QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Gli indù indiani vietano la convivenza tra il leone Akbar e la leonessa Sita: “blasfemo”

Gli indù indiani vietano la convivenza tra il leone Akbar e la leonessa Sita: “blasfemo”

L’India è conosciuta come un paese in cui gli eventi religiosi si verificano regolarmente. Da quando il presidente Narendra Modi è salito al potere nel paese, il suo partito ha posto grande enfasi sul nazionalismo indù. In India, circa l’80% della popolazione si identifica come indù, rispetto al 14,2% che pratica l’Islam. Tuttavia, il paese ha una grande minoranza musulmana di oltre 200 milioni di persone.

Le politiche nazionaliste indù del presidente Modi vanno a scapito dei musulmani nel paese, compresa la discriminazione nell’istruzione, nell’alloggio e nell’occupazione. Il gruppo ha poca rappresentanza nel parlamento indiano. Inoltre, anche i cittadini musulmani vengono regolarmente attaccati dagli estremisti indù.

Il presidente ha recentemente aperto un nuovo tempio indù in un sito religioso che è stato a lungo oggetto di conflitto tra musulmani e indù. Il tempio fu costruito sul luogo dove un tempo sorgeva una moschea del XVI secolo. Già negli anni ’80 si prevedeva di demolire la moschea e di costruire al suo posto un tempio. Gli indù credono che questo sia il luogo di nascita di Lord Rama, marito di Sita e una delle divinità più importanti dell'induismo.

READ  Il primo ministro olandese Mark Rutte si scontra con il collega ungherese Orban: "Perché non lasci l'Ue?" | interni