QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Gatz vuole un partenariato pubblico-privato nella parte nord della Metro 3: “l’unica via d’uscita dall’impasse”.

Gatz vuole un partenariato pubblico-privato nella parte nord della Metro 3: “l’unica via d’uscita dall’impasse”.

“È troppo tardi per tornare alla prima fase del progetto, che collega le stazioni Albert e North. Sto preparando il budget tecnologico che ci permetterà di spostare la seconda fase, North Burdett”, ha detto giovedì il ministro a BX1 . Ciò significa che il peso del debito associato al progetto sarà rimosso dal deficit di bilancio consentito dall’Europa.

Secondo Gatz la seconda fase è ormai completamente bloccata, “perché è molto costosa”. Tale importo era stato inizialmente fissato a 800 milioni, che è già più dell’importo inizialmente stimato di 600 milioni. “Ora la cifra è di 1,9 miliardi, siamo caduti a causa di questa debolezza, ma perché le aziende lo considerano un progetto rischioso, scaricano questo costo”, spiega il ministro è ora stimato a 4,7 miliardi di euro.

Trent’anni

Per Gatz, questi costi di costruzione devono essere sotto controllo. La sua proposta prevede che il rimborso del progetto sarà ripartito su un periodo di trent’anni attraverso un partenariato governo-privato. “Siamo seduti attorno al tavolo con la Commissione europea e la Banca europea per gli investimenti”, afferma Gatz, “stiamo confrontando progetti a Dublino, Barcellona e Londra”.

La costruzione del PPP può avere un prezzo sotto forma di commissione, ma secondo il ministro liberale tale costruzione ha il vantaggio di rendere il progetto appetibile. Qualsiasi decisione spetta in ultima analisi al prossimo governo. “In questo momento mi sto solo preparando”, dice Gatz a BRUZZ.

Gatz basa la fattibilità della sua proposta su uno studio condotto dalla Banca europea per gli investimenti. La Banca europea per gli investimenti aveva già concesso un prestito di 475 milioni di euro per il progetto a dicembre. Secondo questo studio, la costruzione di un partenariato pubblico-privato è realistica in determinate condizioni e la regione dovrebbe assumersi la maggior parte dei rischi.

READ  Google sta combattendo bene contro l'abuso di potere in India con Android - Professionista IT - Notizie

Da 60 a 70 milioni l’anno

Il vantaggio principale del piano di ripartizione dei costi su un periodo trentennale è che gli importi rimangono sostenibili per il bilancio di Bruxelles: “circa 60-70 milioni all’anno”, stima Gatz. “È come comprare una casa”, paragona. “La gente pensa anche che sia normale ripagarla in venti o venticinque anni.”