QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Entrare in vacanza con la variante Corona “JN.1”: a cosa devo prestare attenzione?

Entrare in vacanza con la variante Corona “JN.1”: a cosa devo prestare attenzione?

Due persone riceveranno una nuova vaccinazione contro Corona a Thiel in ottobre. Appena la metà delle persone con più di 60 anni ha ricevuto una dose di richiamo.Foto di Marcel van den Berg/De Volkskrant

1. Corona, che tipo di malattia al giorno d’oggi?

Da quando la variante Omicron è apparsa all’inizio dello scorso anno, la maggior parte degli olandesi ha più o meno smesso di seguirla, ma dietro le quinte ci sono ancora nuove varianti che vanno e vengono.

Giovedì l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha denominato “JN.1” il nuovo ceppo che sta rapidamente comparendo anche nel nostro paese. Alla “variante di interesse”. Ce l’ha di nuovo Circa trenta ulteriori mutazioniIl che lo rende più contagioso e più capace di sfuggire alle nostre difese ormai accumulate, o entrambe le cose Secondo i primi studi.

Circa l’autore
Martin Colemans è redattore scientifico presso De VolkskrantSpecializzato in microbiologia, clima, archeologia e ingegneria genetica. È stato nominato giornalista dell’anno per i suoi reportage su Corona.

Ma niente panico. Tutti i coronavirus circolanti nei Paesi Bassi, tranne JN.1 al momento Almeno nove specie – Appartiene ancora alla famiglia dei virus omicron. Ciò provoca una malattia meno grave e produce sintomi leggermente diversi rispetto alle varianti precoci. La perdita del senso dell’olfatto e del gusto diventa uno dei sintomi più evidenti in passato Nell’ultimo sondaggio Menzionato solo al decimo posto nell’elenco dei reclami più comuni. Anche la mancanza di respiro è meno comune.

I cinque sintomi più comuni ora consistono rispettivamente in mal di gola, naso che cola, naso chiuso, starnuti e tosse secca. Sono comuni anche mal di testa, dolori muscolari e affaticamento. Quasi la metà delle persone che vengono infettate dalla variante sviluppano la febbre.

E quelle famigerate conseguenze, la sindrome post-Covid? Fortunatamente, il rischio che ciò accada con le varianti attuali è molto inferiore rispetto a prima. La probabilità che le persone continuino ad avere reclami dopo due mesi è: Secondo uno studio britannico recentemente pubblicato Ora è simile alla stanchezza o ad altri disturbi residui dopo una grave influenza.

2. Qual è la situazione attuale dell’epidemia?

Ciò significa che con più coronavirus che mai nelle fogne e quasi mille persone in ospedale, Molto brutto. Inoltre, l’influenza è in aumento, sono in corso epidemie del virus RS e si diffondono i batteri della polmonite.Mycoplasma pneumoniae circolare. Un portavoce del RIVM ha detto: “È la stagione dei virus respiratori e ora ci siamo nel bel mezzo”.

Attualmente, circa un olandese su dieci soffre di disturbi respiratori, come respiro sibilante e tosse. Sembra da Continuano le ricerche dopo 12mila persone. Nell’ultimo sondaggio, all’inizio di questo mese, il 3,1% di loro ha confermato di essere infetto da Corona.

Nel frattempo, quasi tutti sono stati vaccinati o protetti dopo l’infezione, come mostrano i numeri. Nonostante l’enorme quantità di virus nelle fogne, il numero di pazienti affetti da Corona negli ospedali è simile a quello registrato l’anno scorso. Si tratta spesso di pazienti che vengono per qualcos’altro e nei quali il Corona viene scoperto per caso, afferma il portavoce Rivas Zorgruppe a Gorinchem.

Il miglioramento stagionale porta anche a numeri più bassi. Quest’anno protegge circa il 70% delle cure ospedaliere, oltre alla protezione di cui già godono le persone. Il RIVM è stato calcolato la settimana scorsa. Tuttavia, è andato perduto Appena la metà delle persone di età superiore ai 60 anni ha ricevuto la dose di richiamo. Il motivo principale, secondo uno Una recente indagine condotta dalla RIVM Behavior Unit: “Mi sento abbastanza protetto.”

3. E gli anziani durante le vacanze?

Ma l’aura sembra lontana. Secondo l’ultimo sondaggio RIVM, il 90% non è preoccupato per Corona. Sorprendentemente, questo valore non è molto inferiore per le persone con problemi di salute. Chi si sente un po’ male solitamente esce o va a lavorare. Motivo principale: “Non mi sentivo abbastanza male da restare a casa”.

Tuttavia, i medici avvertono: prestare attenzione alle persone vulnerabili, come gli anziani o i pazienti fragili. Un portavoce del RIVM dice: “Resta a casa se sei malato e prova a lavorare da casa se soffri di raffreddore”. Inoltre ventilare, lavarsi le mani e mantenere le distanze È nell’elenco dei suggerimenti.

Il coronavirus può essere più lieve, ma è anche più pericoloso, afferma il virologo Richard Molenkamp (Erasmus MC). “Le nuove varianti si replicano rapidamente.” Potresti avere meno reclami, ma produrrai comunque molti virus. Tienilo a mente se hai un lieve raffreddore.

Perché è bello saperlo: sei più contagioso prima o all’inizio dei disturbi, a cominciare dal mal di gola e dagli starnuti più spesso. Successivamente, le persone rimangono contagiose per circa quattro o cinque giorni. Chiunque sia stato in contatto con un paziente Corona Si ammala in media dopo circa tre giorni. Se dopo cinque giorni non noti nulla, probabilmente non sei stato infettato dal virus.

4. Test: è ancora possibile?

Allora perché non fare un autotest quando si va a trovare la nonna e il nonno? Buon piano. Molenkamp ritiene che i test potrebbero funzionare anche con nuove varianti. “Il virus cambia, ma il test misura una proteina che rimane abbastanza stabile”.

I test che sono scaduti secondo la confezione probabilmente funzioneranno ancora. “Anche se ti consiglio: se hai comunque intenzione di fare un test, comprane uno nuovo.” “Allora saprai per certo che sei nel posto giusto”, dice Molenkamp.

Ma fa attenzione. Il test rapido è ancora efficace nel rilevare il virus, ma non è molto affidabile nel non rilevarlo. “Un risultato positivo dovrebbe essere considerato positivo. Ma un risultato negativo non significa che non hai il virus”, dice Molenkamp. Ad esempio, il tampone potrebbe non aver rilevato il virus. “È saggio sottoporsi nuovamente al test in seguito, soprattutto se hai lamentele per il raffreddore.”

I test con un test PCR affidabile possono essere effettuati solo su appuntamento presso aziende specializzate: le vie dei test Corona sono chiuse da tempo.

READ  Pfizer protegge da una grave malattia di tipo delta, affermano esperti israeliani - Belgio