QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

E se l’Ucraina non riuscisse a vincere la guerra?

E se l’Ucraina non riuscisse a vincere la guerra?

In Ucraina, minaccia di svilupparsi una situazione di stallo tra due parti che non possono vincere la guerra, ma che non vogliono nemmeno negoziare. Quest’ultimo potrebbe alla fine diventare inevitabile per fermare lo spargimento di sangue.

Pietro Jason

Un anno dopo l’invasione russa, l’Occidente si unisce dietro l’Ucraina. Sosteniamo l’Ucraina A ogni costoLo ha detto lunedì il presidente degli Stati Uniti Joe Biden durante la sua visita a sorpresa a Kiev. “Non c’è nulla che possa sostituire il successo ucraino sul campo di battaglia”, ha detto questa settimana il ministro degli Esteri olandese Wopke Hoekstra.

Ma dietro le quinte, i sospetti stanno covando, dice Gideon Rachman, commentatore di affari esteri per The Guardian. Financial TimesDopo aver visitato la Conferenza sulla sicurezza di Monaco. Come finirà questa guerra? La Russia può essere costretta a una pace che l’Ucraina accetti? Quanto resisteranno l’Ucraina e i suoi alleati occidentali?

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha recentemente assicurato alla BBC che il suo paese non si calmerà fino a quando tutti i territori controllati dalla Russia, inclusa la Crimea, non saranno ripristinati. I funzionari occidentali non lo contraddicono apertamente. Ma se parli con loro in privato, pochi di loro credono che rioccupare la Crimea sia un obiettivo di guerra realistico”, ha scritto Rachman questa settimana.

L’Ucraina deve vincere, tutti sono d’accordo. Ma qual è la vittoria? Tutti i russi dovrebbero essere espulsi dall’Ucraina? O è sufficiente che l’Ucraina non perda, la guerra finisca e la Russia si ritiri oltre i confini del 23 febbraio 2022?

impasse

La prima opzione è auspicabile, ovviamente. Ripristina l’integrità territoriale dell’Ucraina conformemente al diritto internazionale. La Russia non viene ricompensata per la sua aggressione, che è un segnale importante per altre dittature che stanno considerando un’avventura militare. Ma è anche possibile cacciare i russi dal Donbass e dalla Crimea? Probabilmente no, ha scritto l’esperto di sicurezza Rob de Wijk nella sua colonna per il quotidiano olandesedevozione. Ci sono buone probabilità che la guerra finisca in una situazione di stallo.

Lo scetticismo aperto sugli obiettivi della guerra in Ucraina è diventato quasi indecente sullo sfondo dell’eroismo degli ucraini che combattono ogni giorno contro una spietata dittatura. Lo ha notato anche De Wijk, che prende il nome da una colonna precedente, tra l’altro, “figa nazista” e “Il ciambellano tra gli esperti”.

foto dell’AFP

Tuttavia, De Wijk non è l’unico esperto che mette in guardia contro aspettative esagerate. Una fine della guerra che darebbe all’Ucraina il pieno controllo di tutti i suoi territori riconosciuti a livello internazionale ripristinerebbe il suo livello di integrità territoriale, ma rimane un risultato molto improbabile. Evita una lunga guerra.

Tuttavia, secondo altri esperti, è necessaria una vittoria completa per l’Ucraina. Un compromesso con la Russia sarebbe solo uno spazio di respiro che consentirebbe ai russi di raccogliere nuove forze e attaccare di nuovo. Questo è esattamente quello che è successo dopo l’invasione russa della Crimea nel 2014.

Germania nel 1918

L’esperto di sicurezza Christopher Chaves del Carnegie Endowment ha affermato che anche la rioccupazione dei territori occupati non darebbe all’Ucraina la sicurezza necessaria. economisti. Sì, sarebbe bello se l’Ucraina riconquistasse un po’ del suo territorio. Ma a quale costo e quali sono i vantaggi strategici? Anche nell’improbabile eventualità che l’Occidente sostenesse l’Ucraina al massimo per molti anni a venire e alla fine costringesse la Russia a lasciare tutto il territorio ucraino, scrive Chivis, la Russia probabilmente a un certo punto ricomincerebbe la guerra per riconquistare il territorio e la reputazione perduti.

Una Russia sconfitta assomiglierà non alla Germania colpita dai sensi di colpa del 1945, ma alla Germania del 1918: una nazione umiliata e decisa alla vendetta. Per evitare di vivere sotto la costante minaccia di una nuova invasione dalla Russia, Kiev ha a cambiare il sistema Ricercato a Mosca, scrivono i ricercatori della RAND Corporation. Anche questo è uno scenario improbabile.

“L’Ucraina ha una giusta causa, ma i suoi obiettivi di guerra non sono realistici”, scrive Chevez. Ecco perché l’Ucraina, la Russia e l’Occidente dovrebbero iniziare a parlarsi il prima possibile, secondo lui. Anche un accordo imperfetto, ha detto Chivis, è meglio di una guerra prolungata che uccide persone e distrugge un paese. Un appello simile è stato lanciato la scorsa settimana da Jürgen Habermas, il più famoso filosofo tedesco. Ha sostenuto che l’Occidente dovrebbe cercare un compromesso Zeitung della Germania meridionale. Alla Russia non dovrebbero essere dati i territori che ha occupato dall’inizio della guerra, ma dovrebbe essere data l’opportunità di salvare la faccia.

possibilità di escalation

Secondo Habermas, più lunga è la guerra, maggiori sono le possibilità di escalation. Dopo i carri armati occidentali, seguiranno gli aerei. Cosa si dovrebbe fare se anche loro non riescono a raggiungere la svolta desiderata? Forze di terra? “Sono interessato alla natura preventiva dei negoziati tempestivi, che impediscono a una guerra prolungata di prendere più vite e causare distruzione, e alla fine ci presentano una scelta senza via d’uscita: intervenire attivamente nella guerra o lasciare l’Ucraina al destino”. Non iniziare una prima guerra mondiale tra le forze armate nucleari”, ha scritto Habermas.

IL Germania meridionale Habermas è stato elogiato come un importante punto di contrasto in questa “nuova era della sensibilità eroica”, ma il filosofo 93enne è stato aspramente criticato da altri media. Habermas fu coinvolto nella sua teoria dell’azione comunicativa, che pone grande enfasi sulla conversazione razionale, scrive lo storico Jan C. Questo è Zeit. Tuttavia, le “azioni comunicative” di Putin consistono in bugie, assurdità, minacce e violenze.

Anche l’intenditore dell’Europa orientale Bernds Habermas lo ha accusato di avere un “punto di vista coloniale”. La sua visione della guerra ruota attorno all’Occidente. Quello che pensano gli ucraini sembra non avere importanza. Ma dall’inizio della guerra, l’Occidente ha affermato che solo l’Ucraina può decidere su un possibile compromesso con la Russia. “Niente sull’Ucraina senza l’Ucraina”, ha scritto il presidente degli Stati Uniti Joe Biden nel maggio 2022. New York Times. “Non farò pressioni sul governo ucraino – privatamente o pubblicamente – affinché faccia concessioni territoriali”.

Lotta senza speranza

Solo una lunga guerra consentirà a Kiev di riconquistare le terre perdute. Questa settimana, il ministro Hoekstra ha tracciato un parallelo con i nove anni di occupazione sovietica dell’Afghanistan. Ma se la guerra si trasforma in un conflitto prolungato e apparentemente senza speranza, l’Occidente troverà sempre più difficile continuare a sostenere l’Ucraina, ritiene la RAND Corporation.

L’Ucraina sta già minacciando di esaurire le munizioni perché i produttori occidentali non riescono a tenere il passo con il ritmo della guerra. Inoltre, l’Occidente ha tenuto a galla l’economia ucraina per miliardi. Ciò diventerà anche più difficile poiché l’economia si ferma a causa della guerra, mentre la Russia continua a distruggere le infrastrutture civili. La domanda è anche per quanto tempo l’opinione pubblica occidentale continuerà a sostenere l’Ucraina, soprattutto se l’economia sarà difficile. Negli Stati Uniti, il sostegno agli aiuti militari è sceso dal 72% della popolazione nel maggio 2022 al 58% nel febbraio 2023, secondo un sondaggio Reuters/Ipsos.

Rand scrive che se l’Ucraina penetrasse in Crimea, il rischio di un’escalation nucleare sarebbe molto maggiore. La possibilità di uno scontro diretto tra Russia e NATO aumenta anche con la durata della guerra.

Questa settimana, il presidente russo Vladimir Putin si è rivolto allo stadio di Mosca in occasione dell'annuale Giornata dei difensori della patria.  foto di A.P

Questa settimana, il presidente russo Vladimir Putin si è rivolto allo stadio di Mosca in occasione dell’annuale Giornata dei difensori della patria.foto di A.P

Secondo RAND, né l’Ucraina né la Russia potrebbero ottenere una “vittoria assoluta”. L’Ucraina non riuscirà a espellere tutti i russi, mentre la Russia non riuscirà a invadere l’Ucraina. Tuttavia, le due parti non sono inclini a negoziare al momento, secondo Rand, perché credono ancora nella vittoria. L’Ucraina spera di poter andare avanti con armamenti occidentali sempre migliori e più pesanti. La Russia ritiene che l’Occidente non abbia la “pazienza strategica” per fornire un sostegno a lungo termine all’Ucraina. L’America delude sempre i suoi amici. “Accadrà prima o poi”, ha detto l’ex presidente Dmitry Medvedev, che ora è vice capo del Consiglio di sicurezza russo. Dopodiché, la Russia vincerà comunque, perché ha più riserve.

trattative credibili

Questo rischia di creare una situazione di stallo con due partiti che non possono vincere, ma che non vogliono parlare. Anche Jürgen Habermas ammette che non vi è alcuna indicazione che Putin voglia negoziare. “Questa non è l’ora del dialogo”, ha detto il presidente francese Macron, insultato da Putin per aver creduto a lungo nel dialogo con Mosca. “Dobbiamo rafforzare il nostro sostegno in modo che il popolo ucraino e le sue forze armate possano aumentare le possibilità di negoziati credibili”, ha detto Macron a Monaco.

Al momento, questa è davvero l’unica opzione. Ma se la lotta sul campo di battaglia arriva a una situazione di stallo e una “vittoria assoluta” per l’Ucraina si rivela impossibile, allora l’Ucraina e l’Occidente dovranno affrontare un dilemma. Dopo Bocha e altri crimini di guerra, qualsiasi concessione alla Russia è sgradevole, ma lo spargimento di sangue può essere fermato solo con un accordo con il vile regime di Vladimir Putin.

READ  Anca e salute: la persona più anziana del mondo (115) ha persino il suo account Twitter