QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

I ricercatori di Oxford stanno cercando di diagnosticare il cancro alla prostata usando l’intelligenza artificiale

I ricercatori di Oxford stanno cercando di diagnosticare il cancro alla prostata usando l’intelligenza artificiale

Ricercatori e medici dell’Università di Oxford hanno avviato una valutazione del software di intelligenza artificiale che potrebbe aiutare i patologi a diagnosticare il cancro alla prostata. Nel Regno Unito, ogni anno vengono segnalati circa 46.000 nuovi casi di cancro alla prostata, con un aumento del 12% negli ultimi dieci anni.

Oxford University Hospitals ha annunciato in a comunicato stampa su di me. Questa è una pietra miliare importante in esso Studio ARTICOLATO PRO Guidato dall’Università di Oxford.

Questo progetto biennale mira a studiare la pervasività dell’IA nel percorso del cancro alla prostata utilizzando Paige Prostate. Lo strumento è un sistema diagnostico assistito da computer progettato per assistere i patologi nella localizzazione, classificazione e quantificazione dei tumori nelle biopsie della prostata o nei campioni di tessuto. Altre due organizzazioni NHS – Coventry University Hospital e Warwickshire e North Bristol NHS Trust – valuteranno il programma Paige Prostate Suite.

Ci impegniamo per una diagnosi accurata

La tecnologia dovrebbe avvisare immediatamente i patologi di aree sospette identificando le caratteristiche delle cellule maligne catturate attraverso un precedente addestramento in grandi set di dati di biopsie. Valuta anche quanto tumore è presente e quanto è aggressivo.

Il progetto è guidato da Claire Ferrell, urologa di Oxford. Ha detto: “Uno dei nostri obiettivi principali nel settore sanitario è diagnosticare i tumori in modo accurato e in una fase iniziale, in modo che il trattamento possa procedere più rapidamente e, in ultima analisi, migliorare i risultati dei pazienti. Se potessimo utilizzare questa tecnologia diagnostica per raggiungere questo obiettivo, sarebbe fantastico novità per i pazienti”.

READ  Nonostante la sindrome di Asherman, Petra ha ancora un bambino

Impatto sul flusso di lavoro

Ecco perché questa valutazione – la prima nel suo genere – è un passo così importante. Non solo esamineremo le prestazioni di questo programma in un ambiente clinico frenetico e se migliora l’accuratezza e l’efficienza diagnostica, ma valuteremo anche l’esperienza del medico e del paziente e considereremo l’impatto sul flusso di lavoro. Ad esempio, i patologi dell’OUH utilizzano applicazioni di intelligenza artificiale per aiutare a leggere i vetrini della biopsia della prostata come parte del loro lavoro di routine.

Ha aggiunto: “Nel 2020, il laboratorio di istopatologia di OUH è stato uno dei primi nel Regno Unito a raggiungere il traguardo della scansione del 100% del carico di lavoro del tessuto chirurgico. La nostra esperienza nella patologia digitale ci rende un ambiente ideale per testare tecnologie AI come la Paige Prostate Suite in un ambiente clinico reale”.