QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Con un traduttore che ora è l'uomo dei trasporti: chi c'è dietro la “forte struttura di ferro” del Club Brugge?

Con un traduttore che ora è l'uomo dei trasporti: chi c'è dietro la “forte struttura di ferro” del Club Brugge?

“L’organizzazione può essere così forte che l’allenatore deve concentrarsi solo sulle cose per cui è stato assunto”. Questo è quanto ha detto il presidente della squadra Bart Verhaeghe subito dopo la storica qualificazione contro il PAOK. Ma chi c'è dietro la struttura lodata (e significativamente ridisegnata) del Club Brugge? Panoramica dei pacchetti di supporto in blu e nero.

Alla fine del 2023 è succeduto a Vincent Manart come amministratore delegato del Club Brugge, diventando così responsabile della gestione quotidiana del club.

In passato ha già ricoperto diversi incarichi importanti nella Federcalcio belga e nel 2018 Maddou ha iniziato a lavorare a tempo pieno al Club Brugge come Chief Business Officer.

Lì, il nativo di Bruges impressionò per il suo senso organizzativo e imprenditoriale – Maddow lanciò, tra le altre cose, la famosa Club Media House – e fu una voce importante per la coppia di manager Bart Verhaeghe-Vincent Mannaert.

Madou, un LO di formazione, vive a circa 2 chilometri da Jan Breydel ed è conosciuto come un gran lavoratore con un occhio per le tendenze e una vasta conoscenza dei file.

CFO dal 2021. Leggi: L'uomo che dovrebbe monitorare la situazione finanziaria del club. Inoltre, in qualità di capo delle operazioni, è responsabile della gestione del Basecamp a Westkapelle, del The Nest a Roeselare e ovviamente dello stadio Jan Breydel.

Laukens si trova appena sotto Madou nella gerarchia ed è uno dei pesi massimi dei Blue Black come membro del comitato di gestione.

Prima di dedicarsi al calcio, ha fatto scalpore in grandi aziende internazionali come… P&C, Retexyl e Ontex.

READ  ufficialmente. Leandro Trossard ha il suo miglior trasferimento: i Red Devils firmano per l'Arsenal

Compiere con calma passi forti all’interno della gerarchia del club.

Rigaux era allenatore dell'Under 10 dei blu-neri quando all'improvviso gli è stato chiesto di interpretare il grande acquisto spagnolo Victor Vazquez. Il fiammingo occidentale ha svolto il suo ruolo così bene che il club lo ha immediatamente messo a capo di tutti i giocatori di lingua spagnola.

Lasciando il suo nome con Jose Izquierdo, per esempio, seguirà senza dubbio un lungo canto di lode.

Rigaux farà colpo anche come team manager e manterrà i contatti con gli scout. Tanto che Vincent Manart portava sempre più spesso con sé l'eloquente poliglotta nelle trattative.

Rigaux impara i trucchi del mestiere fin dalla prima elementare e viene promosso a responsabile delle assunzioni, a cui viene affidata una maggiore responsabilità nella conclusione degli affari.

Madhu qualche settimana fa su Rigo: “Ora ha costruito una rete molto forte e ha svolto un ruolo dominante in molti trasferimenti in entrata e in uscita di successo. Se uno straniero avesse un CV, diresti: 'Wow, è un CV fantastico. '”

In qualità di direttore sportivo, Rigo è ora il responsabile ultimo di tutti i file relativi ai trasferimenti.

Rigo con il suo compagno Jose Izquierdo.

Un elicottero vigila su tutti i reparti sportivi del club.

Monitora la filosofia del calcio ed è ogni giorno al Basecamp per fungere da cassa di risonanza per l'allenatore e lo staff.

“Si concentra anche sulla gestione, pianificazione e organizzazione. Sto parlando di scienza dello sport, squadra attorno alla squadra, dati e tecnologia, analisi di giocatori e squadre”, ha spiegato in precedenza il CEO Maddow sul ruolo di Didobillier.

READ  Ochoa ancora una volta campione della Coppa del Mondo, Lewandowski ha perso con un rigore decisivo in Messico - Polonia | Coppa del Mondo 2022

Il direttore sportivo è alla guida del calcio belga da molti anni. Ha iniziato a lavorare nel dipartimento comunicazione della Federcalcio nel 2011, per poi fondare la propria agenzia sportiva 90/24 Media, che ha lasciato nel 2019 al club, dove in precedenza ricopriva la carica di direttore marketing.

Imparentato: