QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Gli ospedali portano medici da Cuba perché in Italia mancano i medici

Gli ospedali portano medici da Cuba perché in Italia mancano i medici

In Italia la carenza di medici è diventata così grave che il ministro della Salute la definisce una “vera emergenza”. Ci sono diverse migliaia di posti vacanti per medici nel settore sanitario, in particolare nei pronto soccorso e nelle terapie intensive, nonché in anestesia, ginecologia e ostetricia.

Orazio Schillaci, il ministro della Salute, spera di spendere altri 4 miliardi di euro nel prossimo anno per ridurre la carenza di medici e le relative lunghe liste di attesa. Ma non ha ricevuto alcuna obiezione dal ministro delle Finanze Giancarlo Giorgetti a causa della scarsa crescita economica.

La carenza di sanità pubblica, che impiega circa un lakh di medici, è diventata acuta negli ultimi due anni. Durante la pandemia del coronavirus la pressione sugli ospedali è enorme. I politici sia di sinistra che di destra hanno promesso di investire più soldi nell’assistenza sanitaria, ma non hanno mantenuto le loro promesse. Anzi. Nel 2022, la spesa sanitaria scenderà al 6,2% del Pil dal 6,8% dell’anno scorso contro il 6,6% dell’anno scorso. In confronto, la Germania ha speso il 12,7% del suo Pil per l’assistenza sanitaria nel 2022.

Tempo e denaro scarseggiano costantemente

I medici italiani dicono ai media che un decennio di tagli al bilancio e di congelamento delle assunzioni hanno avuto un effetto devastante sul loro morale. La mancanza di tempo e denaro è costante e gli stipendi sono considerati bassi; Un medico in ospedale guadagna in media 2.800 euro al mese.

Tutto ciò ha provocato un vero e proprio esodo. I medici sono andati in pensione, si sono trasferiti in cliniche private o sono lavoratori autonomi. Inoltre molti medici, soprattutto giovani, sono andati all'estero.

Secondo il Partenariato Europeo OCSE, nel 2019, 2020 e 2021 hanno lasciato l’Italia complessivamente oltre 21.000 medici. Sono andati a lavorare in altri paesi europei. Francia e Regno Unito sono popolari, ma sono emigrati anche in Qatar e Arabia Saudita. Solo una piccola parte degli operatori sanitari migranti finisce nei Paesi Bassi: negli ultimi cinque anni, 110 medici, dentisti, ostetriche e infermieri provenienti dall’Italia hanno avuto il via libera per venire a lavorare nei Paesi Bassi. La maggior parte nel 2021, l’anno successivo all’inizio della pandemia del coronavirus.

Questa fuga di cervelli è sicuramente dannosa per l’Italia: c’è un grande bisogno di medici in patria e i corsi universitari costano allo Stato circa 40.000 euro a persona.

Attività insolite

Alcuni amministratori sanitari affrontano il problema in modo non ortodosso. La regione meridionale della Calabria, ad esempio, ha portato quest’anno quasi duecento medici da Cuba. “Da quando hanno iniziato a lavorare qui abbiamo ripreso a respirare”, racconta al quotidiano Francesca Liotta, amministratrice di Reggio Calabria. Repubblica di La. Nei prossimi due anni altri trecento medici cubani lavoreranno negli ospedali calabresi.

Il governatore della Calabria, Roberto Ociuto, ha detto a Reuters di essersi rivolto a Cuba “per pura disperazione”. Dapprima cercò di coprire i posti vacanti con italiani, ma senza successo. Poi è andato alla ricerca dell'Albania. “Ma mentre in Italia i medici possono guadagnare da cinque a sei volte di più che nel loro Paese, in Germania gli stipendi sono molto più alti”, ha detto il governatore. In Italia uno specialista guadagna in media 76.000 euro all'anno, contro i 162.000 euro della Germania.

Lo scorso settembre, il ministro della Sanità Shilasi ha dichiarato di voler attirare più personale medico dall’estero. Ha detto che stiamo cercando di concludere un accordo con l'India a questo riguardo. Ma i critici sottolineano la difficoltà di questa mossa affrettata: c’è una barriera linguistica – pochi stranieri parlano un italiano fluente – e ulteriori ostacoli burocratici da superare se un diploma straniero viene riconosciuto. Dicono che la carenza di medici non finirà presto.

L'infermiera di comunità Daniela Giunda: 'Ora lavoro in un gruppo di autogestione. Beh, non sapevo nemmeno cosa significasse quando lavoravo in Sicilia.'

L'infermiera sociale Daniela Giunta è arrivata nei Paesi Bassi quasi tre anni fa

“L’Italia era molto impegnata durante il periodo del Corona. Ho lavorato come infermiera in ambulanza senza conseguire una laurea post-laurea specifica. Impari a specializzarti in un'ambulanza, ma è un lavoro duro.

“Amo viaggiare, e durante il periodo Corona ho guardato con il mio ragazzo per vedere se c'era ancora un posto che potessimo visitare. Poi siamo andati ad Amsterdam e dintorni come turisti. Alla fabbrica nera di Haarlem ho pensato: perché non andiamo in Olanda?

“Ho digitato su Google 'lavorare come infermiera nei Paesi Bassi'. Ho trovato un'azienda, ho fatto domanda e sono stato assunto immediatamente. Ho seguito un corso intensivo di olandese in Spagna per tre mesi. Era una cosa seria, e allora potevo cominciare subito: a Bussum, nelle faccende domestiche.

“In Italia, tutto il sistema sanitario è deciso dall'ASL locale. Come infermiere, ottieni un lavoro da loro e poi lo fai. Punto. Nei Paesi Bassi, io stesso conduco un colloquio di ammissione e decido quante cure per organizzare per i clienti.

“È molto normale in Italia, dove il medico ordina all'infermiera, l'infermiera ordina all'assistente, l'assistente ordina alla donna delle pulizie. Sono rimasto sorpreso quando ho ricevuto una chiamata da un medico che diceva: “Ciao, sono Catherine”. Ho pensato: “Chi è Catherine, perché non mi dici il tuo cognome?”

“Ancora una cosa: ora lavoro in un gruppo di autogestione. Beh, non sapevo nemmeno cosa volesse dire quando lavoravo in Sicilia. Ho dovuto imparare molto sul modo di lavorare: come gruppo monitoriamo le nostre finanze, stabiliamo il nostro programma… Ma questi compiti non mi disturbano davvero. Ti rendono parte di una squadra, piuttosto che un individuo che svolge un'attività.

“Molte cose devono cambiare prima di tornare in Italia. Voglio tornare alla mia famiglia, al sole, alla spiaggia. Ma cambierò lavoro. Non voglio più andare alle cure italiane.

Il tecnico Luisa Camoglio: 'Finché c'è la burocrazia in Italia, non tornerò indietro'.  Immagine

Il tecnico Luisa Camoglio: 'Finché c'è la burocrazia in Italia, non tornerò indietro'.

Luisa Camoglio esercita la professione di medico di medicina generale nei Paesi Bassi

“Il mondo sanitario olandese è più aperto, flessibile e accessibile rispetto a quello italiano. Non devi conoscere nessuno per fare carriera come medico, non devi essere figlio o figlia di qualcuno per fare le cose. Quel contatto diretto e l'accessibilità è importante per me.

“Vivo in Olanda dagli anni '90, specializzandomi come medico di base. Devo stare attento a segnalare i problemi in Italia, perché i problemi ci sono ovunque. Ma finché c'è la burocrazia in Italia, non andrò L'ASL, che è un'organizzazione molto più grande, funziona letteralmente come una macchina.In Italia nessun ospedale può assumere i propri medici: solo l'ASL ha questo diritto .

“I tempi di attesa in Italia sono molto lunghi per fissare un appuntamento o ottenere un appuntamento, a meno che non si paghi di tasca propria. E poi all'improvviso non c'è più tempo per aspettare. Recentemente ho aspettato otto ore in Italia con mia figlia per vedere un medico per un piccolo reclamo. Ho difficoltà con un sistema che si concentra sui portafogli delle persone. .

“Molte cose devono cambiare se mai voglio prendere in considerazione l'idea di tornare in Italia come medico. Ma questo non significa che non potrò più trovarmi lì. Ho una piccola azienda agricola in Sardegna. Il sistema sanitario olandese è molto flessibile e posso gestirlo parallelamente al mio lavoro di medico di medicina generale.

Per saperne di più:

Quasi da nessuna parte il coronavirus ha colpito così duramente come a Bergamo. “Qui il calcio è una distrazione gratificante”

Quasi da nessuna parte il coronavirus ha colpito così duramente come a Bergamo. In segno di gesto verso la città, gli olandesi hanno giocato contro l'Italia nella città colpita.

READ  Un ponte per la Sicilia? 'Non ci crederò finché non lo vedrò'