QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Crisi politica in Italia: il premier Mario Draghi offre le dimissioni, il presidente Sergio Mattarella rifiuta

Il presidente del Consiglio italiano non ha quindi avuto altra scelta che consegnare le proprie dimissioni al presidente Sergio Mattarella. Secondo Draghi, ora non si parla più di “unità nazionale” all’interno del suo governo, condizione per lui all’epoca per diventare primo ministro. Tragi non appartiene a nessun partito politico. In precedenza è stato presidente della Banca centrale europea. All’inizio del 2021, dopo l’ennesima crisi politica del Paese, Giuseppe Conte, leader del Movimento Cinque Stelle, diventa presidente del Consiglio.

In teoria Draghi non ha bisogno del sostegno del Movimento Cinque Stelle e può continuare senza di loro, perché anche senza i Cinque Stelle c’è ancora la maggioranza. Ma per Draghi è più importante la politica di un governo di unità nazionale, e quindi il sostegno di un gran numero di partiti di sinistra e di destra.

Le nuove elezioni sono solitamente previste per l’inizio del 2023. Le dimissioni di Draghi potrebbero in linea di principio portare a elezioni anticipate in autunno. Ma questioni importanti sono ancora sul tavolo del governo, come come svezzare l’Italia dalla sua dipendenza dal gas russo.

Draghi – noto anche come Super Mario – è stato finora in grado di unire partiti di tutto lo spettro politico per affrontare questioni importanti. Quindi il presidente Mattarella vuole vederlo restare al potere. Rifiuta quindi di dimettersi e chiede al Parlamento di verificare se e da quali partiti vi sia ancora sufficiente appoggio per restare al potere. Questo accadrà mercoledì prossimo.