QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Gli Stati Uniti sostengono la rinuncia ai brevetti per il vaccino Corona | Il coronavirus si sta diffondendo

Gli Stati Uniti stanno dietro una proposta per rilasciare brevetti per i vaccini Corona. Lo ha affermato l’inviato statunitense per il commercio Catherine Tay in un’intervista a Bloomberg News. I paesi in via di sviluppo all’interno dell’Organizzazione mondiale del commercio (OMC) sostengono da tempo che le conoscenze alla base dei vaccini non dovrebbero essere protette, in modo che i paesi meno ricchi possano vaccinare rapidamente gran parte della popolazione contro il Covid-19. L’Organizzazione Mondiale della Sanità accoglie con favore questo annuncio.




“Sosteniamo la rinuncia all’interno dell’OMC e sosteniamo gli obiettivi che i fautori vogliono raggiungere, che sono un migliore accesso, una maggiore capacità di produzione e più incentivi”, ha detto Tai a Bloomberg. Ha aggiunto che il governo del presidente Joe Biden ora vorrebbe convincere anche altri membri dell’OMC a sostenere la proposta. L’hack richiederà tempo. I membri dell’Organizzazione mondiale del commercio, l’arbitro del commercio internazionale, possono prendere decisioni solo all’unanimità.


citazione

Onestamente ammetto che questo non sarà un processo facile

Kathryn Tye

“Per quanto riguarda il tempo necessario affinché l’OMC significhi qualcosa, dipende letteralmente da ciò che i membri possono fornire collettivamente”, ha spiegato Tai. “Ammetto sinceramente che questo non sarà un processo facile”.

India e Sud Africa sono i principali motori della proposta di revocare temporaneamente la protezione contro l’invenzione dei vaccini Corona. Entrambi i paesi stanno affrontando un forte aumento del numero di casi in Corona, con il deterioramento della situazione umanitaria su base quotidiana, soprattutto in India. La cosa spaventosa è che il paese asiatico è il più grande produttore di farmaci generici al mondo e, con il Serum Institute of India, ospita uno dei più grandi produttori di vaccini.

L’inviato commerciale degli Stati Uniti Catherine Tye. © AP

Sempre più difensori

In precedenza, le proposte di rilascio di brevetti erano state respinte dagli Stati Uniti. Ma tra i membri del Congresso degli Stati Uniti, c’è una crescente richiesta di condividere la conoscenza scientifica.

Anche l’Unione Europea, il Giappone, la Svizzera, il Brasile e la Norvegia si sono opposti al piano. Ma secondo Tay, la posta in gioco è così tanto che il diritto di proteggere le invenzioni private deve cedere. Per inciso, l’India e il Sud Africa hanno indicato oggi che modificheranno la loro proposta qua e là fino a quando non ci sarà un’approvazione più ampia.

Diverse aziende farmaceutiche si oppongono fermamente a questa proposta. Se guadagnano meno dai loro vaccini rivelando conoscenze protette, temono anche di avere meno soldi per poter innovare. Inoltre, ritengono che la procedura sia inefficace. L’industria afferma che pochi paesi avrebbero la capacità di produrre effettivamente più vaccini se autorizzati a farlo.

Il direttore dell'OMS Tedros Ghebreyesus accoglie con favore il sostegno degli Stati Uniti per revocare i brevetti sui vaccini.

Il direttore dell’OMS Tedros Ghebreyesus accoglie con favore il sostegno degli Stati Uniti per revocare i brevetti sui vaccini. © Reuters

‘Un forte esempio di leadership’

Tedros Adhanom Ghebreyesus, capo dell’Organizzazione mondiale della sanità, ha detto in risposta che il piano del presidente degli Stati Uniti Joe Biden di sostenere una proposta di rinuncia ai diritti di proprietà intellettuale per aumentare la produzione globale di vaccini è “un momento colossale nella guerra contro COVID-19”.

“L’impegno di Joe Biden a sostenere la revoca della protezione della proprietà intellettuale per i vaccini è un potente esempio della leadership degli Stati Uniti nell’affrontare le sfide sanitarie globali”, ha aggiunto Ghebreyesus.

Mark Cook sostiene la revoca dei brevetti sui vaccini Corona

READ  14 morti in un attacco armato in Perù, nella regione in cui si coltiva la coca | all'estero