QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

“scimpanzé”: i criminali chiedono un riscatto di 200mila euro per il rapimento degli scimpanzé | All’estero

Un mese fa, tre giovani scimpanzé sono stati rapiti da un centro di soccorso nella Repubblica Democratica del Congo. I rapitori stanno giocando duro e chiedono ancora un riscatto di circa 200.000 euro.

Rapimento scimmiette ha già una sua parola in inglese: non è rapimento, ma pisolino di scimpanzé. È una storia pazzesca, ha detto Frank Chantero all’AFP. I rapitori chiedono una somma a sei cifre per il ritorno dei giovani scimpanzé. Non abbiamo quei soldi, le trattative telefoniche sono in corso e la questione è in tribunale”.

“Non ci arrendiamo”

Chantereau è direttore e fondatore di JACK (Junes Animaux Confisqués au Katanga; editore). Questa organizzazione lavora per i giovani animali catturati nel Katanga e gestisce anche un rifugio per animali a Lubumbashi, la capitale della provincia dell’Alto Katanga, nel sud-est del paese.

Secondo una fonte vicina al fascicolo, chiederà 200mila euro. Se il denaro non viene depositato, i criminali minacciano di abusare e persino di decapitare le scimmie. Ma non soccomberemo a questo, altrimenti si aprirà la porta ad altri crimini. “Non abbiamo alcuna garanzia che non verranno danneggiati”, ha detto Chantero.

complici

Gli esperti parlano di un crimine senza precedenti nel mondo delle grandi scimmie. I tre piccoli scimpanzé orfani – Monga, Cesar e Hussein – sono stati rapiti la notte del 12 settembre. Gli animali sono stati appena salvati dal bracconaggio e dalla tratta di esseri umani. Sembra che i rapitori avessero dei complici che lavoravano al rifugio.

Due giorni fa, il server di registrazione delle telecamere a circuito chiuso è stato rubato. Un giorno dopo, un manager ha sostituito i lucchetti di tutti i recinti e gabbie per animali, ad eccezione dei cuccioli di scimpanzé. Subito dopo il rapimento, il rifugio ha ricevuto una videocassetta dai rapitori. Il giovane scimpanzé viene mostrato in una stanza piena di rifiuti, con pareti di mattoni. Il filmato è stato pubblicato da Chantereau, che a sua volta ha ricevuto gravi minacce.

READ  Gislan Maxwell parla per la prima volta durante il processo: 'Non sono state fornite prove, quindi non devo testimoniare' | all'estero

commercio di avorio

L’FBI congolese sta indagando, ma ha rifiutato di commentare. Le autorità stanno prendendo il rapimento “estremamente sul serio”. Gli esperti affermano che il Congo, dove povertà, violenza e corruzione sono diffuse in alcune province, è un pilastro del commercio illegale di animali domestici. Vengono scambiati scudi d’avorio e pangolini.

La domanda di giovani scimpanzé proviene principalmente da Cina, Pakistan, Egitto ed Emirati Arabi Uniti. Secondo Chantero, i bracconieri a volte rilasciano fino a dieci scimmie adulte per prendere un cucciolo di scimmia.


Arrestati cinque dipendenti

All’inizio di quest’anno, un raro formichiere africano è stato rapito da un santuario della fauna selvatica in un’altra parte del paese. I conservazionisti sono profondamente preoccupati quando i criminali nei rapimenti di animali iniziano a vedere una nuova fonte di reddito. “La protezione degli animali nei rifugi è diventata importante quanto la protezione della fauna selvatica”, ha affermato l’attivista africana per la conservazione degli animali Iris Ho.

READ  Il numero di infortuni giornalieri si avvicina al record negli Stati Uniti

Da allora, cinque funzionari dell’asilo sono stati arrestati in Congo con l’accusa di complicità. La scorsa settimana, la Berry Daiza Foundation ha anche lanciato una richiesta di donazioni per “rafforzare ulteriormente la sicurezza del sito di Jack e la cura di altri 102 primati nel santuario”.