QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Croazia e Italia fanno la guerra a Prosecco e Prosek: ‘Vogliono prendere la nostra Ferrari’

Il vino croato Prosek non assomiglia al Prosecco. Il vino dei Balcani è un dolce ambrato e dolce ottenuto da uve appassite al sole, mentre il vino bianco italiano è molto secco, prodotto esclusivamente con uve Clara e ha le famose bollicine. Tuttavia, alcuni nei circoli del vino italiani sono soffocati la scorsa settimana: la Commissione europea ha inviato una richiesta ufficiale alla Croazia per concedere lo status di Prosek protetto.

Questa non è ancora più che una richiesta e la Commissione Europea non ha ancora preso in considerazione la richiesta, ma non ha assicurato gli italiani. Una folla inferocita di cowboy, politici, leader sindacali agrari e avvocati produttori di vino vuole rimandare rapidamente i croati nel recinto con la loro prosa sconosciuta.

Gli italiani considerano un male che la Commissione europea prenda sul serio la richiesta croata. Bruxelles dice che vuole preservare i prodotti europei regolari e regionali, non è vero? Bene allora. Gli italiani senza dubbio i nomi prošek e prosecco sono molto simili – ovviamente fonetici – e i consumatori che hanno zero conoscenza dell’alcol sono confusi da entrambe le bevande e compreranno Prosecco quando vogliono davvero bere prosecco.

Ferrari

Il Prosecco detiene da molti anni una posizione protetta (DOP). Inoltre, c’è la città del Prosecco, situata nel nord-est dell’Italia. Gli italiani credono che al Prosek non dovrebbe essere dato lo status di Prosecco. Luca Jaya, Il governatore della regione settentrionale del Veneto, dove si produce molto Prosecco, calunnia la domanda della Croazia: ‘Stanno rubando un marchio importante al nostro Paese. È come se volessero prendere la nostra Ferrari. ‘

Il ministro italiano dell’Agricoltura segna il verdetto della Corte di giustizia europea all’inizio di questo mese. La catena di tapas bar spagnoli aveva il nome Champagnelo (piccolo champagne) e non era accettata dai produttori di champagne francesi. La corte era d’accordo con loro.

Quello che gli italiani temono è che se Prose ottiene un BOB, perderanno finanziariamente. Perché il Prosecco Grande affare. L’anno scorso quasi 600 milioni di bottiglie sono state riempite di bollicine e 1,2 miliardi di euro hanno varcato il confine. Si teme che i croati cercheranno quote di mercato sulla scia di questo successo imprenditoriale italiano.

Nel 2013, anche i croati hanno fatto uno sforzo per garantire lo status del loro prosciutto. Allora non ha funzionato. Ministro dell’Agricoltura italiano, Stefano Padunelli, Ha annunciato in TV la scorsa settimana che il governo si opporrà con forza alla richiesta croata. Gli italiani hanno due mesi.

(Affidabilità)

READ  La Lega populista di destra ha perso le elezioni amministrative italiane