QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Come si può attaccare la base americana in Giordania?

Come si può attaccare la base americana in Giordania?

Il drone che domenica ha colpito un avamposto dell'esercito americano in Giordania, uccidendo tre soldati, non è stato abbattuto in tempo a causa della confusione alla base. Secondo diverse fonti, il drone nemico è arrivato contemporaneamente a un drone americano, facendo sì che le difese aeree della base rispondessero troppo tardi.

Tommy Theis

L'attacco ha provocato la morte di tre americani e il ferimento di più di quaranta altri soldati domenica mattina presto. I soldati dormivano ancora nelle loro baracche nella base della Torre 22, nell'estremo nord-est della Giordania, vicino ai confini con Siria e Iraq. Circa 350 americani rimangono di stanza lì dopo l’operazione Inherent Resolve del 2014, in cui gli Stati Uniti e i loro alleati cercarono di eliminare lo Stato islamico. Nella base i soldati giordani vengono addestrati anche da istruttori americani.

Il Pentagono sta ancora indagando sull'incidente. Si dice che la difesa antiaerea della base funzioni normalmente ed è inoltre dotata del cosiddetto sistema “amico o nemico” che distingue automaticamente gli aerei amici da quelli nemici. Tuttavia, questo sistema potrebbe essere stato confuso con un drone d’attacco che ha seguito il ritorno a distanza ravvicinata di un drone da ricognizione statunitense. Potrebbe trattarsi di una coincidenza, anche se sembra sempre più evidente che l'attacco sia stato ben preparato ed eseguito, hanno riferito fonti anonime ai media statunitensi.

“È possibile che gli aggressori abbiano visto un'opportunità e ne abbiano approfittato”, dice POLITICO Una fonte senior del Pentagono è coinvolta nelle indagini in corso. Questo approccio è supportato dal fatto che un’ora e mezza dopo il primo attacco, un secondo drone ha tentato di attaccare la base americana di Al-Tanf, a pochi chilometri di distanza, dall’altra parte del confine siriano. È stato sparato dal cielo al momento giusto da un drone americano. Poiché la base di Al-Tanf comprende anche un campo profughi siriani, il secondo attacco potrebbe aver causato un numero maggiore di vittime.

READ  La Fondazione Gates stanzia altri 20 milioni di dollari per la tecnologia dei vaccini della Universal | medico

Non è ancora chiaro chi ci sia dietro l'attacco, ma il Pentagono afferma di riconoscere le “impronte digitali” di Kataib Hezbollah, un movimento paramilitare iracheno d'élite che riceve sostegno dall'Iran. Il movimento è stato fondato dopo l’invasione statunitense dell’Iraq nel 2003 e fa parte della Resistenza Islamica in Iraq, un nome collettivo per una serie di gruppi armati nella regione che hanno lanciato più di 150 attacchi dall’inizio della guerra statunitense a Gaza. Truppe.

Gli Stati Uniti affermano che non vogliono la guerra con l’Iran, ma risponderanno all’incidente. Resta da vedere come lo faranno. Il presidente Joe Biden ha dichiarato ieri di aver presieduto una riunione del Consiglio di sicurezza nazionale in cui sono state discusse le opzioni.

Il Pentagono sta inoltre indagando se i droni militari statunitensi che monitorano l’ambiente abbiano seguito lo stesso programma di volo negli ultimi mesi, dopo di che un gruppo ostile potrebbe aver rilevato uno schema. Questo secondo la fonte Washington Post Ciò non significa che il gruppo avrebbe ricevuto “importanti informazioni militari”, “possibilmente da un governo amico”. Anche l’Iran viene chiaramente preso in considerazione.

L’attacco dei droni è un altro esempio del ruolo sempre più importante che i veicoli aerei senza pilota svolgono nella guerra e al quale gli eserciti devono adattarsi costantemente, come ha già dimostrato la guerra in Ucraina negli ultimi due anni. Oltre alle migliaia di droni da ricognizione che monitorano ogni centimetro quadrato del campo di battaglia su entrambi i lati, sono gli aerei kamikaze e i cosiddetti droni FPV, o droni con prospettiva in prima persona, a causare morte e distruzione.

READ  L'Austria inasprisce le misure Corona, solo le persone che sono state vaccinate o guarite dopo il virus Corona possono visitare il settore della ristorazione

I droni Kamikaze volano automaticamente verso un bersaglio predeterminato e vengono spesso schierati in sciami per superare le difese antiaeree, mentre i droni FPV vengono controllati a distanza tramite collegamento video verso il bersaglio, contro il quale alla fine si schiantano ed esplodono. Inoltre, questi dispositivi offrono un importante vantaggio economico: poiché spesso costano solo da poche centinaia a migliaia di dollari, sono molto più economici dei missili antiaerei utilizzati contro di loro, che a volte costano più di un milione di dollari ciascuno.

Nel frattempo, lunedì sera il Pentagono ha diffuso i nomi dei tre soldati deceduti. Si tratta di un sergente di 46 anni e di due soldatesse, di 23 e 24 anni. Sono i primi due soldati americani ad essere uccisi dal fuoco nemico in Medio Oriente dall'inizio della guerra a Gaza lo scorso ottobre.

Molti dei feriti sono in gravi condizioni, cinque di loro soffrono di gravi traumi cerebrali. Un totale di otto feriti sono stati evacuati in un centro di supporto medico americano a Baghdad, tre dei quali sono stati trasportati in aereo ad una base medica militare specializzata a Landstuhl, in Germania.

Niente. Il sergente William Rivers, la specialista Breonna Moffitt e il sergente. Kennedy Sanders, I tre soldati che morirono.Foto dell'Agenzia France-Presse