QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Greenpeace: “L’energia verde spesso non è affatto verde.” | ambiente

L’organizzazione ambientale Greenpeace ha vagliato tutti i fornitori di energia belgi. “Abbiamo scoperto che solo sette su diciassette forniscono effettivamente il 100% di elettricità rinnovabile e insieme rappresentano appena l’1% di tutti i contratti di elettricità”, sembra. “Il resto fornisce un mix di energia rinnovabile, nucleare e fossile”.




Greenpeace ha organizzato diciassette fornitori di energia. Solo sette fornitori hanno una strategia in linea con l’accordo sul clima di Parigi. Il resto dei contratti verdi, secondo Greenpeace, fornirà infatti un mix di energia rinnovabile, nucleare e fossile. In cima ci sono le cooperative come i migliori studenti della classe, e nella parte posteriore si trovano Engy, Antargaz e Luminus.

“In sintesi, stiamo indicando che gli investimenti nelle energie rinnovabili sono molto bassi. I principali fornitori di energia si attengono ostinatamente ai loro combustibili fossili con il “business as usual”. Tuttavia, il Summit sul clima ha dato un chiaro segnale che dobbiamo eliminare gradualmente i combustibili fossili “, afferma. Tobias Bans, esperto di energia presso Greenpeace Belgio. Ad esempio, appena un quarto degli investimenti che TotalEnergies fa nelle fonti energetiche è diretto verso le rinnovabili”.

Secondo Greenpeace, le cooperative energetiche sono la migliore garanzia di energia verde. “E un sistema energetico che ha molta energia rinnovabile è anche un bene per il consumatore, perché è meno suscettibile alle fluttuazioni dei prezzi e quindi più sicuro per il portafoglio”, afferma Bans. Pertanto, invitiamo i fornitori a fare del loro meglio per ottenere il cento per cento di elettricità e riscaldamento rinnovabili”. mijngroenestroom.be Potete consultare la disposizione.

READ  Lo strumento di autovalutazione online su coronavirus e PLF è inattivo...