QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Finalmente un riconoscimento: l’aerosol è rischioso

“Finalmente,” sospirò l’esperto drop. Dopo che l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) e i Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) hanno precedentemente modificato le loro pagine web, RIVM ha anche aggiornato le informazioni sugli aerosol sul sito questa settimana. Il fatto che quelle minuscole goccioline galleggianti possano trasmettere SARS-CoV-2 viene ora preso molto sul serio. E il fatto che ci si sbarazzi delle goccioline galleggianti dall’interno tramite la ventilazione viene messo più in risalto.

Così, nelle parole del fisico di Amsterdam Daniel Boone, “un piccolo villaggio costoso” “ha resistito coraggiosamente” contro l’ipotesi dell’aerosol, ha anche cessato di resistere. Per confortare gli intenditori di aerosol, perché solo quando ti rendi conto della forza del nemico puoi armarti adeguatamente contro di esso. Bonn: “Dobbiamo farlo in fretta ora. Niente più discussioni infinite, ma continua. Anche per ridurre la possibilità che emergano nuove varianti di SARS-CoV “.

Prima di tutto, perché il ruolo degli aerosol nel SARS-CoV-2 è stato discusso così a lungo nell’ultimo anno? Un altro fattore è che la percezione che “aria pulita” e “salute” siano strettamente correlate è passata in secondo piano negli ultimi 100 anni, afferma Marcel Lohmans, che studia il clima interno degli edifici all’Università tecnologica di Eindhoven. All’inizio del XX secolo, le persone seguivano i consigli del “buon senso” dati, ad esempio, da Florence Nightingale. Nightingale scrisse nel 1859 che se l’aria in un ospedale non poteva rimanere pulita come l’aria esterna, era meglio che i pazienti se ne andassero. Note sugli ospedali. Anche nelle case trasmissione, streaming e podcast sono da tempo la parola d’ordine.

Ma nel corso del ventesimo secolo questo pensiero sul clima interno è cambiato. L’attenzione si è spostata sulla deodorazione (del corpo) e sul comfort: niente correnti d’aria, niente freddo a casa e in ufficio. Inoltre, il risparmio energetico è diventato importante dagli anni ’70 in poi, aggiunge Filomena Pluesen, docente di ambiente interno presso TU Delft. “Per non permettere al caldo o al freddo di fuoriuscire, allora le case e gli edifici erano chiusi ermeticamente”. E mentre nuove leggi e regolamenti hanno assicurato che l’acqua potabile ora sia naturalmente pulita e sicura per il cibo, poca attenzione è stata dedicata al clima interno. Le persone inoltre non hanno il naso – nel senso letterale del termine – per gli agenti patogeni e le sostanze nocive. Spesso non lo annusano. Forse anche questo ha contribuito al fatto che il decreto edilizio stabilisce requisiti solo per un numero limitato di sostanze volatili pericolose, come la formaldeide o il monossido di carbonio.

READ  Mi è stata posta la domanda sei svenuto?

Leggi anche: RIVM: C’è ancora una possibilità che un virus fluttui in uno spazio soffocante

Μm e percentuale

Boone, che in parte ha spinto la sua ricerca di successo sulla “materia morbida” per concentrarsi sugli aerosol, vede un’altra ragione. Dice che l’idea che le malattie trasmesse dall’aria possano essere trasmesse non è mai stata comune tra i medici. Prendiamo, ad esempio, il batteriologo americano William Wells, che negli anni Cinquanta dimostrò con il suo studente Richard Riley che la tubercolosi si diffonde attraverso minuscole goccioline trasportate nell’aria. “Ci sono voluti anni per accettare questa idea, e Wells non si è mai visto pubblicare di nuovo il suo articolo”, dice Boone. “Ho visto una resistenza simile con SARS-CoV-2.”

Non tutti i medici si affrettano ad aggiungere. In un simposio sugli aerosol organizzato dalla Royal Dutch Academy of Arts and Sciences, medici, virologi, ingegneri e fisici erano nell’elenco dei relatori. E anche la prima “Aerosol Fire Letter” nel Journal of American Science ScienzaLa scorsa settimana, gli autori includevano 39 virologi, epidemiologi ed esperti ambientali interni come Bluyssen e Loomans. Lowmans riassume questo messaggio urgente: “Non ci arriverai tenendo fermamente le convinzioni nel tuo settore”.

Prova con le bolle di sapone in un’area aperta con una finestra.
Diffondere in una stanza con porte e finestre aperte.
Camera con porta aperta sul corridoio ma senza ventilazione meccanica.
Tutto è chiuso e non c’è ventilazione meccanica.
Screenshot di un video di SenseLab TU Delft

Quali sono i vantaggi di questa collaborazione? Finalmente una buona conoscenza delle goccioline e delle loro dimensioni, ad esempio, all’unanimità Bonn, Bluyssen e Loomans. Per decenni durante la loro formazione, ai medici è stato detto che gocce di diametro superiore a 5 micrometri cadono a terra entro un metro e mezzo. L’idea era quindi che le goccioline più piccole che galleggiano non contenessero quasi alcun virus. Troppo poco, nel caso di SARS-CoV-2, deve essere contagioso.

Leggi anche: Tosse, starnuti, canti … nessuno sa quanto siano pericolose le goccioline

Ma i fisici e gli esperti di ambiente indoor sanno da decenni che la pratica è diversa. Anche goccioline di dieci o venti micrometri galleggiano abbastanza a lungo da essere in grado di attraversare distanze fino a pochi metri, dice Boone, che ha pubblicato bellissimi video online per dimostrarlo. Inoltre, le goccioline più grandi evaporano parzialmente in aria relativamente calda e secca, afferma Bluyssen. Di conseguenza, galleggiano più a lungo, con una quantità relativamente grande di virus a bordo, perché il virus non evapora.

READ  La pressione è in aumento nella clinica post-corona e i pazienti sono spesso giovani

Urto senza fine

Questi risultati hanno fornito agli esperti una guida sufficiente più di un anno fa per indicare il rischio di contaminazione da SARS-2 per via aerea attraverso pubblicazioni su riviste specializzate. Piccole gocce possono aumentare la trasmissione a distanza ravvicinata e abilitarla su distanze maggiori. E sì, Loomans, Bonn e Bluyssen confermano subito: se vuoi mettere in luce l’intera faccenda, hai bisogno di maggiori informazioni. Vuoi sapere quante gocce vengono rilasciate quando canti, ti alleni e parli – e se ci sono più gocce in una frase con molti ps like Peter Piper ha scelto un peperone sottaceto (Si). Ovviamente vuoi sapere in quali condizioni l’aerosol è rimasto fluttuante per più tempo e quanto virus contiene. Per quest’ultimo, sono interessanti gli ultimi risultati, che mostrano che la concentrazione di virus nella saliva è più alta che nel naso, dice Bluyssen. E ovviamente vuoi sapere quante gocce una persona deve inalare per ammalarsi: il rapporto tra dose ed effetto, che può essere diverso per ogni persona.

Abbastanza domande, insomma, per poter condurre altri vent’anni di ricerca. Ma perché sei tu? Una volta che sai che le goccioline che possono trasportare il virus possono galleggiare nelle stanze per molto tempo, il solo principio di precauzione non dovrebbe richiedere un’azione? “Non tutti i dettagli di altri metodi di inquinamento sono ancora noti”, afferma Lowmans. In definitiva, dice Boone, “Il nocciolo della questione è che l’inquinamento si verifica spesso all’interno, dove l’aria rimane con particelle sospese e tutto, e raramente è all’esterno, dove l’aria viene spazzata via. Secondo pubblicazioni recenti, la differenza potrebbe essere maggiore. a venti volte. “Bonn dice che questo fatto lo rende impaziente.” Il contributo degli aerosol all’inquinamento è del 10 per cento? ” 50 percento? Qual è lo scopo di discuterne a tempo indeterminato se puoi prevenire tali infezioni per mezzo di misure?

Quindi Boone, Blusen e Le Mans sperano con fervore che le nuove intuizioni dell’Organizzazione mondiale della sanità e del Centro per il controllo, la prevenzione e la prevenzione delle malattie portino a misure pratiche. Come un personaggio che spara Scienza Uomo: Avere “aria pulita” negli edifici dovrebbe diventare un luogo comune quanto l’acqua del rubinetto pulita e il cibo sicuro. I ricercatori di diverse discipline devono unire le forze per prendere misure per raggiungere questo scopo a lungo termine, ma certamente anche a breve termine.

Non ci arriverai aderendo rigorosamente alle convinzioni nel tuo campo

Marcel Lomanes Università della tecnologia di Eindhoven

C’è molta ricerca su cui costruire. Ad esempio, la stessa Bluyssen ha già dimostrato con misurazioni ingegnose che l’aria in una stanza viene rinfrescata molte volte più efficacemente aprendo una finestra e una porta l’una di fronte all’altra rispetto alla semplice apertura di una finestra. Nel frattempo, Boone è andato con il CO2Il contatore visita le scuole, perché la quantità (espirazione) è anidride carbonica2 Nell’aria è una misura della qualità dell’aria e della ventilazione in una stanza. Non ci sono stati feriti nella scuola nella zona di al-Misbah, che, dopo le sue misurazioni, aveva chiuso un certo numero di stanze che erano scarsamente ventilate, ha detto.

READ  Persone che non sono morte per aver ricevuto il vaccino COVID - Suriname Herald

Loomans contiene anche anidride carbonica2Metri sulla sua scrivania, soprattutto per uso personale. Ma per i luoghi pubblici, puoi anche usarne uno sul CO2 Sistema semaforico basato su. La luce rossa indica che l’anidride carbonica è relativamente alta2Concentrazioni e quindi ventilazione insufficiente. “Potrebbe dare alle persone la possibilità di decidere di non entrare in una stanza del genere”. E per determinare il limite al quale salta questo semaforo – per gli appassionati: a 800, 1000 o 1250 parti per milione (parti per milione di molecole d’aria) – dovrai lavorare con diverse discipline.

Un’altra cosa: la ventilazione negli uffici. Ad esempio, non è necessario equipaggiarli subito con i sistemi per impieghi gravosi delle sale operatorie, afferma Bluyssen. Lì, l’aria dall’alto spinge le goccioline piccole e grandi lontano dal paziente. Ma negli uffici, puoi anche catturare l’aria calda che soffia insieme all’aerosol e tutto ciò nella parte superiore della stanza e portare aria fresca dal basso. Potrebbe essere necessario posizionare “cannucce di gas” sui singoli dipendenti in modo che i loro respiri non raggiungano i colleghi vicini. Oppure metti in atto sistemi che lavorino di più con più persone. Oppure posiziona una pianta con un ventilatore in ogni posto di lavoro.

Bluyssen e Loomans affermano con fermezza che gli investimenti in tali sistemi e nella loro ricerca non sono paragonabili ai costi della pandemia. Sono supportati da Boone che non ha alcun interesse personale per gli studi sull’aerosol – “Mi impedisce solo di fare le mie ricerche”. Infine, vorrebbe menzionare alcune misure economiche qui e ora: aprire i finestrini delle auto, lasciare aperte le porte fisse degli ascensori e sì, ventilazione, ventilazione e ventilazione. “Ci è costato la vita che non avevamo battuto molto prima e molto di più di queste misure extra”.