viventi, abbiano un ritmo intrinseco di 24 ore. O meglio: un tempo di circa 24 ore. In pratica, è probabile che questo ritmo circadiano (circa 1 giorno) nelle persone sia di circa 24,2 ore, ma la luce può regolare un po’ quell’orologio e quindi garantire che stiamo ancora al passo con la giornata. Terra.

Il ritmo circadiano colpisce anche la melatonina “l’ormone oscuro”, che viene prodotta nella ghiandola pineale nel nostro cervello. La sua produzione inizia al tramonto, quando l’orologio biologico gli dice di partire, diminuisce nella seconda metà della notte e si interrompe quando si accende. Poiché la luce influisce sull’orologio, e quindi sui tempi di produzione della melatonina, questo ritmo cambia in inverno. Questo cambiamento nella produzione di melatonina può portare alla depressione invernale: il periodo in cui i nostri corpi vogliono che dormiamo non si allinea con il periodo in cui dormiamo effettivamente. Il nostro ritmo di 24 ore è disturbato e questo può avere un effetto negativo sull’umore.

READ  I chirurghi statunitensi trapiantano reni di maiale geneticamente modificati in un paziente con morte cerebrale

Quanto sia stretta questa relazione tra l’orologio circadiano e lo stato psicologico, è dimostrato, tra l’altro, dal fatto che le persone con un “cronotipo tardivo” – in altre parole: persone che vivono la sera, la cui produzione di melatonina inizia relativamente tardi – hanno un rischio maggiore di infezione Episodi più depressivi rispetto ai modelli di ritmo iniziale che si alzano dal letto la mattina senza problemi, dice Gordon. Ma non è chiaro se ciò sia dovuto al fatto che il ritmo circadiano delle persone la sera è più diverso da quello del loro ritmo sociale di 24 ore, e quindi devono regolare costantemente il proprio orologio interno.

Tutti i tipi di processi fisiologici nel nostro corpo hanno il ritmo del giorno e della notte

3 E la relazione tra la luce e l’orologio biologico?

Nel 2017 il Premio Nobel per la Medicina è stato assegnato a tre biologi molecolari americani che hanno studiato il DNA dei moscerini della frutta negli anni ’80 e ’90, isolando diversi geni e proteine ​​che insieme costituiscono il macchinario molecolare dell’orologio biologico. Anche altri esseri viventi hanno un tale orologio interno. Tutte le cellule e gli organi del corpo sono soggetti al ritmo circadiano, il che significa che tutti i tipi di processi fisiologici nel nostro corpo hanno un ritmo giorno e notte: dalla peristalsi intestinale (che inizia al mattino) alla temperatura corporea (che è la più alta temperatura). ). sera presto). Il nostro cervello ha ancora un orologio centrale che controlla i singoli “orologi d’organo”.

È proprio questo orologio centrale che è governato dalla luce attraverso gli occhi. La retina umana contiene, oltre ai bastoncelli e ai coni noti per vedere, Tre tipi di cellule fotosensibili, chiamate ipRGC (cellule gangliari retiniche fotosensibili). Tutte queste cellule contengono la proteina melanopsina, una proteina particolarmente sensibile a lunghezze d’onda di circa 480 nm. La luce attorno a questa lunghezza d’onda (ad esempio: luce naturale, così come la luce blu dei laptop) assicura che la produzione di melatonina nel cervello si interrompa. In questo modo è possibile impostare l’orologio biologico tramite la luce.

Esci o assicurati di sederti il ​​più vicino possibile alla finestra

4 C’è qualcosa che si può fare contro la depressione stagionale?

La terapia della luce è stata dimostrata finora attraverso molti studi scientifici Efficace contro la depressione invernale Quindi è descritto come una prima scelta. Se il trattamento non funziona, truccati Antidepressivi o Terapia comportamentale cognitiva alternative. Nella fototerapia, le persone si siedono davanti a una lampada a incandescenza che emette 10.000 lux per 45 minuti per cinque giorni consecutivi, che è la stessa luminosità di una luce mattutina. Anche lo stesso Mesters era “inizialmente scettico” perché è difficile avviare uno studio controllato con placebo. “È difficile fingere che qualcuno sia seduto davanti a una luce intensa con gli occhi aperti quando non lo sono.”

READ  Quali sono gli altri fattori di rischio per uomini e donne?

I metodi placebo utilizzati nella ricerca sulla terapia della luce includono l’uso di una lampada meno potente (circa 300 lux) o un tipo di ipnoterapia, in cui la persona deve immaginare di fare il bagno in piena luce solare. I pazienti in terapia della luce reale si riprendono meglio rispetto ai pazienti in placebo.

Nonostante il suo scetticismo, Meesters si convinse perché aveva visto i pazienti davvero migliorare e perché vari studi avevano anche dimostrato che la terapia della luce funzionava, entrambi nelle persone con disturbo d’ansia sociale. Come nelle persone con depressione regolare. “Tuttavia, per le persone con depressione invernale, il momento dell’anno è importante: se inizi prima in autunno, l’effetto dura più a lungo, ma se inizi prima, a fine estate, non ha alcun effetto. In termini di momento della giornata, la mattina è più efficace, anche se la luce può anche avere un effetto rinforzante nel corso della giornata. Meisters: “Per questo motivo, sospettiamo che la fototerapia non funzioni solo modificando l’orologio circadiano”. Un altro modo potrebbe essere Quella luce stimola la produzione di serotonina, per esempio.

La luce del giorno è ancora importante, sottolineano Meesters e Gordon: “Esci fuori o assicurati di essere seduto il più vicino possibile a una finestra all’interno”. Non è un caso che tutte le stanze dei pazienti nella nuova clinica psichiatrica UMCG abbiano finestre rivolte a est: in questo modo possono avere abbastanza luce mattutina.