QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Forti campi magnetici ai margini del buco nero centrale della Via Lattea

ENGINEERINGNET.BE – Precedenti esami della luce attorno al buco nero in M87 hanno mostrato che i campi magnetici circostanti hanno permesso a questo buco nero di sparare potenti getti di materia nello spazio. Nuove immagini mostrano che lo stesso potrebbe valere anche per Sagittarius A*.

“Vediamo che nelle vicinanze del buco nero al centro della Via Lattea esistono campi magnetici forti, intrecciati e organizzati”, afferma Sarah Isson dell'EHT. “Questi tipi di campi sono cruciali per il modo in cui i buchi neri interagiscono con il gas e la materia nel loro ambiente”.

«Immaginando la luce polarizzata proveniente dal gas caldo incandescente vicino ai buchi neri, possiamo dedurre la struttura e la forza dei campi magnetici che accompagnano il flusso di gas e materia che alimenta ed estrude il buco nero», afferma il coordinatore del progetto Angelo Ricarte.

Per osservare Sagittarius A*, il team dell’EHT ha collegato otto telescopi sparsi per il mondo per creare un finto telescopio delle dimensioni della Terra.

L'Atacama Large Millimeter/submillimeter Array (ALMA), di cui l'Osservatorio Europeo Australe (ESO) è partner, e l'Atacama Pathfinder Experiment (APEX) ospitato dall'ESO, entrambi nel nord del Cile, facevano parte della rete che ha effettuato le osservazioni . Eseguito nel 2017.

“Essendo il telescopio più grande e potente dell'EHT, ALMA ha svolto un ruolo chiave nel catturare questa immagine”, ha affermato Maria Díaz Trejo, scienziata del programma europeo ALMA dell'ESO.

“ALMA sarà presto sottoposto a un ‘ammodernamento estremo’, un aggiornamento della sensibilità della banda larga, che lo renderà ancora più sensibile e continuerà a svolgere un ruolo essenziale nelle future osservazioni EHT di Sagittarius A* e di altri buchi neri”.

READ  WhatsApp ora ti consente di chattare con te stesso

L'EHT ha effettuato diverse osservazioni dal 2017 e osserverà nuovamente Sagittarius A* nell'aprile 2024. Con l'aggiunta di nuovi telescopi, l'aumento della larghezza di banda e l'aggiunta di nuove frequenze di osservazione, le immagini miglioreranno.

Le espansioni pianificate nel prossimo decennio consentiranno la produzione di filmati ad alta risoluzione di questo buco nero, che ne mostreranno il flusso nascosto, e permetteranno agli astronomi di osservare simili segni di polarizzazione in altri buchi neri.

Nel frattempo, se l’EHT potesse essere esteso nello spazio, fornirebbe immagini dei buchi neri più nitide che mai.