QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Elaborazione di shock e dolore con video falsi di persone care defunte.  metodo promettente

Elaborazione di shock e dolore con video falsi di persone care defunte. metodo promettente

I video falsi di Deepfake, difficili da distinguere da quelli reali, sono scherzi, ma possono anche causare seri danni. Il professor Theo Jeffers lo metteva spesso in guardia. Gevers sta ora esplorando il potenziale terapeutico dei deepfake.

Malo van Henttom

Fino a poco tempo, Theo Jeffers, professore di computer vision all’Università di Amsterdam, era principalmente nelle notizie con avvertimenti sul pericolo dei deepfake. Deepfake è una forma di intelligenza artificiale (AI). Tutto è iniziato con il canto di Mona Lisa, Mao Zedong e Kim Jong Un – divertente e ovviamente molto falso. Basata su molti dati e un’enorme potenza del computer, questa tecnologia ora può creare immagini di volti così precisi che solo spettatori esperti possono distinguere l’uno dall’altro i volti falsi e reali. su di me deepfact.3duniversum.com/quiz Puoi testare quanto sia difficile per te stesso.

Bullismo, frode, estorsione, incitamento all’odio e consentire a donne (famose) di “giocare” nel porno (ad esempio, guardare un programma Willmweed e falsi), pubblicando false foto di nudi di giovani e consentendo ai politici di dire onestamente cose cattive o sciocche: usando la tecnologia deepfake, puoi distruggere vite e destabilizzare la democrazia. Inoltre, questo è rapidamente reso più facile grazie a dozzine di applicazioni sviluppate per questo.

Ma Gevers ha anche buone notizie da riferire sul deepfake: puoi aiutare le persone con questo. La terapia deep fake è una nuova forma di trattamento. Può alleviare il dolore dei parenti in lutto e aiutare le persone ad affrontare i traumi. Sebbene i clienti sappiano che in realtà non stanno parlando con una persona cara o con un carnefice deceduto, questa intrusione può essere un enorme sollievo.

Gevers: “Puoi fare molte cose positive con l’IA. Pensa a mappare i cambiamenti climatici, scoprire nuovi farmaci o prevedere la diffusione di malattie. Quattro anni fa, ho pensato di fare una serie di test utilizzando la tecnologia deepfake per curare traumi, bullismo , e lutto. In Skype e Zoom, siamo stati in grado di controllare i deepfake in tempo reale. Non era mai stato utilizzato prima come parte di un trattamento.

READ  Nuove intuizioni sull'evoluzione del cancro attraverso la ricerca olandese

Abbiamo quindi preso contatti con psichiatri, psicologi e terapisti del dolore. E si scopre che sono interessati. Abbiamo quindi condotto alcuni casi di studio, con la professoressa di Nimega Agnes van Menen, tra gli altri. Conduce ricerche nel trattamento di persone con ansia e disturbo da stress post-traumatico (PTSD, ed.). Volevamo verificare se questa nuova forma di trattamento potesse essere di aiuto e se il trattamento potesse avere anche effetti negativi. ”

Usando la tecnica del deepfake, i guaritori ora permettevano ad alcuni parenti di parlare contemporaneamente a una persona cara deceduta e a due donne che erano state abusate contemporaneamente con l’autore del reato. Pensi che basti questo per consigliare questo tipo di trattamento?

Abbiamo fatto più casi di studio, ma non sono stati ancora pubblicati. Questo non cambia il fatto che questa forma di terapia è ancora agli inizi, motivo per cui abbiamo lanciato una nuova piattaforma per la terapia profonda (vedi riquadro). Con questo vogliamo abbattere muri e condividere esperienze. Vorrei dare a tutti i terapeuti l’opportunità di utilizzare la terapia profonda nei loro trattamenti in modo positivo”.

Non è rischioso? Le persone traumatizzate diventano cavie di guaritori che pensano: posso provare anche questo.

“Abbiamo iniziato su scala molto piccola, con da cinque a dieci terapisti professionisti con cui ci siamo occupati. Ora vogliamo lavorare su scala più ampia e globale, motivo per cui abbiamo lanciato la piattaforma. Vogliamo verificare se questa terapia funziona anche in altri paesi e culture, quindi ci scambiamo esperienze e condividiamo i risultati a livello internazionale.

“Ovviamente non condividiamo informazioni sensibili alla privacy, ma condividiamo, ad esempio, terapie che sono state seguite in precedenza, come yoga, EMDR (desensibilizzazione e rielaborazione dei movimenti oculari e distrattori durante il richiamo della memoria, editore) o esposizione (contatto fonte in un ambiente sicuro (da paura o trauma, ndr) Cosa ho fatto Cosa funziona e cosa non funziona e per chi Cosa sono i traumi?

“Stiamo cercando buoni approcci terapeutici con terapia profonda, insieme ad altre terapie. Ci sforziamo di essere il più trasparenti possibile, in modo che i terapeuti possano imparare gli uni dagli altri. Solo così puoi fare grandi passi avanti. I terapeuti stessi sono responsabili dell’attuazione il trattamento”.

Nessun allenamento o protocollo?

“Ci sono campioni di sessioni di formazione che mostrano all’utente come funziona il sistema ed esempi di come viene utilizzato e implementato il trattamento. Vedo la terapia come un cocktail: i pazienti ricevono trattamenti diversi su misura per loro e la terapia profonda gioca un ruolo. Come veloce e quanto tempo dipende dal terapeuta e dal metodo utilizzato. Ciascuno Qualcosa di molto nuovo. Le donne maltrattate potevano parlare per la prima volta con il loro aggressore in modo sicuro, sotto la supervisione di un terapeuta. E per le due donne che lo facevano, ha avuto un enorme effetto positivo”.

Gevers ha pubblicato, con Agnes van Minnen, tra gli altri, in una rivista professionale I limiti della psichiatria Sugli effetti della terapia deepfake in due donne che hanno subito abusi sessuali in gioventù. Jill, 36 anni, è stata maltrattata e umiliata quando aveva 15 anni dal capo del negozio dove stava facendo un lavoro secondario. Da giovane ragazza e adolescente, Meg, 48 anni, è stata abusata per anni da un gruppo di ragazzi più grandi che l’hanno costretta ad abusare lei stessa di bambini. Entrambi hanno partecipato a una sessione di 90 minuti durante la quale hanno parlato con l’autore (falsi profondi interpretati da un terapeuta).

I ricercatori hanno riferito che Jill si sentiva più forte di prima e non aveva più paura dell’autore del reato. Per la prima volta ho avuto il coraggio di entrare di nuovo nel negozio dove si è verificato l’abuso. Meg è stata in grado di difendersi e mostrare la sua rabbia per la prima volta. Alla fine della sessione, ha detto: “Spero che tu abbia una brutta vita e muoia” e ha spento il suo laptop.

Nell’ultimo documentario trattamento falso profondo Cinque parenti hanno una chat Zoom rispettivamente con la figlia e il partner. Sembrano trarne davvero beneficio, anche se sanno che è falso. come è possibile?

“La stessa cosa accade quando indossi occhiali VR e ti immagini in un ambiente completamente diverso. Non sappiamo come funzionano la maggior parte dei farmaci e dei trattamenti. Ciò che conta è che funzionino e che il paziente si senta meglio dopo. Questo è sempre stato il caso nei nostri casi di studio”.

Vedi altre potenziali applicazioni per la terapia deepfake?

“Sì, certo. Penso che questa terapia possa aiutare i ragazzi vittime di bullismo o le persone che stanno divorziando, ma è anche un modo per i medici di esercitarsi a parlare di cattive notizie con i pazienti, ad esempio. È bello poterlo fare. parlare direttamente con qualcuno in un ambiente sicuro. In breve: un metodo promettente a bassa soglia che potrebbe essere vantaggioso per molte persone.”

Ecco come funziona il trattamento deepfake

Nuovo sito web deeptherapy.ai Offre ai terapeuti l’opportunità di far parlare i propri clienti con i propri clienti come parte del trattamento, ad esempio con una persona cara deceduta o un autore di violenze sessuali. Una volta effettuato l’accesso, il terapista può realizzare un video di una foto inviata dal suo cliente. Il sistema converte quell’immagine in una breve animazione, che fa muovere gli occhi e la bocca nell’immagine. Una sessione di terapia deepfake può quindi essere organizzata tramite Zoom, in cui i movimenti della bocca dell’animazione sono controllati dalla voce del terapeuta.

documentario trattamento falso profondo lui è qui vedere.

Leggi anche:

Domande etiche sui deepfake della polizia

La polizia ha pubblicato un video deepfake online, in cui una vittima di 13 anni supplica il suo assassino e i suoi testimoni di farsi avanti. I suggerimenti sono arrivati ​​rapidamente. Ma È etico “rianimare” la vittima in questo modo?