QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Fonti iraniane affermano: “Le forze di sicurezza iraniane stanno ora arrestando i bambini nelle scuole” all’estero

Fonti iraniane a favore della democrazia hanno affermato che domenica le forze di sicurezza hanno arrestato bambini iraniani in una scuola. Inoltre, tutti i college del Kurdistan iraniano sono stati chiusi per prevenire proteste. Le azioni del governo sono un chiaro segnale della preoccupazione dello Stato per l’opposizione nelle proteste seguite alla morte di Mahsa Amini, una donna curda di 22 anni.

Gruppi per i diritti umani hanno affermato che il filmato mostrava studenti in dozzine di città iraniane che sfidavano le forze di sicurezza con gas lacrimogeni, manganelli e proiettili veri. Ma Teheran ha negato di aver usato proiettili affilati.

Il quotidiano britannico “The Guardian” ha confermato le preoccupazioni per la sorte dei bambini. Mateen, una studentessa di tecnologia di 20 anni di Rasht, ha detto che la sua famiglia era preoccupata per il destino di sua sorella di 16 anni, Nazanin. Il fratello di mia madre ci ha chiamato stamattina e ci ha esortato a prendere Nazanin a scuola. Ha amici nei media che lo hanno messo in guardia contro l’arresto di studentesse e ragazzi di Bandar Abbas da parte delle forze repressive. “Le famiglie hanno anche esortato i loro figli a non condividere foto e video di protesta, soprattutto su Twitter. Twitter ha scioccato il cuore del regime iraniano. “Non possono più controllarlo. Nazneen e le sue amiche ci hanno avvertito di sfocare almeno i loro volti. Ma puoi solo dire all’adolescente così tanto. “

I sostenitori delle proteste affermano che il proseguimento delle manifestazioni spesso spontanee e l’autenticità di queste manifestazioni mostra quanto i giovani siano lontani dalla classe dirigente più anziana, socialmente reazionaria, lontani dai loro valori e opinioni. Nonostante le immagini dei camion che arrivano alle scuole, il ministro dell’Istruzione iraniano Mohammad Mahdi Kazem ha affermato che nessuna scuola è stata espulsa. Ha detto che sono stati contattati solo i genitori degli studenti partecipanti alle proteste.

pirati

Sabato, anche il principale canale di notizie iraniano è andato corto hackerare e rompere Immagini delle proteste in corso. Le immagini del leader, Ali Khamenei, sono state sostituite con le immagini dei manifestanti morti. È stata trasmessa anche una foto di Khamenei che bruciava durante la pausa, di cui il gruppo di hacker Adalat ha rivendicato la responsabilità. Le immagini erano accompagnate dalla frase “Join and Rise”. L’agenzia di stampa semi-ufficiale Tasnim ha confermato che il notiziario della TV di stato “è stato violato per alcuni istanti da agenti controrivoluzionari”.

Gli studenti, spesso senza velo, protestano contro il governo iraniano. © AFP

185 morti

Tuttavia, l’entità delle proteste in corso è controversa. Funzionari del governo iraniano affermano che i media occidentali travisano gli raduni, che si fermano all’arrivo delle forze di sicurezza. Tuttavia, un’organizzazione norvegese per i diritti umani ha dichiarato sabato che almeno 185 persone, inclusi almeno 19 bambini, sono state uccise durante manifestazioni in tutto il paese.

Il presidente iraniano Ebrahim Raisi ha incontrato i funzionari della sicurezza per discutere su come rendere più efficace la repressione. Successivamente, il viceministro dell’Interno Seyed Marhammadi ha dichiarato: “Ieri, ad eccezione di Teheran e Seneng, il Paese era completamente pacifico. D’ora in poi, gli arrestati nei disordini rimarranno in prigione fino a quando non saranno processati. Saranno processati rapidamente e il loro le sentenze saranno definitive e deterrenti”.