QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Contando i morti nelle favelas del Brasile: “come in guerra”

Il Brasile sta affrontando una nuova epidemia di virus Corona, che ha causato l’allagamento degli ospedali. I volontari si recano nelle favelas per contare gli stessi morti, perché il numero delle vittime è superiore a quanto indicano i dati ufficiali.

Prima di iniziare la loro missione per contare i morti nelle favelas, Anna Paula Sales e il suo team devono negoziare con i trafficanti di droga e le milizie armate responsabili. È un affare pericoloso. Durante una visita alla favela Itagway, una città nello stato di Rio, i membri del team, tutti donne, sono dovuti fuggire per salvarsi la vita quando sono scoppiati gli spari tra le bande di droga e la polizia.

Le vendite ritengono che contare il numero corretto di morti sia fondamentale per combattere l’epidemia in un paese in cui il numero di morti per Covid-19 è in rapido aumento.

All’inizio di aprile, il bilancio delle vittime giornaliere è salito a 4.000 per la prima volta, più o meno equivalente al record giornaliero di 4.405 registrato negli Stati Uniti il ​​20 gennaio.

Ma i volontari che cercano di contare i morti nelle favelas di Rio pensano che il bilancio delle vittime sia più alto. Molti casi non sono stati registrati ufficialmente.

guerra

“È una specie di guerra”, ha detto Sells, che ha perso la sua famiglia e gli amici intimi a causa del Covid-19. “Non c’è limite all’ordinamento.” Secondo i dati ufficiali, dall’inizio dell’epidemia ci sono stati 226 decessi per COVID-19 in tutta Italia. Ma Sales e il suo team hanno già contato 212 persone morte nella sola favela Ingenio.

Il 51enne Sales è uno dei tanti brasiliani che contribuiscono al cruscotto lanciato lo scorso anno da Catalytic Communities, un’organizzazione no-profit che raccoglie dati dalle favelas di Rio per avere un quadro più completo dell’impatto devastante del virus.

READ  La partecipazione a Lifelines può aiutare a prevenire le malattie cardiovascolari

Lo stimolo utilizza informazioni governative e notizie, ma utilizza anche volontari nelle favelas, la maggior parte dei quali leader locali. Dopo un anno, molti di loro si sentono stressati. “È snervante”, dice Sells. Dobbiamo essere molto strategici e concentrati.

Stigmatizzato

Lo scoppio del Coronavirus in Brasile è incontrollato e gli ospedali sono sovraccarichi e senza materiali importanti. Douglas Heliodoro ha smesso di contare le morti nella favela dopo che i residenti hanno smesso di rispondere alle sue richieste di informazioni, temendo di dover mettere in quarantena.

Dopotutto, per molti degli oltre 60.000 residenti di Río das Piedra, restare a casa non significa lavorare, e quindi non c’è cibo in tavola. “Temono lo stigma”, ha detto Heliodoro, che è il presidente di un ente di beneficenza locale. “Molti casi non sono stati segnalati, ma stiamo sentendo che le persone stanno morendo”.

Questo fatto è vero per la maggior parte degli 1,3 milioni di abitanti delle baraccopoli di Rio, che sono spesso più vulnerabili all’inquinamento da malnutrizione, alloggi densi e cattive condizioni di salute.

Priorità nella vaccinazione

Il mese scorso, Catalytic e dozzine di altre organizzazioni che lavorano nelle favelas hanno pubblicato una lettera aperta dicendo che i residenti dovrebbero ottenere la vaccinazione prioritaria.

“Ci sono così tanti casi sottostimati”, ha detto Teresa Williamson, presidente di Società motivazionali. “Ancora più casi passano inosservati nei bassifondi che altrove”. “Sulla base dei dati in nostro possesso, sappiamo che i bassifondi sono più vulnerabili”.

Il dashboard motivazionale ha raccolto informazioni da 230 delle quasi 1.000 baraccopoli dello stato e conta 3.687 morti. Williamson dice che molte di queste vittime erano nei primi mesi della pandemia.

READ  Non ci sono indicazioni di una relazione causale tra vaccinazione e morte

Dice che il modo in cui Catalytic utilizza i dati del governo è migliorato, ma molti ricercatori hanno smesso di contare le vittime e ora si concentrano sulla fornitura di cibo e sulla creazione di consapevolezza.

A gennaio, la situazione è peggiorata quando sono terminati i sussidi governativi, aumentando la domanda di aiuti alimentari. Heliodoro si sta ora concentrando anche sulla distribuzione di cibo e sull’educazione sui vaccini. “Mi fa male non poter fare molto”, dice.

Più di un numero

Si contano ancora i morti a Mari, una regione di sedici clan dove vivono più di 140.000 persone. Il principale istituto di epidemiologia in Brasile ha aperto un centro dove le persone possono fare test gratuitamente.

Ciò rende Mary uno dei pochi quartieri poveri in cui il numero delle vittime del Coronavirus può essere determinato con precisione, afferma Daniel Mora. Coordina il progetto per Redes da Mare, una delle organizzazioni no profit partecipanti.

Mary è attualmente in testa alla corsa con 3.419 casi confermati e 173 morti. Tuttavia, un conteggio accurato non riduce il dolore delle persone che hanno perso qualcuno a causa della malattia, dice Mora, che ha perso il padre a causa del virus Covid-19.

“Personalmente, trovo molto difficile vedere questo numero solo come un numero”, spiega. “Mi rendo sempre conto che mio padre è uno di quei numeri.”

Questo articolo è originariamente apparso con il partner IPS Fondazione Thomson Reuters