QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Migliore comprensione della demenza in tenera età attraverso la ricerca di dottorato

È necessario migliorare la qualità della vita delle persone affette da demenza in tenera età

Le persone con diagnosi di demenza in tenera età hanno già sintomi nei cinque anni precedenti la diagnosi che potrebbero indicare la demenza. Questa è una delle conclusioni importanti dell’epidemiologa Stevie Hendrix, che ha trascorso quattro anni a fare ricerche sulla demenza in tenera età e difenderà la sua tesi l’11 novembre. La sua ricerca ha portato la conoscenza di questa condizione un ulteriore passo avanti.

Hendricks ha condotto la sua ricerca all’interno del Consorzio Nazionale PRECODE guidato da Centro Alzheimer Limburgo, che è una collaborazione tra Maastricht UMC + e diverse altre istituzioni sanitarie nel Limburgo. È stato supervisionato da Marjolin de Vogt, professore di innovazioni psicosociali nella demenza, Sebastian Koehler, professore associato di neuroepidemiologia e Kirsten Bittom, ricercatrice post-dottorato.

povero bambino
La demenza sta ricevendo sempre più attenzione, ma la demenza in giovane età è un bambino trascurato, spiega Hendricks: “Quando le persone pensano alla demenza, le persone pensano principalmente agli anziani fragili, mentre la demenza può svilupparsi anche prima dei 65 anni. Questo è ciò che Noi chiamiamo insorgenza di demenza. Nella mia ricerca, abbiamo calcolato che circa 4 milioni di persone nel mondo soffrono di demenza in giovane età e ci sono 370.000 casi ogni anno. Per i Paesi Bassi, ciò significa che tra le 14.000 e le 17.000 persone soffrono di demenza in tenera età, con 1.250 nuovi casi ogni anno.

Rilevare la demenza in tenera età
C’è stata anche relativamente poca ricerca scientifica su questo tipo di demenza. Ecco perché Hendrix ha svolto ricerche sulle cause, le diagnosi e il corso di cura di questi pazienti. È importante per Hendrix e colleghi dell’Alzheimer’s Center di Limburgo rilevare la demenza in tenera età: comprendere la malattia può aumentare le probabilità di sviluppare la demenza in tenera età. Un riconoscimento tempestivo, un aiuto e un sostegno adeguati possono migliorare la qualità della vita delle persone affette da demenza in tenera età.

READ  4 motivi per visitare De Huidkliniek questo autunno

fattori di rischio
Nella sua ricerca sulle cause della demenza in giovane età, Hendricks ha scoperto che i geni svolgono un ruolo maggiore rispetto alla demenza in età avanzata. Nella sua tesi descrive altri 14 fattori di rischio, parzialmente modificabili, legati al rischio di sviluppare demenza in tenera età: fattori dello stile di vita, come l’uso di alcol, disturbi come diabete e ictus, e fattori ambientali come la mancanza di fattori sociali. Rete e fattori genetici. Hendricks: Sono necessarie ulteriori ricerche per comprendere meglio i meccanismi alla base di questi fattori. Si spera che questo alla fine porti a una migliore comprensione di come si sviluppa la demenza in così giovane età e quali persone possono beneficiare di consigli sullo stile di vita che possono ridurre il rischio complessivo di demenza, così come la demenza in così giovane età.

Segni prediagnostici
Per poter aiutare adeguatamente i pazienti affetti da demenza in tenera età, è essenziale che gli venga diagnosticata in modo tempestivo. Ma in pratica, a volte sembra che i pazienti abbiano avuto vari disturbi per anni, senza mai rivelarsi demenza. Hendriks ha analizzato le cartelle cliniche dei pazienti con demenza in tenera età e ha fatto una scoperta importante: cinque anni prima della diagnosi, i pazienti si sono presentati al proprio medico di famiglia. Cinque anni prima della diagnosi, era principalmente correlato a disturbi cognitivi, come problemi di concentrazione e memoria. Tre anni prima della diagnosi, ci sono spesso lamentele sociali, come problemi di relazione o di lavoro. Un anno prima della diagnosi, i pazienti hanno spesso problemi con il loro funzionamento quotidiano.

“Ovviamente non è facile per un medico di famiglia associare questi tipi di disturbi alla demenza”, spiega Hendricks, e le persone spesso pensano a qualcos’altro, come stress o stanchezza. Questo è comprensibile: spesso vedono qualcuno con demenza in giovane età solo una o due volte nella loro carriera. Ci auguriamo che questa ricerca sia un passo verso una maggiore consapevolezza e un più rapido riconoscimento da parte dei medici di base.

READ  Dramma di Ferry Somogyi: Un ragazzino su un ventilatore

cura dopo la diagnosi
Infine, Hendriks ha analizzato il corso delle cure dopo che i soggetti hanno ricevuto la diagnosi. Ad esempio, il 43% dei pazienti ha ricevuto una qualche forma di attività diurna dopo la diagnosi e il 44% è stato ricoverato in una casa di cura. Allo stesso tempo, Hendrix ha suggerito che alcuni pazienti e caregiver informali erano inizialmente riluttanti ad accettare le cure: “Questo potrebbe avere qualcosa a che fare con la necessità di rimanere indipendenti il ​​più a lungo possibile. O semplicemente per il fatto che le persone hanno difficoltà ad accettare l’aiuto oa trovare l’aiuto giusto. È importante che i medici generici e gli operatori sanitari ne siano consapevoli, in modo che possano discuterne con i pazienti e i loro parenti.

Continua la ricerca
Recentemente ha annunciato un consorzio nazionale, che comprende ricercatori di Maastricht UMC+, guidato da Radboud UMC Ha ricevuto 6 milioni di supporto da ZonMw per la ricerca sulla demenza in tenera età. Stevie Hendriks avrà un ruolo in questa ricerca post-dottorato: “Siamo stati in grado di indagare molti aspetti attraverso la mia ricerca, ma non ci siamo ancora. Ecco perché è così importante che continuiamo a ricercare la diagnosi precoce, i fattori di rischio, cura e supporto per la demenza In così giovane età sono felice che questa borsa di studio ci dia l’opportunità di farlo e posso svolgere un ruolo in esso.

Stevie Hendricks/MC Maastricht University