QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Daihatsu interrompe temporaneamente le consegne di tutti i veicoli dopo aver manomesso i crash test |  al di fuori

Daihatsu interrompe temporaneamente le consegne di tutti i veicoli dopo aver manomesso i crash test | al di fuori

La casa automobilistica giapponese Daihatsu, filiale della Toyota, ha temporaneamente sospeso le consegne di tutti i suoi modelli. Questo annuncio arriva dopo che un’indagine indipendente ha rivelato la manomissione dei test di sicurezza. Partecipano, tra gli altri, anche modelli della Toyota.

La Daihatsu ha ammesso la primavera scorsa di aver falsificato i risultati dei crash test per sei modelli. Successivamente è stata avviata un’indagine indipendente. Ciò mostra 174 violazioni in 25 test, oltre alle violazioni identificate in aprile e maggio. Al concorso partecipano complessivamente 64 modelli, tra cui vetture Toyota, Mazda e Subaru. In Daihatsu, questo riguarda quasi tutti i modelli della gamma.

“Serve una riforma radicale”

In un comunicato stampa, la casa madre Toyota si scusa per “il disagio e l’ansia causati da questa situazione”. L’azienda ha inoltre annunciato che sospenderà le consegne dei modelli interessati. Toyota ha affermato nel comunicato stampa che è necessaria una “revisione fondamentale”. Più tardi mercoledì i presidenti di Daihatsu e Toyota terranno una conferenza stampa congiunta.

La Daihatsu si ritirò dal mercato europeo più di dieci anni fa. Il sottomarchio Toyota è specializzato in auto di piccole dimensioni. Nell’anno fiscale 2022, il marchio ha venduto più di 1,7 milioni di veicoli in tutto il mondo, quasi la metà dei quali prodotti in Giappone.

Frode precedente

La Daihatsu ha ammesso di aver falsificato i risultati dei crash test lo scorso aprile. All’epoca, circa 88.000 veicoli recentemente venduti erano usciti dalle linee di produzione in Tailandia e Malesia. Il Ministero dei Trasporti giapponese ha già annunciato che giovedì si recherà sul posto per un sopralluogo.

READ  È probabile che Bel20 diventi verde dopo l'esplosione dei prezzi di Amazon