QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Hyundai offrirà auto elettriche solo in Norvegia dal 2023 – immagini e suoni – notizie

Ecco perché puoi fare qualcosa di speciale con l’impianto elettrico con un veicolo elettrico, per assicurarti che le persone giuste paghino per l’utilizzo. Il furto di energia è sempre stato un problema, quindi quello che abbiamo deciso con la crescente domanda di prese di corrente esterne è che c’era un modo per cambiarle e misurare la quantità utilizzata. Potresti farlo da solo con un contatore di kWh e una chiave, ma ovviamente questo non è sempre pratico per un’auto. Questo è il motivo per cui queste prese sono spesso intercambiabili con una carta, che in realtà indica chi paga, e quindi quella presa parla con il back-end in modo che la tua bolletta energetica sia saldata.

Tutto questo è in realtà ciò che è una stazione di ricarica. Non un interruttore “intelligente”, ma solo una sorta di contatore / interruttore / backend kwh in uno. E poiché esiste una sorta di connessione UART leggera tra l’auto e il palo che consente di passare da una fase all’altra, o anche: quanti ampere possono essere utilizzati in un dato momento, molto è possibile.

I pannelli solari del tuo compagno sono solitamente monofase con questo tipo di alimentazione. Non male in un’economia di compensazione, ma penso che sappiamo tutti che la compensazione non è del tutto “equa”. In alternativa, ciò che il tuo collega può fare è calcolare di quanti chilowattora ha effettivamente bisogno al giorno. 2600kWh non sono così ridicoli per i pannelli, tieni presente che 3000kWh non sono certo pochi, ma con una stazione di ricarica (presa) “intelligente” puoi effettivamente offrire una sorta di modalità economica in cui puoi effettivamente ricaricare solo dal tuo sole BK (a condizione che non ci siano altre domande dalla rete, come una griglia o una stufa latente su 2 kW).

READ  Il viaggio in treno per Vienna si trasforma in un incubo per la coppia Waterloo: un difetto, un ritardo e una grossa multa | Per viaggiare

Credo che il tuo capo possa risparmiare molti costi fornendo una tale spina dorsale + carta. Siamo onesti: i kWh con un caricabatterie rapido sono quasi sempre più costosi della normale alimentazione, anche se utilizzi 11 kW (3 x 16 ampere) e soprattutto se stai effettuando una ricarica “eco”. Questo, che è molto meno gestionale.

4000 kWh a proposito, ottengo circa 100 km con 14,7 kWh, il che mi fa circa 27.210 km con 4000 kWh. È un chilometraggio annuale ragionevole. Particolarmente buono che guida elettrico! Ma se questo è un business, allora il capo dovrebbe davvero contribuire in qualche modo. Se traduci questo in combustibili fossili, è un enorme guadagno. Ci sono circa 9 kWh di energia in un litro di benzina, se la benzina avesse un’efficienza elettrica avrebbe consumato circa 444 litri. La benzina però non è così efficiente, con un rapporto di consumo ideale di 1:20, prima ti sarebbe costata circa 1.500 litri di benzina, forse di più. Ogni litro di benzina pesa circa 750 grammi, l’82,5% è carbonio, quindi quando entri in contatto con l’anidride carbonica, emetti circa 2,5 kg di anidride carbonica per litro di benzina, il che rende un’auto a benzina 1:20 fino a 3750 kg di CO2 diossido di carbonio. La centrale a carbone, che è certamente il caso peggiore, produce solo 800 g per kWh, il che porta l’EV a 3.200 g. Questo è il caso peggiore. Il nostro bilancio energetico è sempre più privo di anidride carbonica, ed è già di circa 440 g/kWh. Poi mi concentro sulla CO2, ma l’EV fa molto di più in altre cose.

READ  Il prezzo di Bitcoin (BTC) termina la settimana in rosso ma le balene continuano a comprare, cosa contano i prezzi? » Insider cripto

Con questi tipi di forme però… la “Presa Intelligente su Pilastro Semovente con Identificatore” (stazione di ricarica) tornerebbe utile! Anche per la responsabilità dell’imprenditore, perché vanno comunicati anche i numeri di CO2 dell’azienda dal prossimo anno. E ora ci sono aziende che utilizzano questo tipo di dati per avvantaggiare un appaltatore in un’offerta (sotto forma di un ipotetico sconto, ad esempio).