QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Dopo le parole minacciose rivolte a Thibaut Ness: i Mondiali di ciclismo sono pronti al rinnovamento?  |  Ciclocross

Dopo le parole minacciose rivolte a Thibaut Ness: i Mondiali di ciclismo sono pronti al rinnovamento? | Ciclocross

Parole minacciose del presidente dell’UCI David Lapartent.

Ha affermato che se un ciclista preferisse correre la National Cross piuttosto che gareggiare nella Coppa del Mondo di ciclocross, non dovrebbe più partecipare. Inoltre dovrebbe saltare il Mondiale.

Il pilota in questione: Thibaut Ness. Si era qualificato per il Cross a Dendermond, ma il giorno prima era stato alla partenza del Superprestige a Neil. Un’opzione per le vittorie di oggi e non per la classifica mondiale dei Mondiali.

“Sono rimasto scioccato dal fatto che Lappartient abbia reagito in quel modo”, afferma l’ex campione del mondo Bart Wellens. “Il Nizza avrà le sue ragioni. Il calendario dei Mondiali è molto difficile e quindi stanca il suo giovane corpo”.

“D’altronde è pur sempre la classifica più prestigiosa. Dovrebbe essere un onore far parte della selezione per la Coppa del Mondo”.

Lappartient la pensava così: o ti impegni o rimani fuori. Il nostro commentatore Robin van Gucht sta prendendo in considerazione questo suggerimento.

“Non sono necessariamente contrario”, dice, “potrebbe essere una delle misure da adottare per far avanzare la Coppa del Mondo”.

“Ma il fatto che non ti sarà permesso di partecipare alla Coppa del Mondo è un grosso problema. Puoi scommettere che Wout van Aart, Mathieu van der Poel e Tom Pidcock non correranno nemmeno una versione abbreviata della Coppa del Mondo Biglietto per i Mondiali.”

L’UCI dovrebbe iniziare a pensare ad un calendario meno completo? Oppure si dovrebbe semplicemente giocare la carta dell’interdisciplinarietà, tenendo conto anche dello sviluppo sia dei ciclisti su asfalto che su quelli su terra?

READ  La mano di Guardiola (innocente?) ha colpito Lukaku: abbiamo vinto perché l'attaccante ha mancato un colpo di testa aperto da tre metri | gli sport

“È una questione complessa di cui tutte le parti devono discutere”, ritiene Wellens. “Ma finché si discute a riguardo, il ciclocross è ancora un argomento caldo.”