QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Gummers sulle preoccupazioni per la pressione provvisoria: il rilassamento non porterà a un culmine | proprio adesso

L’imminente allentamento delle procedure Corona non porterà a un picco nel numero di ricoveri in terapia intensiva perché la vaccinazione è ora sulla buona strada, afferma il medico e capo del personale dell’Associazione olandese per la terapia intensiva (NVIC) Diederik Gommers contro ANP. L’attuale stress sulle unità di terapia intensiva (CI) è, secondo il medico IC, il risultato della mancanza di conformità con le attuali misurazioni Corona.

Sabato, un gruppo di specialisti in terapia intensiva degli ospedali del Brabante ha scritto in una lettera al Ministero della Salute che “la popolazione olandese non sembra rendersi conto di quanto siamo vicini quando viene raggiunta la nostra capacità massima di IC”.

Gommers capisce che le persone sono preoccupate per la situazione negli ospedali, ma afferma che l’attuale pressione sui circuiti integrati “non ha nulla a che fare con la mitigazione”.

Il fatto che i circuiti integrati siano ora così pieni è il risultato del nostro comportamento di tre settimane fa, secondo un medico di IC. “Il tempo era bello all’inizio di aprile e tutti erano vicini nei parchi. Ora lo si vede dai numeri degli ospedali”. Inoltre, le persone non lo stanno prendendo da vicino in questo momento con una serie di misure Corona, come l’organizzazione dei visitatori. “Non ci aspettiamo che questo comportamento cambi molto come risultato di questa mitigazione”.

“Ci rendiamo conto che è ancora molto difficile negli ospedali”.

Lo svantaggio dell’apertura degli spalti e dell’abbandono del coprifuoco, secondo Gommers, è che le persone possono pensare che la crisi sia già finita e che è meno probabile che aderiscano alle regole di base. “Questo è pericoloso. Abbiamo già interrotto parzialmente le cure pianificate in modo critico e le operazioni necessarie entro sei settimane. Non puoi farlo per troppo tempo. Ecco perché continuo a dire: mi rendo conto che è ancora molto difficile negli ospedali”.

READ  I pazienti della Corona indiana sono stati consumati dal micidiale fungo nero

Gummers dice che la vaccinazione alla fine dovrebbe aiutarci a uscire dalla crisi. “Stiamo vaccinando come un matto in questo momento. Questa è la chiave. Se qualcosa va storto con la vaccinazione nelle prossime settimane, avremo un grosso problema”.

Il Ministero della Salute comprende anche le preoccupazioni dell’intenso Brabante. Un portavoce ha detto: “La situazione negli ospedali riceve la nostra piena attenzione. Siamo in costante contatto con il personale ospedaliero e con il National Acute Care Network (LNAZ) e ascoltiamo i segnali forti e chiari”.

“Allo stesso tempo, c’è anche un forte richiamo alla prospettiva da parte della società. Quindi il Consiglio dei Ministri ha sempre posto ampie considerazioni sociali nel processo decisionale, e questo è stato il motivo per fare un primo passo cauto a partire dal 28 aprile. Occhio alle aspettative . “