QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

I bambini dai 16 ai 17 anni vengono vaccinati rapidamente nelle Fiandre

Su consiglio della task force per l’immunizzazione, i ministri della salute hanno deciso oggi di introdurre un vaccino contro il virus Covid-19 per le persone di età compresa tra 16 e 17 anni. Verranno vaccinati subito dopo i 18 anni.

Tutti i bambini di età compresa tra i 16 e i 17 anni riceveranno un invito a farsi vaccinare presso il centro vaccinale della loro zona. Questo invito sarà inviato al loro indirizzo di casa. E proprio come con gli anziani, dovranno chiarire se accettano o rifiutano di farsi vaccinare.

Se il giovane non è disponibile per la vaccinazione in quel momento a causa di un campo o altro motivo, la vaccinazione può essere trasferita. L’invito alla vaccinazione è valido per 30 giorni. Una nuova data può essere programmata entro quei 30 giorni.

Ovviamente si chiede che la data prevista possa continuare il più possibile.

Il ministro fiammingo della gioventù Benjamin Dahl (CD&V) è soddisfatto: “È positivo che presto ci sarà chiarezza su un vaccino per i giovani. La flessibilità incorporata nella storia delle vaccinazioni garantisce che i leader possano anche partire per un campo o un’attività giovanile senza alcuna preoccupazione In questo modo evitiamo di dover scegliere tra vaccinazione o camp.

Ai sensi del Patient Rights Act, la vaccinazione dei bambini di età compresa tra 16 e 17 anni non richiede il consenso dei genitori o del tutore. Tuttavia, la vaccinazione contro il virus rimane volontaria. Attualmente, solo il vaccino Pfizer/BioNTech ha l’approvazione per vaccinare i bambini dai 16 ai 17 anni.

I giovani si ammalano meno di infezione da COVID-19 e di solito finiscono in ospedale meno rapidamente. L’impatto sugli ospedali è limitato, ma l’infezione in questo gruppo non può essere sottovalutata.

READ  Il cibo malsano è una pandemia che vale lo stesso approccio alla corona? Mangiare prodotti non lavorati dell'agricoltura e del giardinaggio olandesi: non ti farà ingrassare e ammalare | Opinione

priorità

Ripetiamo solo che è il turno solo dei giovani dai 18 anni in su. Secondo Dirk Ramaekers, capo della task force sulla strategia di vaccinazione, sarà probabilmente possibile per i bambini di età compresa tra 16 e 17 anni iscriversi all’elenco delle riserve QVAX. Ma questo non è stato ancora risolto.

Chi ha la priorità: i 16-17enni con patologie pregresse (diabete di tipo 1, problemi renali, fibrosi cistica…) riceveranno già il loro invito. Medici e pediatri potranno aggiungerli a questa lista.

Secondo il ministro della Sanità Frank Vandenbroek (Forwitt), è importante vaccinare le persone di età inferiore ai 18 anni. Inizialmente, un minimo del 70 percento veniva segnato come goal (Percentuale di parenti immunizzati rispetto alla popolazione totale, rosso). Ma ora sappiamo che ci sono varianti più contagiose. Ha detto a VRT che con proprio questa conoscenza, devi decidere che il 70 percento potrebbe non essere sufficiente se vuoi proteggere l’intera popolazione”.

18 anni e più

Nel frattempo, la conferenza interministeriale chiede alla task force di indagare – come un certo numero di altri paesi europei – se sia auspicabile e fattibile per gli adulti di età compresa tra i 18 e i 40 anni prendere una decisione informata per J&J su quella mano e il vaccino J&J di D’altra parte, il vaccino AstraZeneca.

Entrambi i vaccini sono ora, a causa dei loro effetti collaterali, destinati solo a chi ha più di 41 anni.

Tuttavia, le persone possono scegliere volontariamente di essere vaccinate con questi vaccini. “Volontario” significa che chiunque non scelga di farlo sarà comunque idoneo per il vaccino mRNA. La task force ora esaminerà ulteriormente come questa opzione di vaccinazione possa essere applicata dopo una scelta informata, con attenzione agli aspetti legali e operativi della difesa e della prenotazione della vaccinazione. L’IMC prenderà quindi una decisione sulla base di questo e di ulteriori studi per valutare i pro ei contro dei diversi vaccini.

READ  La variabile delta raddoppia le possibilità di ricovero per le persone non vaccinate