QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Deforestazione amazzonica e schiavitù moderna: la famosa sneaker Adidas solleva interrogativi |  al di fuori

Deforestazione amazzonica e schiavitù moderna: la famosa sneaker Adidas solleva interrogativi | al di fuori

Probabilmente hai qualche Sambas, Gazelles o Spezial nel tuo armadio. Le scarpe sportive Adidas sono molto popolari. Adidas è stata costretta ad aumentare la produzione di scarpe sportive da 50.000 a 600.000 paia di scarpe al mese entro il 2023. Si scopre che l'origine del cuoio delle scarpe non è kosher: un'indagine condotta dalla piattaforma di giornalismo investigativo olandese Follow The Money ha rivelato che lo sfruttamento dei lavoratori e la deforestazione dell'Amazzonia sono anteriori alla produzione di scarpe sportive.

Quando la partnership con il rapper e designer Kanye West si è sciolta alla fine del 2022, Adidas si è trovata in difficoltà finanziarie. Il rapper ha guadagnato un altro miliardo di dollari da Adidas nel 2021, ma la società ha interrotto la collaborazione dopo diverse dichiarazioni antisemite e sessiste da parte di West. Poco dopo la pausa, il valore di mercato delle azioni Adidas è sceso al livello più basso degli ultimi sei anni. Adidas ha dichiarato di aspettarsi una perdita nel 2023 per la prima volta da decenni.

Il “Gruppo del Balcone” è come Cristo

Ma all'improvviso la vecchia scarpa, la Gazelle, ha ridato vita all'azienda. La collezione “Terrace” è diventata in breve tempo molto apprezzata. La collezione, che comprende sneakers come Adidas Samba, Gazelle e Spezial, ha creato una nuova tendenza. Sono sneakers strette e piatte con tre strisce laterali. Il modello originale è nella collezione dagli anni '40 e originariamente era una scarpa da calcio indoor.

Adidas Gazzella © Getty Images

A metà del 2022, Adidas ha rilanciato la sneaker in collaborazione con il marchio di lusso Gucci in vari colori vivaci: rosa con strisce viola, verde mare con strisce blu e blu con strisce arancioni. Il prezzo era di circa 800 euro al paio. Molti influencer come Bella Hadid, Hailey Bieber, Kendall Jenner e Harry Styles hanno colto la tendenza e le repliche vengono vendute a 120 euro al paio. Le scarpe sono diventate rapidamente una nuova tendenza su TikTok.

READ  Era appena scappato dai talebani: il suo compagno di cinque anni...

Grazie all'enorme popolarità delle sneakers, Adidas è riuscita a evitare quasi completamente le conseguenze finanziarie della debacle di Kanye West. La capitalizzazione di mercato del titolo è ora il doppio di quella del periodo immediatamente successivo alla pausa.

Produzione discutibile

Tuttavia, il modo in cui vengono realizzate le scarpe da ginnastica solleva degli interrogativi. Follow The Money ha scoperto dove sono state prodotte le scarpe da ginnastica e ha avuto accesso alle dichiarazioni di importazione del produttore. Ciò indica che alcune pelli provengono da produttori di carne brasiliani noti per essere coinvolti nella deforestazione in Amazzonia.

Secondo l’ispettorato del lavoro brasiliano, alcune pelli sembrano provenire da aziende agricole in cui i dipendenti lavorano in condizioni “degradanti”.

Da 50.000 a 600.000 paia di scarpe al mese

L'azienda di origine taiwanese Chiang Xin Bao, che produce scarpe, ha due stabilimenti in Vietnam, uno in Indonesia e l'altro in Myanmar. Maria Rizqiana, che lavora come responsabile dell'ufficio acquisti in un'azienda, testimonia sulla produzione non etica di scarpe: “A causa dell'enorme domanda di scarpe sportive Gazelle e Spezial, dobbiamo espanderci molto rapidamente”. Gli straordinari in fabbrica aumentano e la pressione sui reparti aumenta.

Il calzaturificio impiega 7.000 dipendenti. Rizqiana afferma che nel gennaio 2023 la fabbrica produceva quasi 50.000 paia di scarpe da ginnastica Gazelle e nel giugno 2023 quel numero era salito a 600.000 paia al mese, dodici volte di più.

Deforestazione della foresta amazzonica per la produzione di pelle

L'enorme popolarità delle scarpe rende difficile trovare abbastanza cuoio per produrle. La pelle delle mucche provenienti dall’India e dalla Cina è vietata a causa della mancanza di benessere degli animali in quei paesi. Rizqiana non vuole dire da dove viene la pelle. In collaborazione con le ONG SOMO e Stand.Earth, Follow the Money ha esaminato centinaia di dati di importazione delle aziende da cui proviene la pelle. Hanno scoperto che alcune delle pelli delle famose scarpe da ginnastica Adidas hanno un'origine discutibile.

READ  Gli esperti criticano la politica della Corona tedesca: "Le misure attuali sono insufficienti" | Corona virus quello che c'è da sapere

Parte della pelle proviene dal Brasile, dove viene prodotta dai maggiori produttori mondiali di carne bovina e di pelle bovina come JBS, Minerva, Viposa, Vancouros e Fuga Couros. Tutte queste aziende svolgono un ruolo di primo piano nella deforestazione illegale nella foresta amazzonica.

Deforestazione nella foresta amazzonica
Deforestazione nella foresta amazzonica © Getty Images

Schiavitù moderna

Il produttore di carne JBS afferma che le pelli di mucca che vende sono “socialmente” e “ambientalmente” sostenibili. Nella fattoria Pimienta, fornitrice di JBS, l'ispezione ha trovato cinque uomini che aiutavano con il bestiame. Non avevano contratto e guadagnavano 50 reais al giorno (7,50 euro). Vivono in una squallida capanna di tronchi all'interno della proprietà.

Adidas ignora le violazioni

Adidas non ha ancora intenzione di adottare misure più severe. Nel novembre 2021, la ONG statunitense Stand.Earth ha segnalato ad Adidas i rischi della deforestazione. Quando Follow the Money ha chiesto cosa stesse facendo il marchio con queste informazioni finora, Adidas ha detto che stava lavorando con il Leather Working Group per “espandere i controlli per includere la tracciabilità fino ai macelli entro il 2030”. Nel frattempo, Adidas non cambia il fatto che milioni di scarpe da ginnastica Gazelle e Spezial contribuiscono alla deforestazione.