QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Fine di quasi 20 anni di guerra in Afghanistan: i talebani celebrano…

Gli americani hanno lasciato l’Afghanistan lunedì notte, quasi 20 anni dopo aver invaso il paese quando il regime si è rifiutato di consegnare Osama bin Laden dopo gli attacchi dell’11 settembre. I talebani hanno celebrato la “liberazione” e l'”indipendenza” con colpi di gioia e fuochi d’artificio. Anche gli americani erano soddisfatti della fine della loro guerra più lunga, ma vedevano ancora molto lavoro.

Il generale americano Kenneth McKenzie ha dichiarato in una conferenza stampa che l’ultimo aereo C-17 è decollato da Kabul alle 21:29 ora del Belgio, un minuto prima della mezzanotte a Kabul. Questo prima della scadenza annunciata del 31 agosto. L’ambasciatore degli Stati Uniti Ross Wilson e il generale Chris Donahue sono stati gli ultimi a salire a bordo dell’aereo. La partenza ha posto fine a quasi 20 anni di presenza militare statunitense in Afghanistan.

“Questo segna la fine dell’aspetto militare dell’evacuazione, nonché la fine della missione di quasi 20 anni iniziata in Afghanistan poco dopo l’11 settembre 2001. È una missione per rendere giustizia a Osama bin Laden e ai suoi al- associati di Qaeda”. Non era un lavoro a buon mercato. Ha ucciso 2.461 soldati e civili americani e ferito più di 20.000 americani”.

Talebani quattro

I talebani hanno celebrato con gioia la partenza americana. I colpi sono stati sparati in molti luoghi a Kabul e anche i fuochi d’artificio sono stati visti nel cielo.

Il portavoce dei talebani Zabihullah Mujahid ha dichiarato: “Nel cuore della notte, le ultime forze americane hanno lasciato l’aeroporto di Kabul, liberando così completamente l’Afghanistan e ottenendo l’indipendenza”.

Anas Haqqani, un importante rappresentante dei talebani, ha dichiarato: “Abbiamo fatto di nuovo la storia. L’occupazione dell’Afghanistan da parte degli Stati Uniti e della NATO 20 anni fa è terminata stasera. Sono molto felice che dopo vent’anni di jihad, sacrifici e difficoltà, mi sento orgoglioso di vedere questi momenti storici».

L’esercito americano lascia i materiali alle spalle

Anche il segretario alla Difesa degli Stati Uniti ha espresso il suo orgoglio in una dichiarazione. Lloyd Austin, che stava osservando gli ultimi momenti all’aeroporto di Kabul tramite una trasmissione in diretta dal Pentagono, si è detto “orgoglioso” del ruolo che abbiamo avuto in questa guerra. Secondo Austin, l’evacuazione è stata “storica” ​​e “nessun altro esercito al mondo può realizzare ciò che noi, i nostri alleati e i nostri partner abbiamo fatto in così poco tempo”. “Questa è una testimonianza non solo delle capacità e del coraggio delle nostre forze armate, ma anche delle nostre relazioni e delle capacità dei nostri alleati e partner”.

READ  La Germania riprende la missione di evacuazione in Afghanistan | Afghanistan nelle mani dei talebani

Secondo il generale americano McKenzie, la consegna dell’aeroporto ai talebani è stata “pratica e pratica”. Poco dopo la partenza delle forze americane, i combattenti talebani sono entrati nell’aeroporto, dove hanno incontrato attrezzature militari abbandonate.

Il generale McKenzie ha spiegato che alcune attrezzature militari statunitensi utilizzate in Afghanistan erano state rimosse dal paese e altre erano state disattivate. Le attrezzature utilizzate fino all’ultimo minuto per proteggere le persone all’aeroporto di Kabul sono state “smilitarizzate” o rese inutili. Ad esempio, si tratta del sistema di difesa missilistico C-RAM che è stato abbandonato dopo essere riuscito a sventare un altro attacco missilistico all’aeroporto lunedì. “Smontare quei sistemi è un processo complesso e dispendioso in termini di tempo, quindi li abbiamo rimossi dall’arma in modo che non possano essere mai più utilizzati. Pensavamo solo che proteggere le nostre forze fosse più importante che riportare indietro quei sistemi”.

Inoltre, l’esercito degli Stati Uniti ha lasciato circa 70 veicoli corazzati leggeri MRAP, 27 Humvee (jeep corazzate) e 73 aerei all’aeroporto di Kabul. Questo materiale è stato reso inutilizzabile. “Questi aerei non saranno mai più pilotati e non saranno più gestiti da nessuno”, ha detto McKenzie.

Foto: AP

Al momento non ci sono più voli da Kabul International Airport. L’esercito americano è stato incaricato del controllo del traffico aereo nelle ultime settimane. Ora che è finita, la Federal Aviation Authority degli Stati Uniti ha vietato ai piloti civili e agli aerei statunitensi di sorvolare la maggior parte dell’Afghanistan “a causa della mancanza di servizi per il traffico aereo e di un’autorità per l’aviazione civile che opera in Afghanistan, nonché per i continui problemi di sicurezza”.

Biden: il ritiro è stata una decisione congiunta

In una dichiarazione, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha ringraziato le ultime forze operanti in Afghanistan per aver effettuato il “pericoloso ritiro come previsto” senza ulteriori perdite di vite americane. Ha anche nominato e ringraziato i 13 soldati americani uccisi in un attacco dell’ISIS giovedì per i loro sacrifici. “Hanno dato la vita per salvarne decine di migliaia”.

Negli ultimi 17 giorni, le nostre forze hanno condotto il più grande ponte aereo nella storia degli Stati Uniti, evacuando più di 120.000 civili americani e i cittadini dei nostri alleati afgani e degli Stati Uniti. Lo hanno fatto con coraggio, professionalità e determinazione senza pari.” “Ora la nostra presenza militare di 20 anni in Afghanistan è finita”.

READ  Almeno tre morti nelle proteste contro la bandiera dei talebani

Biden ha detto che martedì parlerà alla nazione della sua decisione di non estendere la presenza degli Stati Uniti in Afghanistan oltre il 31 agosto, ma ha scritto che si tratta di “una raccomandazione unanime dei capi di stato maggiore congiunti e di tutti i nostri leader sul campo per la missione”. come programmato.” La loro posizione era che porre fine alla nostra missione militare fosse il modo migliore per proteggere la vita dei nostri soldati e garantire la prospettiva della partenza dei civili per coloro che desiderano lasciare l’Afghanistan nelle prossime settimane e mesi.

Completare

Il generale McKenzie ha detto in precedenza che i militari non potevano evacuare tutti quelli che volevano, ma che ora era in corso un processo diplomatico per far uscire dal paese i civili rimasti.

Biden ha detto di aver chiesto al segretario di Stato di “guidare il coordinamento con i nostri partner internazionali per garantire un passaggio sicuro a tutti gli americani, i partner afghani e gli stranieri che cercano di lasciare l’Afghanistan”. Ciò includerà la costruzione della risoluzione adottata dal Consiglio di sicurezza questo pomeriggio, che ha inviato un messaggio chiaro alla comunità internazionale su ciò che si aspetta dai talebani in futuro, in particolare sulla libertà di viaggio.

Biden ha dichiarato: “I talebani hanno promesso un passaggio sicuro e il mondo rispetterà questi impegni”. Ciò significa che la diplomazia in Afghanistan e il coordinamento con i partner nella regione continueranno a riaprire l’aeroporto in modo che coloro che vogliono partire possano continuare a partire e fornire aiuti umanitari al popolo afghano.

Fine di quasi 20 anni di guerra in Afghanistan: i talebani festeggiano, gli americani promettono
Foto: Reuters

Il Segretario di Stato Anthony Blinken ha dichiarato in una conferenza stampa che dopo “una delle missioni di evacuazione più difficili nella storia della nostra nazione”, è iniziato un “nuovo capitolo” nel trattare con l’Afghanistan. Uno «in cui condurremo con diplomazia». Blinken ha affermato che le operazioni diplomatiche a Kabul si sono fermate ma continueranno da Doha in Qatar.

Gli americani che sono ancora rimasti nel paese, circa 100-200, compresi molti cittadini con doppia cittadinanza che non sono ancora sicuri di voler partire, saranno anch’essi aiutati in un secondo momento. “Non c’è una scadenza per questo.”

Blinken ha affermato che gli Stati Uniti “manterranno anche forti capacità antiterrorismo nella regione”. In futuro, qualsiasi contatto con i talebani sarà motivato da una sola cosa: i nostri interessi nazionali. Ogni passo che faremo non si baserà su ciò che dice il governo talebano, ma sulle sue azioni. Il sostegno va conquistato.” I talebani dovranno rispettare le donne e le minoranze e formare un governo “inclusivo” e non potranno compiere attacchi di vendetta.

READ  Le emissioni di CO2 del settore energetico diminuiscono nell'UE ma aumentano nel resto del mondo | ambiente

Gli Stati Uniti continueranno a inviare aiuti in Afghanistan, ma non passeranno attraverso il governo afghano, ma andranno ad organizzazioni indipendenti come l’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati. Blinken ha sottolineato che “il lavoro dell’America in Afghanistan continua”. Coglieremo ogni opportunità per mantenere la nostra promessa al popolo afghano. In questo modo, onoriamo tutti gli uomini e le donne coraggiosi degli Stati Uniti e di molti altri paesi che hanno rischiato e dato la vita durante questa lunga missione, fino ad oggi”.

critiche e ansia

Mentre molti senatori democratici e il presidente della convenzione democratica hanno elogiato la fine della guerra e la “promessa” di Biden, anche negli Stati Uniti sono state ascoltate critiche. I repubblicani hanno parlato della “vigliaccheria e impotenza” di Biden e della sua resa ai talebani. Non tutti all’interno del partito di Biden erano ugualmente positivi. Il senatore democratico Tammy Duckworth ha parlato degli errori di entrambe le parti, chiedendo un’indagine sul rapido crollo del regime afghano e “perché non possiamo prevederlo meglio”.

Fine di quasi 20 anni di guerra in Afghanistan: i talebani festeggiano, gli americani promettono
Foto: AP

Ora che spetta ai talebani gestire l’Afghanistan senza gli Stati Uniti, crescono le preoccupazioni sulla loro capacità di guidare il paese e mantenere la sicurezza. Anche all’interno degli stessi talebani.

La CNN ha parlato con una fonte talebana a Kabul che ha affermato che la principale preoccupazione dei talebani in questo momento è che i combattenti dell’ISIS-K si stiano infiltrando. “Si stanno associando ai talebani e fingono di essere talebani”, ha detto Clarissa Ward, giornalista della CNN. È molto difficile per i talebani sapere chi fa effettivamente parte delle loro forze armate e chi potrebbe essere un jihadista dell’ISIS-K. Questa è una minaccia enorme, un pericolo reale. Ci sono timori reali che sarà difficile per i talebani garantire la sicurezza mentre lo Stato islamico nel Khorasan può impersonificarli e infliggere loro più vergogna, dolore e punizione possibile”.

Leggi anche. Dopo 20 anni di esistenza, le ultime truppe statunitensi hanno lasciato l’Afghanistan: come si presenta il futuro adesso? (+)