QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Gioventù e cancro: questo cambia tutto

Gioventù e cancro: questo cambia tutto

L’assistenza specifica per età è ora disponibile anche presso l’Ospedale Beatrix

Gorinchem, 2 ottobre 2023 – Ogni anno nei Paesi Bassi circa 3.900 giovani adulti di età compresa tra 18 e 39 anni vengono a conoscenza del loro cancro. Questi AYA (adolescenti e giovani adulti) sono nel fiore degli anni e spesso perdono il controllo della propria vita dopo la diagnosi. L’Ospedale Beatrix del Rivas Zuergroup offre ora a questi pazienti un’assistenza adeguata all’età e un sostegno per quanto riguarda il trattamento medico. Questa cura AYA si basa sulla domanda: “Chi sei e di cosa hai bisogno?” Durante e dopo il cancro. Il team AYA del Beatrix Hospital è composto da operatori sanitari con conoscenze specifiche sul cancro nei giovani.

La maggior parte dei malati di cancro ha più di 60 anni, il che significa che spesso i giovani rappresentano un’eccezione. I giovani malati di cancro devono affrontare domande diverse rispetto ai pazienti più anziani, ad esempio se devono completare gli studi, fare domanda per un lavoro, lavorare, ottenere un mutuo o creare una famiglia. Inoltre, la ricerca mostra che le cellule tumorali a volte possono comportarsi in modo diverso nel corpo dei giovani adulti rispetto al corpo degli anziani e dei bambini. Anche la predisposizione genetica gioca spesso un ruolo nello sviluppo del cancro. Il trattamento medico dovrebbe quindi essere quanto più adattato possibile a questo gruppo unico di pazienti. AYA Care si prende cura di tutte le esigenze di assistenza specifiche della tua età.

AYA si prende cura del Beatrix Hospital

L’equipe di assistenza AYA del Beatrix Hospital è composta da medici, infermieri oncologici, un’infermiera specializzata, un fisioterapista, uno psicologo e un consulente spirituale. Uno dei medici che fa parte di questo team è l’ematologa Susan Last-Koopmans: “Il fatto che noi come ospedale ora offriamo cure AYA è estremamente importante. Fortunatamente, gli AYA costituiscono un numero relativamente piccolo di tutte le persone a cui è stata diagnosticata una particolare forma del cancro.” Ma l’impatto sulle loro vite è davvero diverso. Si tratta di giovani che sono nel fiore degli anni e spesso iniziano una parte diversa della loro vita; pensano a fondare una famiglia, studiare, cercare un lavoro, ecc. L’incertezza che nasce tra queste persone Quando viene diagnosticato un cancro, la loro condizione è molto significativa. Ecco perché è molto importante poter sostenere questi pazienti quando necessario. Questo può essere a livello psicologico, ma anche nel campo della questioni pratiche, problemi sociali e ovviamente anche fisici.Come team AYA, possiamo fornire l’assistenza adeguata richiesta in modo più mirato e rapido.

READ  Le more sono buone per la resistenza e hanno più benefici per la salute

Rete di assistenza AYA

Il team AYA del Beatrix Hospital lavora con Erasmus MC e UMC Utrecht e fa parte di AYA Rete nazionale per la cura del cancro giovanile. All’interno di questa rete si sostengono e si formano gli operatori sanitari di AYA, si conduce la ricerca scientifica sul cancro giovanile e si scambiano esperienze. In questo modo, tutte le conoscenze e le esperienze sul “Cancro nell’era di AYA” rimangono aggiornate.

Foto © Maartje Couperus
Da sinistra a destra nella foto: Janneke Toker-Svennenborg (Direttore del Programma di Oncologia e…
Cure palliative), Mariska Fröling (fisioterapista), Jette Heelema (psicologa), Susanne Last Koopmans (ematologa), Marieke de Groot Bakker (infermiera oncologica), Ingeborg Bos van
Der Horst (infermiere consulente in oncologia), Aram van Bruxelles (oncologo), Sandra den Bestenvan Herk (specialista infermieristica). Non nella foto, ma nella squadra AYA: Ben Ostrom (spirituale
pastore)