QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Gli scienziati hanno chiesto ulteriori ricerche sul veleno nell’abitacolo: Zemlya

oggi

Tempo di lettura 4 minuti

Gli scienziati chiedono ancora una volta un’ampia ricerca epidemiologica sul legame tra i membri dell’equipaggio malati e la qualità dell’aria a bordo degli aerei. Secondo il neurologo Gerard Hageman, è molto probabile che l’esposizione a lungo termine alle tossine nell’abitacolo e nella cabina causi seri danni alla salute. Tuttavia, non è stata stabilita una relazione causale. Il ministro Harpers per le infrastrutture e la gestione delle risorse idriche afferma di sostenere la ricerca di follow-up.

In un capitolo recentemente pubblicato sulla rivista scientifica Progressi in neurotossicologia Quattro autori, tra cui Hageman, espongono le intuizioni scientifiche sul cosiddetto sindrome da tossicità aerobica di fila. Per molti anni, ricercatori di tutto il mondo hanno tentato di spiegare perché una piccola minoranza di equipaggi sviluppa gravi disturbi neurologici e cognitivi. Ci sono indicazioni serie che ciò abbia qualcosa a che fare con la scarsa qualità dell’aria a bordo degli aerei, ma nessuna prova conclusiva. Non è quindi (ancora) una malattia professionale riconosciuta.

Perdita d’olio

Molti motori aeronautici soffrono di perdite d’olio. Di conseguenza, basse concentrazioni di sostanze tossiche finiscono nell’abitacolo e nell’abitacolo. C’è anche un cosiddetto eventi di fumo Invece, la perdita è più grande e l’aereo è improvvisamente blu di fumo. In una situazione del genere, il pilota potrebbe dover far atterrare l’aereo il più rapidamente possibile perché i passeggeri e l’equipaggio non stanno bene.

Cos’è la sindrome da tossicità aerobica?

La maggior parte dei passeggeri che stanno bene dopo questo è successo il fumo recuperare rapidamente. Ma tra l’equipaggio, i reclami a volte sono più urgenti e alcuni devono persino essere ricoverati in ospedale. La spiegazione di ciò potrebbe essere che i piloti e l’equipaggio di cabina sono anche esposti a basse concentrazioni di tossine, come gli organofosfati, durante i voli “normali”. Questo può portare a ipersensibilità.

READ  MS Sjonnie (45) rinata dopo il trattamento a Mosca: "Il dolore nel mio corpo è sparito" | Almelo

interessi importanti

zimbella Ha fatto molte trasmissioni Sulla misteriosa malattia pilota. in onda”Veleno nella cabina di pilotaggio (2017)” Abbiamo mostrato come l’industria aerea sia contraria agli scienziati che cercano malattie. Abbiamo parlato con decine di piloti, assistenti di volo e assistenti di volo con gravi problemi di salute. Alcuni di loro non sono nemmeno in grado di lavorare. Così fa l’assistente di volo Evelyn van den Heuvel. Ha fatto causa perché non percepiva un’indennità di invalidità.

Più ricerca

Il quadro clinico varia da persona a persona. Hageman: “Alcuni pazienti hanno più disturbi o aritmie polmonari e altri hanno più disturbi neurologici”. Nello studio recentemente pubblicato, gli autori citano anche altre possibili spiegazioni, come privazione del sonno, turni irregolari, jet lag e lavoro ad alta quota.

Ma perché alcune persone ricevono lamentele e altre no? Può essere legato a una certa suscettibilità genetica. Ci sono indicazioni in tal senso. Quindi i quattro autori insistono su ulteriori ricerche: migliori apparecchiature di rilevamento a bordo degli aerei e un’ampia ricerca epidemiologica.

mantieni il silenzio

Il controllo delle tossine e un’ampia ricerca sui membri dell’equipaggio malati e sani richiedono la collaborazione delle compagnie aeree. E non sono entusiasti, siamo rimasti a questo Trasmissione vedere. In effetti, un pilota KLM malato è stato costretto a volare di nuovo. Quando finalmente se ne andò, dovette firmare un contratto di silenzio.

I produttori e le compagnie aeree hanno negato o minimizzato la sindrome da avvelenamento atmosferico per anni. Affermano che non è certo che i membri dell’equipaggio si ammalino effettivamente a causa del volo. Secondo il neurologo Hageman, è sempre difficile stabilire una connessione tra i reclami e l’esposizione a determinate sostanze tossiche con tali disturbi. Ci vollero anche anni prima che la cosiddetta malattia del pittore venisse ufficialmente riconosciuta come malattia professionale.

READ  Login verde nell'app, ma Corona: ``Si tratta di un rischio residuo'

Contanti

Nel 2015, il Segretario di Stato, Wilma Mansfield, ha creato il National Cabin Aviation Advisory Group (NAC). Questo gruppo consultivo deve informare il Ministero e fornire consulenza su questo fascicolo. Oltre agli scienziati, il NAC comprende anche rappresentanti dell’industria aeronautica. Tuttavia, la qualità e la frequenza delle segnalazioni di NAC sono state criticate per anni e recentemente sono state evidenziate in una trasmissione puntatore Da KRO-NCRV.

nell’ultimo Rapporto Da NAC (dal 2021): “La causa dei reclami non è ancora chiara. Una possibilità è che riguardi un piccolo gruppo di persone che, per predisposizione genetica, sono più sensibili agli effetti sulla salute di alcune sostanze”.

Quando Zembla chiede se il NAC pensa che sia necessaria una nuova ricerca epidemiologica su larga scala, la risposta è: “Questa è una domanda che i membri possono porre”. NAC afferma inoltre che l’opportunità di apparecchiature di rilevamento degli aeromobili è stata discussa all’interno del gruppo consultivo, “ma ciò non ha ancora portato a consigli”.

ministro della risposta

Alla domanda di un portavoce del ministero delle Infrastrutture e della gestione delle acque, ha affermato: “Il ministro valuterà molto seriamente questo consiglio, data l’importanza della sicurezza”. Saranno inoltre sostenute ulteriori ricerche. “Per il ministro, la sicurezza aerea è il numero uno”.

Secondo il dipartimento, RIVM è attualmente coinvolto in un’indagine internazionale sull’esposizione chimica attraverso l’aria della cabina.