QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

In alcuni luoghi questo non fa altro che esacerbare il riscaldamento globale

In alcuni luoghi questo non fa altro che esacerbare il riscaldamento globale

Lo sentiamo spesso: piantare alberi aiuta il clima perché gli alberi rimuovono l’anidride carbonica dall’atmosfera e quindi riducono il riscaldamento globale. Ricerche recenti ora suggeriscono che ci sono molte sfumature: è molto importante dove vengono piantati questi alberi.

Andiamo dritti al punto: non sempre gli alberi fanno bene al clima. Gli scienziati hanno scoperto che l’effetto dell’albedo viene spesso omesso nei calcoli sul clima. Albedo è un'altra parola per indicare quanto è riflettente una superficie. Alcune superfici riflettono molto efficacemente la luce, mentre altre no. Questo tipo di riflessione della luce è importante perché anche la Terra può raffreddarsi in questo modo. Alla ricerca ha contribuito la scienziata Natalia Hassler. “Esiste un equilibrio tra il cambiamento dell'albedo e l'effetto di raffreddamento dello stoccaggio dell'anidride carbonica che il ripristino della chioma può causare”, spiega. “In precedenza, non avevamo modo di esaminare adeguatamente questo equilibrio. Tuttavia, durante questa ricerca siamo stati in grado sviluppare mappe che ci consentano di determinare la soluzione regionale adeguata al clima. La ricerca è stata pubblicata sulla rivista Comunicazioni sulla natura.

Importi aritmetici
Per la ricerca, gli scienziati hanno utilizzato una serie di calcoli complessi per confrontare l’effetto dell’albedo con l’assorbimento dell’anidride carbonica. Per fare ciò, hanno prima diviso la mappa 3D della Terra in diverse “colonne” che si estendono dalla sommità dell’atmosfera alla superficie. Poi hanno misurato la radiazione che lasciava la Terra in cima al pennacchio, che veniva anche chiamato Forzatura radiativa nella parte superiore dell'atmosfera (TOA RF) egli è chiamato. Hanno poi confrontato questi valori di radiazione con la riflettività della superficie sotto la colonna. Ciò alla fine ha permesso di trasformare l'effetto albedo in una misura utile per il confronto, chiamata “Equivalenti di anidride carbonica (CO2e)”.

Per calcolare l’effetto di raffreddamento degli alberi, gli scienziati hanno utilizzato lo stesso processo, ma questa volta hanno esaminato l’effetto della rimozione dell’anidride carbonica dall’atmosfera sulla radiazione che alla fine lascia la Terra. In questo modo anche l’effetto rinfrescante degli alberi può essere convertito in un valore simile per la CO2. Infine, è il momento di visualizzare questi diversi dati utilizzando una mappa. In questo processo, gli scienziati hanno prima utilizzato diversi valori TOA RF per la forzatura dell’albedo per avere un’idea approssimativa di come i valori cambiano al variare dei diversi tipi di aree nella foresta. Pensate, ad esempio, alle cime delle montagne innevate che diventano lentamente più verdi. In questo modo diventa possibile determinare se quella zona diventerà più fredda o più calda quando apparirà la foresta. Naturalmente esiste un solo tipo di foresta. Per lo studio, gli scienziati di ciascuna regione hanno esaminato quale tipo di foresta avrebbe potuto crescere lì e ne hanno tenuto conto durante i calcoli.

READ  WABetaInfo: WhatsApp sta lavorando a strumenti aggiuntivi per la formattazione dei messaggi di testo - Informatica - Novità

Ciò che colpisce, secondo gli scienziati, è che la Terra diventerà più calda, soprattutto nel nord nevoso, e anche nelle zone aride (come i deserti), se lì viene creata una foresta. La ragione principale di ciò ha a che fare con il candore di queste aree. Ad esempio, il riflesso della luce solare in questi luoghi raffredda il terreno più di quanto farebbe una foresta. La collega scienziata Susan Cook Patton ha contribuito alla ricerca. Spiega: “Siamo stati in grado di colmare un’ampia lacuna di conoscenze attraverso la nostra ricerca. Questo ci fornisce un quadro più completo dell’impatto preciso che le foreste hanno in definitiva sul clima. Vediamo che alcune aree cambieranno positivamente (a causa della presenza di alberi, editor), mentre altre aree cambieranno negativamente.

Bianchezza
Pertanto, i risultati della ricerca sono molto importanti. Attualmente sono in corso molti progetti globali il cui obiettivo finale è piantare quanti più alberi possibile. Per questi progetti è ora importante monitorare l’effetto dell’albedo. I ricercatori affermano che molti di questi progetti finiranno per funzionare meno bene, perché durante i calcoli non è stato preso in considerazione l’effetto albedo delle diverse aree. In pratica, ciò significa che il beneficio alla fine viene stimato troppo elevato e che in molti casi dovrà essere adeguato almeno del 20%.

In conclusione, Cook-Paton afferma che la temperatura, ovviamente, non è l’unica ragione per cui in un luogo si finiranno per piantare alberi. “Naturalmente è importante capire che ci sono molti vantaggi nel piantare un albero, anche se la temperatura non scende”, conclude. “Gli alberi possono aiutare a purificare l’acqua, produrre cibo, ma forniscono anche un habitat per la fauna selvatica. il nostro obiettivo con questa ricerca è principalmente “Il primo è invitare i governi e i proprietari terrieri ad affrontare in modo più consapevole gli effetti della bianchezza. Ecco perché abbiamo reso pubbliche le nostre mappe”.

READ  Le offerte e le specifiche ufficiali di Samsung Galaxy Watch4 appaiono online - tablet e telefoni - notizie